Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Navimodellismo > Navimodellismo a Vela


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 08 giugno 08, 21:24   #1 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di giorgio7
 
Data registr.: 27-06-2007
Residenza: pisa
Messaggi: 158
Immagini: 27
LAMINARE sul master

Apro questa discussione dopo molte incertezze perché non vorrei che fosse vista in contrapposizione con lo splendido reportage di ClaudioD sul CD65 , ma
per rispondere a chi chiede informazioni sul metodo, come az1970, o a coloro, come fishwolf, che credono l’autocostruzione di un modello in composito molto laboriosa
e lunga nel tempo. Non è così ; con la laminazione direttamente sul modello maschio
si può ottenere uno scafo, con le caratteristiche superficiali di uno che esca da uno stampo femmina,
in pochissimo tempo e con un lavoro modesto. La tecnica da anni siamo in molti ad usarla, uno per
tutti ed autorevole Claudio Vigada che nel suo sito la descrive anche; ma, almeno io, ottenevo uno scafo che una volta polimerizzato andava scartavetrato, stuccato, un paio di mani di fondo e infine verniciato . Solo di recente sono riuscito ad ottenere una superficie che si presenta senza forellini liscia e lucida , così





Vediamo gli strumenti ,i trucchi e le avvertenze e i passaggi critici.
Si parte dal solito modello costituito dalle ordinate in compensato montate sulla coperta con gli spazi tra un’ordinata e l’altra riempiti con poliuretano (quello dei pannelli isolanti alla più alta densità che trovate ) portato a misura e forma con taglierino e carta vetrata, coprite tutto con un generoso strato ( 1 o 2 mm ) di un buono stucco per legno , deve essere fine, che asciughi in fretta e ben carteggiabile. Ora si tratta di rifinire il modello con carta vetra ( non serve più fine del 150 ) ciò che importa sono le linee e i volumi, sono quelli che vi ritroverete sulla vs barca : gobbe o dissimmetrie sono i nemici, se non vi fidate del vs occhio delle dime in compensato ( ad es. del piano di galleggiamento e del profilo laterale ) vi aiuteranno . Scusatemi mi è venuto fuori un tono
professorale che non era nelle mie intenzioni non voglio far lezione a nessuno ma solo condividere le mie esperienze. A questo punto il modello va coperto con una pellicola su cui la resina non attacchi, il polietilene va benissimo, delle tante provate la migliore per me è quella che si usa negli imballaggi , non si appiccica come quella per alimenti è molto resistente e si tende molto bene, con pochi euro se ne comprano chilometri.





Prima foto il modello in poliuretano
nella seconda foto se vedono due semplici ma importanti attrezzature: una base che consente di lavorare comodamente intorno al modello, con una superficie liscia per far aderire bene il nastro adesivo con cui tenderemo la pellicola ( terza foto e disegno ) ed un supporto che regge il rotolo di pellicola alla giusta altezza mantenendola in tesione con degli elastici. Nelle due foto che seguono si vede il maschio avvolto dalla pellicola ben tesa e bloccata , con una striscetta di compensato , per prevenire cedimenti del nastro adesivo. Laminazione in questo caso di 3 strati: vetro – carbonio – vetro


Siamo ora alla fase più delicata dell’operazione, quella che determina il risultato; dobbiamo rivestire ancora il tutto con il polietilene , ma mentre la prima volta piccole imperfezioni erano tollerabilissime perché all’interno dello scafo ora la minima irregolarità sarà molto visibile tanto più quanto più la superficie sarà liscia e lucida. Il nemico questa volta non saranno le piccole pieghe della pellicola ( s’impara in fretta a tenderla usando il nastro adesivo ) ma le sacche d’aria che restano intrappolate sotto la pellicola e che appaiono come macchie argentee ( vedi la prima delle foto seguenti ) se non eliminate vanificano tutto il lavoro e costrigeranno a carteggiare tutto. Per fortuna si riesce bene ad eliminarle spingedole con due dita bagnate di acqua e sapone ( altrimenti la pellicola si strappa ) verso i bordi o cmq verso punti i cui la pellicola non sia ancora a contatto
con la resina , come mostra la seconda delle foto seguenti.




Questa sorta di massaggio a due dita ha un sottoprodotto molto positivo e non previsto, gli
scafi così trattati non hanno quei micro fori dovuti alla trama del tessuto che poi costrigono a successive impermeabilizzazioni, probabilmente perché la pressione delle dita costrige la resina
a tapparli tutti. La foto seguente mostra il modello pronto per 24 ore di polimerizzazione, seguite da 12/ 15 di postcottura tra gli 80 e i 90 gradi secondo le indicazioni del fornitore della resina.



Quasi tutte le foto si riferiscono ad uno scafo fatto ieri, il maschio era stato fatto nei giorni scorsi
ed ha già prodotto tre scafi, ho impiegato più tempo a scegliere e postare le foto e scrivere il testo di quanto ne abbia impiegato a fare il lavoro dalle 17 alle 19,30. Se la posta lo merita si accettano scommesse : 3 giorni dalla consegna del disegno delle singole ordinate e del piano di coperta alla consegna dello scafo gia polimerizzato . Sto scherzando naturalmente,ma non
troppo.
ClaudioD che da tanto lamina superfici piane tra due fogli di polietilene pressati con la gomma piuma sa benissimo la qualità della superficie che si ottiene. Spero che tutto ciò possa servire a qualcuno, incoraggiare altri e sfatare i luoghi comuni. Aspettando commenti o domande ciao a tutti.

Ultima modifica di giorgio7 : 08 giugno 08 alle ore 21:33
giorgio7 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 08 giugno 08, 21:37   #2 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di giorgio7
 
Data registr.: 27-06-2007
Residenza: pisa
Messaggi: 158
Immagini: 27
seguito

la foto che non si apre è questa , sempre che ora si apra


Ultima modifica di giorgio7 : 08 giugno 08 alle ore 21:42
giorgio7 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 09 giugno 08, 16:17   #3 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di az1970
 
Data registr.: 26-10-2007
Residenza: Trapani
Messaggi: 213
Gentilissimo Sig.Giorgio 7 ,la ringrazio per questa bellissima descrizione, a ulteriore mio chiarimento vorrei chiedere :

1) non ho mai trovato le dosi corrette del catalizzatore da usare con la resina tali da far durare 24 ore per la polimerizzazione .

2) la seconda pellicola va stesa subito dopo aver finito di passare la vetroresina, senza aspettare che asciughi o altro ?

3) la pellicola va eliminata prima di passare il modello in post-cottura .... perche' post-cottura? post significa dopo o non ho capito bene?

grazie
az1970 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 09 giugno 08, 23:11   #4 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di blinking
 
Data registr.: 31-03-2005
Residenza: Torino
Messaggi: 6.162
provo a risponderti io:
1 la domanda sul catalizzatore mi fa pensare che parli di resina poliestere, mentre qui si tratta di epossidica: in genere si possono usare diversi catalizzatori in modo da avere tempo di lavorabilità diversi, la % è dichiarata dal produttore ed in genere varia dal 15 al 40%.

2 sì, se la metti più tardi non serve più a nulla

3 credo che la pellicola vada tolta, anche perchè dopo 24h la resina è dura; post-cottura perchè fatta dopo la prima polimerizzazione, anche se la resina impiega anche una settimana per raggiungere le massime caratteristiche meccaniche. Con la cottura il processo è più rapido e la resistenza migliore.

ringrazio nel frattempo giorgio7 per i preziosi consigli: finora ho fatto solo un paio di stampaggi su maschio (non barche) e il problema grosso è stata la finitura superficiale, ma ho commesso l'errore di usare domopack da cucina senza curare troppo che non facesse pieghe. sbagliando s'impara.

Citazione:
Originalmente inviato da az1970 Visualizza messaggio
Gentilissimo Sig.Giorgio 7 ,la ringrazio per questa bellissima descrizione, a ulteriore mio chiarimento vorrei chiedere :

1) non ho mai trovato le dosi corrette del catalizzatore da usare con la resina tali da far durare 24 ore per la polimerizzazione .

2) la seconda pellicola va stesa subito dopo aver finito di passare la vetroresina, senza aspettare che asciughi o altro ?

3) la pellicola va eliminata prima di passare il modello in post-cottura .... perche' post-cottura? post significa dopo o non ho capito bene?

grazie
__________________
quota, velocità, idee: averne sempre almeno due
blinking non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 giugno 08, 00:14   #5 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di giorgio7
 
Data registr.: 27-06-2007
Residenza: pisa
Messaggi: 158
Immagini: 27
az1970
prima cosa : se ti rivolgi a me in quel modo non ti rispondo più ! mi fai sentire vecchio , e lo sono, qui ci si da tutti del " tu " per comunanza di hobby.
in buona misura ti ha già risposto blinking ( ma dei nomi più masticabili noo !? )
c'è da aggiungere che se fai scafi usa la resina epossidica quella poliestere non è impermeabile ; in genere un buon fornitore puo proporti più di un induritore a seconda del tempo di lavorabilità che vuoi, io uso roba con tempo di lavorabilità di circa 20/30 min. La polimerizzazione delle resine è graduale
rapida nelle prime 24 h poi rallenta ,ma prosegue per settimane.Assolutamente sconsigliato muovere un manufatto dalla sua forma
prima di 24 h, sembra solido ma non lo è e si deforma e resta deformato.
Se poi per toglierlo dalla forma devi sollecitarlo meccanicamente non lo toccare per 48 h fatti una doccia fredda per calmare l'impazienza. In genere estrarre uno scafo dallo stampo femmina nonostante i prodotti distaccanti
è stressante , per lo scafo s'intende. Toglierlo da maschio è molto più agevole
comunque io lo faccio con l'aria compressa che me lo manda su come il tappo dello spumante e non deforma. Se interessa posso fare una foto
La pellicola esterna già dopo 6/8 ore si può togliere e in genere lo faccio
nonostante la doccia fredda.Va fatto delicatamente evitando che si rompa
Quando poi levo lo scafo dal maschio cerco di lasciare intatta su quest'ultimo la pellicola che lo avvolge perchè levare quella all'nterno è difficile e noioso
ma indispensabili se poi devi incollarci qualcosa ( scassa deriva ecc...).
La post-cottura è facoltativa me fortemente consigliata può arrivare a mi
gliorare le caratteristiche meccaniche anche del 30 %. In genere è indicato
il ciclo da seguire nella scheda tecnica del fornitore della resina.
Blinking : anche io usavo domopak , non c'è paragone. Se la cosa interessa
nei prossimi giorni posso mettere foto di come faccio la coperta e la deriva
molto leggera e rigida. Ciao a tutti
giorgio7 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 giugno 08, 08:54   #6 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di az1970
 
Data registr.: 26-10-2007
Residenza: Trapani
Messaggi: 213
ciao Giorgio,
chiedo venia per il " lei " usato, ma ritengo che tra i rapporti umani una delle cose piu' importanti e' il rispetto, specialmente quando si ha un primo contatto; volevo esserti solo rispettoso ed educato.
ti ringrazio tanto per i tuoi chiarimenti molto esaurienti , se hai qualche altra foto non mi dispiacerebbe, tuttavia vorrei chiedere qualche altra delucidazione:

1) leggendo il tuo post iniziale quando parli di laminazione dici: vetro, carbonio,
vetro....pertanto io ho pensato alla vetroresina e non alla resina epossidica.


2) conviene passare della cera distaccante , dopo aver steso il primo foglio di pellicola , visto che successivamente si ha un po' di difficolta' a toglierla.


3) Mi rendo conto che la resina epossidica e' migliore , ma volendo fare prima qualche prova avrei dei problemi se usassi la comune vetroresina poliestere ?

grazie
az1970 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 giugno 08, 09:07   #7 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di gattodistrada
 
Data registr.: 19-01-2007
Residenza: Bergamo
Messaggi: 14.905
Invia un messaggio via MSN a gattodistrada
questo si che e' un bel 3d complimenti!!!
__________________
Ciaooo da Fiorello.


https://www.facebook.com/fiorello.goletto

ad essere bravi piloti si arriva per gradi,se salti le tappe... trovi le talpe...
gattodistrada non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 giugno 08, 09:23   #8 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di az1970
 
Data registr.: 26-10-2007
Residenza: Trapani
Messaggi: 213
Citazione:
Originalmente inviato da gattodistrada Visualizza messaggio
questo si che e' un bel 3d complimenti!!!
ciao Fiorello,
scusa ma non ho capito la tua frase... puoi spiegarmi meglio ?
az1970 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 giugno 08, 09:29   #9 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di gattodistrada
 
Data registr.: 19-01-2007
Residenza: Bergamo
Messaggi: 14.905
Invia un messaggio via MSN a gattodistrada
significa che una bella discussione.
__________________
Ciaooo da Fiorello.


https://www.facebook.com/fiorello.goletto

ad essere bravi piloti si arriva per gradi,se salti le tappe... trovi le talpe...
gattodistrada non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 giugno 08, 09:38   #10 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di az1970
 
Data registr.: 26-10-2007
Residenza: Trapani
Messaggi: 213
ok Fiorello,

se segui questo post vuol dire che possiedi qualche barca o hai intenzione di realizzare qualcosa.
Io mi sto preparando per costruire SUi-100 di Claudio D, ritengo di non sbagliare , e' una delle persone piu' disponibile e preparate di questo Forum.
Tu stai realizzando qualcosa e qual'e' il tuo livello di conoscenza di questo hobby.

ciao
az1970 non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Profilo laminare fai4602 Aeromodellismo 11 19 settembre 07 23:09
Laminare su carta da forno abe77 Categoria F3K 2 02 maggio 07 07:22
Come laminare pod per lancio a mano Andrea666 Categoria F3K 18 23 aprile 07 00:26
Laminare il carbonio scott Aeromodellismo Progettazione e Costruzione 10 01 maggio 05 13:45
Resina per laminare ? Forse fai4602 Aeromodellismo Progettazione e Costruzione 31 11 novembre 04 23:35



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 14:52.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002