Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Navimodellismo > Modelli naviganti per usi vari, pesca, altro ecc.


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 26 febbraio 13, 03:18   #91 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 21-01-2013
Residenza: a casa
Messaggi: 18
spero che qualcuno mi possa aiutare; stò facendo la modifica seguendo il procedimento descritto nel forum ma nn sò dove collegare la calza del cavo schermato sia dalla parte della sonda sia dalla parte opposta al conettore sma
xsimonexx non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 27 febbraio 13, 09:20   #92 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di ghibbo
 
Data registr.: 22-08-2010
Residenza: milano
Messaggi: 102
ciao, se hai aperto la sonda come presumo,ti sarai reso conto che al suo interno c'è la classica molletta a spirale che funge da antenna "polo positivo" di trasmissione e null'altro,quindi,a rigor di logica,il moncone di cavo da 50 Ohm che và nella sonda andrà privato della calza
__________________
solo chi è senza peccato scagli la prima pietra! ( quindi.........nessuno! )
ghibbo non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 27 febbraio 13, 11:45   #93 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 21-01-2013
Residenza: a casa
Messaggi: 18
modifica sonda arancio per eco

ciao grazie mille per la risposta,siccome la sonda la devo attaccare sotto lo scafo, avevo paura, che una volta terminato il lavoro, avessi problemi di interferenze e' quindi dovevo riaprire il barchino!
xsimonexx non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 07 giugno 13, 20:13   #94 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di massi88firenze
 
Data registr.: 02-06-2013
Residenza: Firenze
Messaggi: 77
ma qualcuno è riuscito a fare questa modifica? oppure a qualcuno si è bruciato ogni cosa??
massi88firenze non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 24 luglio 13, 04:24   #95 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 08-11-2010
Messaggi: 795
Citazione:
Originalmente inviato da massi88firenze Visualizza messaggio
ma qualcuno è riuscito a fare questa modifica? oppure a qualcuno si è bruciato ogni cosa??
io ho provato ha farla!!!ho preso anche l'amplificatore è ho buttato tutto nel cesso se devo dare un consiglio agli amici che intendono fare la modifica il mio consiglio e di non farla buttate via un sacco di soldi !!! comunque questo ecoscandaglio non vale una cippa!!! non vi darà mai una lettura corretta del fondale ho dei pesci,diciamolo francamente e un giocattolo per bambini.(non perchè io non sia riusito ha fare la modifica che sia chiaro)
allora ho risolto il problema aquistando un ecoscandaglio professionale io ho selto il lowrence -4 dsi ha colori ci punto una microcamera ha colori senza infrarossi perchè l'infrarosso se puntato su uno schermo crea un alone che non vi permettera di vedere chiaramente le immagini sulla tv. poi ho acquistato un kit di trasmissione5.8GHz da 1200mw da hobby hobby italia una bomba lo usano per i droni e il volo FPV.spero di essere stato d'aiuto ha tutti coloro che vorrano fare la modifica dell'RF15 miraccomando NON FATELA
carmelitoway non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 15 aprile 15, 14:10   #96 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 16-09-2011
Residenza: a pesca
Messaggi: 1
Thumbs up modifica eco

Citazione:
Originalmente inviato da ghibbo Visualizza messaggio
prendi la 433 MHz 50 Ohm
ciao ghibbo , io ho un rf35( orologio x capirsi) secondo te la modifica alla sonda è abbastanza per darmi metri in più? è meglio che metto anche l'ampli?
leleciano non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 06 settembre 23, 00:09   #97 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Milione
 
Data registr.: 07-02-2014
Residenza: campiglia city,vicenza,veneto
Messaggi: 1.806
Citazione:
Originalmente inviato da ghibbo Visualizza messaggio
Riprendiamo con la modifica dell'RF 15 smarcast,ora passeremo a modificare la sonda, che ribadisco sarà di colore gialla operante sulla frequenza dei 433MHZ;
dovremmo decidere sin dall'inizio se optare per amplificare il segnala RF con un modulo aggiuntivo dedicato o semplicemente con l'ausilio delle sole antenne a guadagno; qualora decideremo di associare l'amplificatore di segnale dovremmo essere consci del fatto che la spesa della modifica aumenterà sensibilmente,essendo l'amplificatore di segnala la parte piu' costosa di tutta la modifica; faccio notare che ci saranno non poche difficoltà nel reperire tale apparecchio,infatti in commercio ne esiste una versione in kit,ma ritengo sia più facile cercare dei moduli RF già assemblati nel loro guscio con attacco per antenna dedicato.
In entrambi i casi, alcuni i passaggi sono comuni,si tratterà di portare al di fuori del guscio di plastica sia il segnale RF che l'alimentazione ( 3 volt ).
esistono due tipi di gusci per le sonde, un primo termosaldato e uno a chiusura tramite viti autofilettanti, a lavoro ultimato,per entrambi i tipi di guscio, provvederemo a sigillarli mediante resina epossidrica.

ora passiamo alla rimozione della batteria a bottone che si trova alloggiata nella parte sottostante del circuito stampato,per fare ciò dovremmo dissaldare i due puntalini metallici che fungono da interruttore di accensione della sonda ogni volta che essa viene messa in acqua, possiamo vedere dove intervenire nella seconda immagine:

una volta rimossa la batteria a bottone,procediamo a saldare i fili per alimentare il circuito stampato,possiamo fare ciò direttamente sulle lamelle della sede portabatteria oppure direttamente sul circuito stampato dal parte opposta del portabatteria facendo attenzione a non invertire + con -,
vediamo come nelle immagini 3 e 4

a lavoro ultimato, provvederemo a forare la parte superiore del guscio di plastica per farci passare il cavo del segnale RF e i due fili dell'alimentazione, raggruppandoli in un pezzo di guaina termoretraibile; ci preoccuperemo in seguito di richiudere la sonda, incollando i due gusci con della resina epossidrica a due componenti; per chi non ha mai usato tale sigillante, indico che è reperibile presso i bricocenter o colorifici, si tratta di due tubetti, il primo contenente la resina e il secondo il catalizzatore, si procede estrudendo una quantità equa di entrambi i prodotti miscelandoli molto bene tra loro in maniera energica fino ad ottenere un impasto omogeneo; a questo punto si stende lungo tutto il bordo di uno dei due gusci in modo uniforme e senza esagerare col quantitativo, una volta richiusa la sonda asporteremo la colla in eccesso e con un pezzo di nastro isolante legheremo assieme i due gusci in modo tale che restino ben fermi durante l'essicazione della resina;
a questo punto dobbiamo pensare a come realizzare il supporto della sonda, in modo che a lavoro ultimato la si possa fissare al barchino; ci si può sbizzarrire in tanti modi, inserisco a titolo indicativo le immagini immagine a tal proposito, 7 e 8

il supporto è dotato di velcro, questo tipo di fissaggio permette qualora lo si ritenga necessario,di rimuovere la sonda dal barchino, anche in virtu' del fatto che se si intende cambiare il barchino è possibile conservare l'apparecchio per installarlo su un altro natante:

passiamo ora a realizzare il box del trasmettitore, procureremo una scatola nella quale verranno alloggiati i componenti che serviranno a trasmettere alla ricevente ( base/display ) le informazioni raccolte, un interruttore a levetta, un led spia, un porta batterie stilo ( AAA ) , una spina volante SMA, una presa da pannello SMA a cui verrà avvitata dall'esterno l'antenna;
nel caso in cui si voglia associare l'amplificatore di segnale dovremmo togliere il porta batterie stilo e realizzeremo al suo posto un riduttore di tensione che provvederà ad alimentare la sonda ( 3 volt )
mentre invece l'amplificatore è alimentato a 12 volt,tutto ciò da un'unica sorgente di tensione, in questo caso,non metteremo la presa SMA da pannello in considerazione del fatto che l'ampli ne è provvisto di suo,dovremmo avere l'accortezza di far uscire la filettatura dell'ampli al di fuori del box;

il tipo di antenne da impiegare,variano a seconda del caso in cui, ci sia o meno l'amplificatore,quindi senza l'amplificatore acquisteremo una coppia di antenne a 433MHz a guadagno ( 3 o piu' db ) oppure senza guadagno nel caso sia installato l'amplificatore, ovviamente
in entrambi casi, antenne dotate di attacco SMA, dritto o a squadra

di amplificatori in commercio ne esistono diversi, è comunque preferibile orientarsi su quelli che lavorano su frequenza fissa ( 433MHz ), il problema della reperibilità è l'ostacolo da risolvere,tali apparecchi infatti sono prodotti al di fuori della comunità europea se non addirittura oltre oceano,quindi a livello di costi siamo nell'ordine del centinaio di euro spedizione compresa,bisogna quindi valutare bene sul da farsi; è logico considerare, come detto all'inizio,che se si voglio raggiungere distanze ragguardevoli,è necessario impiegare l'amplificatore di segnale; io personalmente dissento da ciò, sempre in virtù del fatto che sono dell'opinione che non si debba esagerare con l'allontanarsi troppo dalla postazione di pesca col barchino, fisserei il limite massimo attorno ai 200mt, anche perchè,se consideriamo l'eventualità di una partenza in direzione opposta alla postazione di pesca dovremmo affidarci alla generosità delle bobine dei nostri mulinelli,che se non sufficientemente carichi di lenza non ci daranno la possibilità di portare a compimento la cattura!

Spero di aver finalmente fatto cosa gradita nel postare tutto ciò e allego le dovute immagini.
Salve,provo a riprendere questo vecchio post,consapevole che gli autori non bazzicano più nel forum da parecchio..salvo un paio di foto del suddetto e poi porgo la mia domanda,magari sono fortunato e trovo la risposta che cerco...a tra poco..
__________________
meglio un cam...pari che un gatto dispari

Emil
Milione non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 06 settembre 23, 00:25   #98 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Milione
 
Data registr.: 07-02-2014
Residenza: campiglia city,vicenza,veneto
Messaggi: 1.806
Rieccomi..foto prese da pag 3 del post.possiedo un eco con la stessa modifica,purtroppo mi si è spezzato dal circuito stampato il filo che vedete cerchiato..è proprio saltata la piazzola dove era saldato e non riesco a ripristinarlo..il circuito stampato è molto piccolo e di conseguenza non riesco a rintracciare la pista per dargli una grattata e risaldare..faccio una cavolata se provo a collegarlo direttamente al polo positivo in disuso della batteria a bottone?quell bottoncino in foto dovrebbe essere il sensore che legge il fondale,e da una veloce prova fatta col tester sembra esserci continuità tra la piazzola rotta e il polo positivo della batteria..sapreste aiutarmi?grazie.
Icone allegate
ecoscandaglio smart cast rf 15-4-2.jpg   ecoscandaglio smart cast rf 15-4.jpg   ecoscandaglio smart cast rf 15-3.jpg  
__________________
meglio un cam...pari che un gatto dispari

Emil
Milione non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
E-Sky smart? col.and Elimodellismo Principianti 8 13 ottobre 09 12:08
carrozzeria SMART Chris Daring Automodellismo 29 07 novembre 08 12:44
E-smart elyvent Elimodellismo Principianti 16 04 novembre 08 14:04
Smart Plus vortice79 Batterie e Caricabatterie 1 26 novembre 07 16:31
Li-Po Rc Smart g14c0m0 Batterie e Caricabatterie 5 16 dicembre 06 00:03



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 03:42.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002