Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Aeromodellismo > Categoria F3K


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 22 agosto 13, 08:51   #1 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di robciur
 
Data registr.: 25-04-2007
Residenza: Bologna
Messaggi: 648
Messa a punto di un DLG di G. Taylor

Grazie alla gentile autorizzazione di G. Taylor ho tradotto ( come meglio sono riuscito), un suo intervento su RC Groups. Divisa in tre parti, di seguito la prima. La versione integrale verrà pubblicata sul sito ufficiale.
Ciao,
Ciura


Probabilmente alcuni piloti sono stati impressionati dai miei pareri su come deve essere un buon set-up di base per un dlg. Ad ogni gara succede che passo sempre un po' di tempo a riprogrammare od a correggere i set up di qualcuno. Dopo qualche volo i commenti sono di pilotare un modello del tutto diverso, migliore e più facile di quanto non fosse prima. Di solito lo faccio due tre volte per gara, ma in una occasione lo è stato per ben cinque volte.
Ok, quindi credo che per me sia giunto il momento di divulgare il metodo adottato.

Parte I
---------

Tiri efficienti per un facile volo:

Alettoni + / - 10mm.
Direzionale + / - 13mm ".
Profondità da determinare mediante prove.

Tiri aggressivi:
Alettoni + / - 13mm".
Direzionale fino a + / - 24mm ".
Profondità da determinare mediante prove.

Questa è la parte facile.
Procedura di configurazione:
iniziare verificando che tutte le connessioni dei comandi siano senza gioco e che i servi siano efficienti. Si noti che un D-47 per il direzionale non è all'altezza del compito. Lo so, quelli che lo usano non mi crederanno ... Basta passare a qualcosa come un SM-22, JR-241, JR-285, ecc, (e ci sono una serie di altre buone scelte e buoni compromessi per le installazioni nel poco spazio a disposizione). Il lancio sarà più dritto e più alto. Se prima avevate bisogno di un preset per il direzionale, non sarà più necessario. Verificare che la corsa desiderata delle superfici si realizzi attraverso l'utilizzo di quasi tutta la corsa del servo. In caso contrario verranno ridotte sia la precisione che la potenza a disposizione per il loro controllo. Per i nostri scopi è più importante la forza che la velocità. Impostare la tensione della molla degli stick della radio al massimo. Con molle morbide, non si può sentire la posizione delle superfici di controllo con sufficiente precisione. Stick morbidi vanno bene per vendere le radio,duri per vincere le gare. Se la massima rigidezza non è abbastanza elevata, cambiate le molle con altre più rigide. Sono disponibili per quasi tutte le radio.
Come filosofia, disabilitare sulla trasmittente ogni controllo che non si intenda utilizzare.I controlli funzionanti possono essere aggirati... Disattivare tutti gli esponenziali, tutti i dual rate. Azzerare tutti i trims in tutti i modi di volo. Usare un differenziale neutro. Azzerare gli offset per le modalità di volo.
Adottare un programma che supporti le modalità di volo per il lancio, velocità, crociera e veleggiamento. Ci deve essere un interruttore di preset che consenta la modalità di lancio. Ci deve essere un interruttore a tre posizioni per la selezione tra velocità, cruise, e veleggiamento. Perché un singolo interruttore a tre posizioni? Meno saranno i controlli per giocherellare, più semplice sarà gestire il tutto. Si dovrà essere concentrati sul volo e non sulle operazioni da effettuare alla radio.
Queste le premesse. Ora parliamo del set up.
Iniziamo con i flaperoni. Impostare lo stick per i flap (è su uno stick, giusto?? Dovrebbe essere su uno stick e solo su uno stick) e impostarlo a metà. Ora impostare i subtrims per questi due servi perchè gli alettoni abbiano lo stesso angolo . Questo può essere visto chiaramente guardando il modello posteriormente. Posizionateli esattamente. Muovete gli stick per assicurarvene. Ora spostare lo stick in alto. Regolare il limite della corsa del servo in tale direzione in modo che le flaperoni abbiano anche in questo caso la stessa incidenza. Ora spostare lo stick completamente in basso, e ripetere l'operazione per l'altra direzione della corsa del servo. Quando lo stick dei flaps viene spostato, queste superfici devono compiere esattamente le stesse escursioni.
...
Ora, con lo stick in alto, impostare la corsa degli alettoni. Su alcune radio, questo è possibile solo con il dual rate. Allora mantenere le stesse impostazioni di dual rate per tutte le fasi di volo e per tutte le posizioni dello switch, se non fosse possibile disattivarlo. Quando lo stick degli alettoni viene spostato al suo limite, ad entrambi i lati, assicurarsi che la corsa non venga interrotta prima della massima escursione dello stick. Se avvenisse, regolare le impostazioni per eliminare il difetto. Limitare la corsa degli alettoni con i flap su non è permesso. Limitarlo invece con i flap verso il basso è fattibile, volendolo. Ciò aiuta a migliorare il controllo del rollio in questa condizione flappata. Ora, con i flaperoni su, spostare lo stick degli alettoni. Osservare la corsa relativa di sinistra e di destra. Compiono le stesse escursioni? Se ciò non fosse, regolare le impostazioni del differenziale per farli muovere in modo perfettamente simmetrico. Si noti che questa è un'impostazione preliminare che viene finalizzata in fase di test. Chiamatela la configurazione iniziale.
Ora pensiamo al direzionale. Impostare il subtrim del servo in modo che la parte mobile sia centrata. Regolare l'escursione in modo da ottenere la corsa desiderata. Questa è ad un minimo di 12mm, indipendentemente dalla percentuale della corda. Sì, un risultato buffo. Se si desidera approfondire perchè, cercare su uno dei miei thread di analisi. In realtà, per un profilo alare asimmetrico del direzionale, è preferibile avere una piccola percentuale in più di escursione nella direzione verso il "basso" rispetto alla direzione verso "alto". 12 millimetri dalla parte opposta al piolo di lancio e 13mm verso di esso, per esempio. Questa sarebbe una minima configurazione di escursioni. Abbiate a mente che ogni valore oltre questi livelli provoca un rapido aumento nella resistenza. Ciò deve essere evitato in volo. Tuttavia, se si stanno sfiorando dei filari di alberi, allora la resistenza può diventare una considerazione di gran lunga inferiore a schivarne uno! Quindi, uno può decidere di aumentare la corsa al di là di questo livello, ma non eccedete al di là di 25mm. Basta provare a non utilizzare questa extra escursione, tranne per le emergenze, ok?
Ora all'elevatore. Impostare la corsa verso il basso quanto più possibile. Non forzate la parte mobile contro il trave di coda,ma il più possibile vicino. All'apice della salita, il modello sarà molto lento. Sarà quindi necessaria tanta escursione per la rimessa in volo orizzontale con autorità. Questa è l'unica motivo per giustificare tanta escursione a cabrare. Lasciare le escursioni dove sono adesso, per il momento. Una migliore calibrazione sarà fatta in volo.

Fine parte 1.
robciur non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 22 agosto 13, 11:06   #2 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di giammi77
 
Data registr.: 04-07-2007
Residenza: MAGENTA (MI)
Messaggi: 1.213
Re

Citazione:
Originalmente inviato da robciur Visualizza messaggio
Grazie alla gentile autorizzazione di G. Taylor ho tradotto ( come meglio sono riuscito), un suo intervento su RC Groups. Divisa in tre parti, di seguito la prima. La versione integrale verrà pubblicata sul sito ufficiale.
Ciao,
Ciura


Probabilmente alcuni piloti sono stati impressionati dai miei pareri su come deve essere un buon set-up di base per un dlg. Ad ogni gara succede che passo sempre un po' di tempo a riprogrammare od a correggere i set up di qualcuno. Dopo qualche volo i commenti sono di pilotare un modello del tutto diverso, migliore e più facile di quanto non fosse prima. Di solito lo faccio due tre volte per gara, ma in una occasione lo è stato per ben cinque volte.
Ok, quindi credo che per me sia giunto il momento di divulgare il metodo adottato.

Parte I
---------

Tiri efficienti per un facile volo:

Alettoni + / - 10mm.
Direzionale + / - 13mm ".
Profondità da determinare mediante prove.

Tiri aggressivi:
Alettoni + / - 13mm".
Direzionale fino a + / - 24mm ".
Profondità da determinare mediante prove.

Questa è la parte facile.
Procedura di configurazione:
iniziare verificando che tutte le connessioni dei comandi siano senza gioco e che i servi siano efficienti. Si noti che un D-47 per il direzionale non è all'altezza del compito. Lo so, quelli che lo usano non mi crederanno ... Basta passare a qualcosa come un SM-22, JR-241, JR-285, ecc, (e ci sono una serie di altre buone scelte e buoni compromessi per le installazioni nel poco spazio a disposizione). Il lancio sarà più dritto e più alto. Se prima avevate bisogno di un preset per il direzionale, non sarà più necessario. Verificare che la corsa desiderata delle superfici si realizzi attraverso l'utilizzo di quasi tutta la corsa del servo. In caso contrario verranno ridotte sia la precisione che la potenza a disposizione per il loro controllo. Per i nostri scopi è più importante la forza che la velocità. Impostare la tensione della molla degli stick della radio al massimo. Con molle morbide, non si può sentire la posizione delle superfici di controllo con sufficiente precisione. Stick morbidi vanno bene per vendere le radio,duri per vincere le gare. Se la massima rigidezza non è abbastanza elevata, cambiate le molle con altre più rigide. Sono disponibili per quasi tutte le radio.
Come filosofia, disabilitare sulla trasmittente ogni controllo che non si intenda utilizzare.I controlli funzionanti possono essere aggirati... Disattivare tutti gli esponenziali, tutti i dual rate. Azzerare tutti i trims in tutti i modi di volo. Usare un differenziale neutro. Azzerare gli offset per le modalità di volo.
Adottare un programma che supporti le modalità di volo per il lancio, velocità, crociera e veleggiamento. Ci deve essere un interruttore di preset che consenta la modalità di lancio. Ci deve essere un interruttore a tre posizioni per la selezione tra velocità, cruise, e veleggiamento. Perché un singolo interruttore a tre posizioni? Meno saranno i controlli per giocherellare, più semplice sarà gestire il tutto. Si dovrà essere concentrati sul volo e non sulle operazioni da effettuare alla radio.
Queste le premesse. Ora parliamo del set up.
Iniziamo con i flaperoni. Impostare lo stick per i flap (è su uno stick, giusto?? Dovrebbe essere su uno stick e solo su uno stick) e impostarlo a metà. Ora impostare i subtrims per questi due servi perchè gli alettoni abbiano lo stesso angolo . Questo può essere visto chiaramente guardando il modello posteriormente. Posizionateli esattamente. Muovete gli stick per assicurarvene. Ora spostare lo stick in alto. Regolare il limite della corsa del servo in tale direzione in modo che le flaperoni abbiano anche in questo caso la stessa incidenza. Ora spostare lo stick completamente in basso, e ripetere l'operazione per l'altra direzione della corsa del servo. Quando lo stick dei flaps viene spostato, queste superfici devono compiere esattamente le stesse escursioni.
...
Ora, con lo stick in alto, impostare la corsa degli alettoni. Su alcune radio, questo è possibile solo con il dual rate. Allora mantenere le stesse impostazioni di dual rate per tutte le fasi di volo e per tutte le posizioni dello switch, se non fosse possibile disattivarlo. Quando lo stick degli alettoni viene spostato al suo limite, ad entrambi i lati, assicurarsi che la corsa non venga interrotta prima della massima escursione dello stick. Se avvenisse, regolare le impostazioni per eliminare il difetto. Limitare la corsa degli alettoni con i flap su non è permesso. Limitarlo invece con i flap verso il basso è fattibile, volendolo. Ciò aiuta a migliorare il controllo del rollio in questa condizione flappata. Ora, con i flaperoni su, spostare lo stick degli alettoni. Osservare la corsa relativa di sinistra e di destra. Compiono le stesse escursioni? Se ciò non fosse, regolare le impostazioni del differenziale per farli muovere in modo perfettamente simmetrico. Si noti che questa è un'impostazione preliminare che viene finalizzata in fase di test. Chiamatela la configurazione iniziale.
Ora pensiamo al direzionale. Impostare il subtrim del servo in modo che la parte mobile sia centrata. Regolare l'escursione in modo da ottenere la corsa desiderata. Questa è ad un minimo di 12mm, indipendentemente dalla percentuale della corda. Sì, un risultato buffo. Se si desidera approfondire perchè, cercare su uno dei miei thread di analisi. In realtà, per un profilo alare asimmetrico del direzionale, è preferibile avere una piccola percentuale in più di escursione nella direzione verso il "basso" rispetto alla direzione verso "alto". 12 millimetri dalla parte opposta al piolo di lancio e 13mm verso di esso, per esempio. Questa sarebbe una minima configurazione di escursioni. Abbiate a mente che ogni valore oltre questi livelli provoca un rapido aumento nella resistenza. Ciò deve essere evitato in volo. Tuttavia, se si stanno sfiorando dei filari di alberi, allora la resistenza può diventare una considerazione di gran lunga inferiore a schivarne uno! Quindi, uno può decidere di aumentare la corsa al di là di questo livello, ma non eccedete al di là di 25mm. Basta provare a non utilizzare questa extra escursione, tranne per le emergenze, ok?
Ora all'elevatore. Impostare la corsa verso il basso quanto più possibile. Non forzate la parte mobile contro il trave di coda,ma il più possibile vicino. All'apice della salita, il modello sarà molto lento. Sarà quindi necessaria tanta escursione per la rimessa in volo orizzontale con autorità. Questa è l'unica motivo per giustificare tanta escursione a cabrare. Lasciare le escursioni dove sono adesso, per il momento. Una migliore calibrazione sarà fatta in volo.

Fine parte 1.
Grazie gian
giammi77 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 31 agosto 13, 23:01   #3 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di robciur
 
Data registr.: 25-04-2007
Residenza: Bologna
Messaggi: 648
parte II

Richiesta a furor di popolo ecco la seconda parte!




Parte II
---------

IN VOLO. Iniziamo con la fase di crociera. Con qualche tranquillo lancio a giavellotto trimmare l'elevatore. NON usare il trim della parte anteriore della radio. Utilizzare invece la modalità di programmazione del centraggio del servo. Compiere ancora qualche lancio, sempre a giavellotto, in modo più deciso, per raggiungere un po' più di quota, controllando che il modello sia sufficientemente stabile. Lanciare ora a disco,con una angolazione che punti verso l'alto, quindi pilotare utilizzando lo stick del profondità. Controllare la stabilità tramite la prova di picchiata o qualsiasi altro modo con cui avete dimestichezza. Eseguire le regolazioni preliminari al CG, e di conseguenza trimmare ancora l'elevatore con il centraggio del servo per ristabilire la giusta stabilità al volo del modello. CG e trimmaggio dell'elevatore sono strettamente correlati. Ora che il modello sta volando bene in questa modalità di volo, settarne altre con diverse configurazioni di camber alare. Se uno non ha idea su come fare, allora possono aiutare queste linee guida :
In generale, la modalità di velocità ha la parte inferiore dell'ala, nella metà posteriore, relativamente piatta. Si può verificare con una barretta piatta od anche con un pezzo di carta. Questa impostazione, di solito, è anche ottimale per il lancio. La modalità di crociera ha in genere la posizione dei flaperoni di circa 2 gradi o 2 mm più in basso. L'impostazione di veleggiamento (floating) ha in genere i flapperoni abbassati di circa 3 o 4 gradi , rispetto alla modalità di velocità. 4 gradi per i profili Zone, 3,5 per gli Edge, ... In caso di dubbio, è meglio usare un pò di meno che un po' di più. Si noti che l'impostazione float NON è l'impostazione di termica! E' la configurazione di volo che si usa in aria ferma. Si può settarla,nelle giuste condizioni, con un cronometro, adeguando il camber ed il conseguente trim dell'elevatore e facendo molti test. Notate come i piloti esperti galleggiano (floating) lentamente come nebbia sopra un campo? Alcuni di loro sanno fare questo, così come ricercare le migliori zone in cui galleggiare. ATTENZIONE, non è scontato che il volo più lento sia quello con il minimo tasso di caduta. Non è vero per tutti i DLgs. Ora volate un po' con il modello, impostando il trim dell'elevatore nelle tre modalità di volo, al fine di dare una ragionevole velocità per queste tre impostazioni di camber. La cosa sorprendente è che la differenza di velocità tra l'impostazione di camber alare per la fase ''float'' e per quella di velocità è dell'ordine di 1m/s. Questo è tutto.
Ora uno può scegliere di regolare l'impostazione della velocità per essere anche più veloce, ma ci si allontana dal picco del rapporto L/D (Lift/Drag = portanza/resistenza, quindi efficienza: maggiore portanza con minore resistenza, quindi maggior efficienza). La velocità dovrebbe essere tale per raggiungere il picco L / D, o al massimo essere pochissimo più veloce. Se si desidera maggior velocità, usare lo stick! Il picco L / D è la massima distanza coperta in aria ferma per una data quota. In generale la modalità di crociera dovrebbe essere messa a punto per il picco di L / D , ma non più veloce. La modalità float deve essere tarata per il minimo rateo di caduta. Ottenuta la miglior messa a punto per queste fasi di volo, se si ritiene che il modello si comporti in un modo nell'assetto flaot, ma nella direzione opposta in quella di velocità, sarà allora il caso di cercare eventuali deformazioni nell'ala da correggere.
Impostare un preset di lancio che dia un ragionevole rateo di salita. Può essere regolato utilizzando un altimetro, ma la messa a punto dipende da vari fattori, quali il lanciatore, il vento ed il modello. Temo che non ci sia una impostazione universale ottimale. Ora portate il modello in volo livellato e stabile, senza che abbia bisogno di correzioni via radio. Oscillare gli alettoni rapidamente da una parte e dall'altra. Se la tendenza è a picchiare, allora il differenziale alettoni deve essere impostato in modo da aumentare la corsa verso il basso e diminuirla verso l'alto. Se invece il modello tende a cabrare, fare il contrario.
...
Se il pilota ritiene di aver bisogno assolutamente di una miscelazione alettoni-> direzionale, è questo il momento di farlo. Osservare la direzione verso cui punta la fusoliera, ed oscillare gli alettoni come prima. La traiettoria non deve cambiare, senza imbardate o beccheggi. Se accade, regolare il mix e provare di nuovo. Io sono contrario a tale miscelazione, in quanto è impossibile con il mix fare un lavoro efficiente. Coloro che lo utilizzano è come se usassero una stampella, invece di imparare a usare l'altro pollice. Questo non li rende completi come piloti. Alcuni, tuttavia, pur utilizzando tale miscelazione, sanno come compensare manualmente per ottenere delle virate coordinate. E' un bene per loro.
Se si sceglie di volare senza direzionale, è un vostro problema, non mio!

End Part II

Gerald

PS - forse dovrei approfondire qualcosa sul differenziale, ma non ho voglia di entrare in argomento. Si tratta di un vicolo cieco, per quanto mi riguarda. Il differenziale sugli alettoni può essere considerata una combinazione di un loro puro movimento (oscillando, come detto prima, gli alettoni il modello non picchia o cabra) ed una variazione di camber alare (con relativa variazione di assetto in beccheggio).
robciur non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 14 settembre 13, 23:11   #4 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di furio81
 
Data registr.: 15-07-2012
Residenza: Budrio (BO)
Messaggi: 60
quante cose da imparare...

grazzie Robby!
furio81 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 15 settembre 13, 17:36   #5 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di robciur
 
Data registr.: 25-04-2007
Residenza: Bologna
Messaggi: 648
Parte III

Terza parte pronta, grazie anche al contributo di Papà Sergio.
Studiate bene, che poi si interroga!
Buona lettura,
Ciura



Parte III
----------

Correlazioni del piano di profondità ... Queste comprendono:settaggio a cabrare (verso il basso è già impostato al massimo del possibile), miscelazione profondità-> camber , miscelazione camber-> profondità.

Ricercate del "loop test". Ho scritto di questo in precedenza. loop test for dialing in elevator->camber mix - RC Groups . Fate riferimento a quanto scritto in questo thread per calibrare il movimento a cabrare dell'elevatore e la sua miscelazione con gli alettoni. Con un po' di esperienza vi metterà in gioco abbastanza rapidamente. Sopratutto vi aiuterà a prevenire inefficienti combinazioni di miscelazione.

Aspettatevi che la miscelazione profondità- camber alare, nella direzione verso il basso (flapperoni giù con comando a cabrare, ndt), possa essere minore per la fase di float ( veleggiamento) e per quella di speed (velocità) che per quella di crociera. Aspettatevi che la miscelazione possa essere simmetrica per la fase di velocità, ma non necessariamente per le altre. Io personalmente la uso simmetrica per quella di velocità e di crociera, ma con più escursione in alto che in basso per la ''float''. Su per la float eguaglia su per la crociera. E' una cosa che sento ... permettendo che l'ala voli in modo quasi ottimale.

In modalità speed, i coefficienti di portanza sono più bassi. La loro variazione, all' uso dell'elevatore, risulta più ridotta, di conseguenza le variazioni di camber, per mantenere l'ala vicino al suo rendimento ottimale, saranno anche ridotte.

In modalità float, stiamo cercando dall'ala tutta la portanza che possiamo ottenere in modo efficente, senza che il volo diventi difficoltoso e di conseguenza penalizzante. Quindi una ulteriore aggiunta di camber, al comando a cabrare dell'elevatore, ha meno senso. Al contrario ha più senso una più accentuata diminuzione di camber al comando a picchiare, al fine di buttar giù il muso ed acquisire velocità.

La fase di crociera è da qualche parte nel mezzo.

Per la miscelazione alettoni- profondità, non è consigliabile un mix lineare. ... La causa è l'elevata escursione degli alettoni. Non appena essi si muovono verso il basso,avviene una notevole variazione dell' angolo di attacco dell' ala. Ma se invece sono ruotati, diciamo, di 90 gradi verso il basso, di fatto non vi è alcuna modifica di tale angolo.

Quando si imposta l'escursione del profondità in funzione del movimento degli alettoni, quello che stiamo facendo in realtà è adeguare l'angolo di attacco del profondità al nuovo angolo di attacco dell'ala, lungo tutta l'escursione degli alettoni. Qualsiasi altro fenomeno è secondario e meno importante. Quindi, è necessario avere il profondità più diretto con le escursioni superiori degli alettoni piuttosto che in quelle inferiori.

In pratica, una curva bilineare è sufficiente per fare il lavoro. Sarà necessario specificare tre punti. Con due non è possibile. Con più punti sarà bello, forse, ma non affatto necessario. Tre con qualche aggiustaggio è eccellente.

Spesso la gente tenta di utilizzare, per far ciò, il built-in mix. Si rischia però di incorrere in problemi, con alcune radio, che rendono molto più complicato il lavoro.

Di solito io faccio il mio mixer personale.

Quello che si vuole è la possibilità di regolare questa miscelazione (rapporto del movimento superiore ed inferiore) senza dover modificare il trim del profondità! Alcuni dei built-in mixer assumono che lo stick si trovi nel centro per il neutro, incasinando il tutto!

Impostare il mixer, e regolare i rapporti in modo che quando si è in volo livellato, si possa muovere lentamente lo stick dei flap oltre la sua gamma di lavoro ed il modello continui a comportarsi bene. Cioè che mantenega una planata regolare e costante, anche se l'angolo di discesa può aumentare leggermente incrementando l'uso dei flaps, e quindi anche a velocità minore.

Se il modello cabra a metà della corsa dello stik, aumentare la miscelazione nel mezzo. Se avviene invece con i flap estesi quasi del tutto, aumentare la miscelazione alla fine

Ora l'atterraggio dovrebbe essere un gioco da ragazzi.

Fine della parte III e basta per ora.



Ho dimenticato di aggiungere qualcosa di importante sulla configurazione della radio. Impostare il passo del trim in modo che ogni suo scatto causi il minimo movimento del servo. L'impostazione predefinita per la maggior parte delle radio sembra essere qualcosa intorno a 4 passi del servo per uno scatto del trim. Un servo come un JR285 può lavorare con una regolazione di fase 1, un servo come un JR185 può utilizzare una regolazione di fase 2, per esempio. Con un D-47 è possibile utilizzare 3 se non ricordo male. Questo è più importante per profondità e meno importante per il direzionale.

La gente sembra non rendersi conto che se si vuole impostare il proprio DLG ad un punto di equilibrio quasi neutro, la precisione del servo dell'elevatore, il suo collegamento di comando e piccoli passi del trim sono fondamentali per ottenere le migliori prestazioni del modello. Se uno non ha queste cose, allora non si dovrebbe usare uno CG quasi neutro, ma invece dovrebbe bilanciare un po 'più avanti.


Per un'ala a 4 servi.
L’escursione della parte interna dovrebbe essere circa 1/3 dei flapperoni esterni.
La scelta esatta sarebbe in base alla posizione della scissione delle superfici di controllo. Dovrebbe essere abbastanza vicino al valore ottimale per la maggior parte degli scopi. La gamma utile dovrebbe essere 1/4 a 1/2.

I limiti di corsa degli alettoni flapperoni esterni dovrebbero essere lievemente maggiori di quello che si userebbe per flapperoni normali.

La suddetta combinazione deve dare la stessa risposta di rollio di un'ala con flapperoni normali.

Il Camber dovra’ essere messo a punto su tutta l’ala per ciascuna modalità di volo.

Elevatore-> mix camber ...
Richiede qualche riflessione e qualche calcolo che non ho il tempo per farlo.
Probabilmente da definire per uniformare tutta l’ala, manca l’analisi.

Flaps, ovviamente molta escursione per i flap interni. O almeno maggiore dei flap esterni! In caso contrario, qual è il punto? Dovrei scendere in sincronia con forse 10 gradi , ma dopo, invertendo la direzione,abbiamo i flapperoni esterni assumere una configurazione reflex. Una specie di lieve “butterfly” (o almeno fare in modo che vadano più in basso). Questo richiederebbe una installazione in modo di avere il “neutro” del servo un po’ diversa in modo che il flap interno abbia maggiore escursione in basso ed una piccola escursione in alto, mentre i flapperoni esterni dovrebbero avere la stessa escursione in entrambe i sensi


Gerald


PS - probabilmente metterei lo stick al centro fissando il luogo in cui gli alettoni non scendono
In questo modo e’ facile da tenere traccia di dove si è. Parte superiore diventa flottante, la parte inferiore diventa frenata.


No expo o dual rate. Se uno ha esigenze di expo, serrare le molle sugli stick.
L’ expo ammorbidisce la risposta intorno alla posizione neutra, ma perde il controllo quando si sposta molto dalla posizione neutra. Quindi, se uno setta l’expo sull’elevatore, per esempio, quando si trova a girare la termica, il rateo di risposta dell’elevatore è diverso (e asimmetrico) rispetto al volo livellato. Perché fare le cose più complesse e difficili?
Allo stesso modo per il dual rate, quando si decide improvvisamente di fare una manovra, non si deve premere un interruttore per primo? In quale stato è l 'interruttore in questo momento?
Non avendo pulsanti variabili è più semplice da imparare.
I nostri aerei, in realtà, non hanno una vasta gamma di velocità, quindi non c'è nemmeno giustificazione per le modifiche dinamiche.

Limitazioni delle escursioni che si mettono sul movimento delle superfici in relazione ai movimenti dello stick.
Questo può essere una caratteristica o un problema, a seconda di come viene utilizzato.
Io, spesso imposto il setup in modo che nella parte inferiore della corsa dei flap, gli alettoni scendano di meno, restando inalterata nella corsa verso l'alto.
Questo riduce notevolmente l’imbardata inversa e gli alettoni, se avessero una corsa maggiore, non aumentano la portanza, ma semplicemente aumentano notevolmente la resistenza. Quindi, in questo caso si tratta di una caratteristica.

Ma se gli alettoni si fermano prima che lo stick esaurisca la sua corsa, sarebbe un problema

Quando si muovono gli stick (al massimo), troverete che i problemi di over control non ci sono piu’.
Buona fortuna!



Questo il link alla discussione:

Initial programming of a DLG - RC Groups
robciur non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 16 settembre 13, 08:50   #6 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di lambdafly
 
Data registr.: 12-09-2012
Residenza: In the cloud
Messaggi: 2.507
Immagini: 3
Garzie Ciura! Ti avevo promesso che ti avrei aiutato con la traduzione, ma alla fine non sono riuscito a ricavarmi del tempo... se hai qualche altra cosa manda pure, questa volta farò di tutto per non deludere le aspettative.

Ciao
Pietro
lambdafly non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 18 settembre 13, 09:55   #7 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di nonnopaolo
 
Data registr.: 16-03-2010
Residenza: Palermo
Messaggi: 1.141
Non ho mai preso in mano un DLG, ho quasi finito di montare un Long Shot 3 e sono a caccia di spiegazioni e tutorial.
Per questo, cioè per comodità mia, ho messo insieme l'utilissima traduzione di Robciur del testo in inglese di Taylor, in un unico documento in PDF; a questo ho aggiunto anche il testo di un altro post di Taylor su Rcgroups, ma in inglese.
Se non avete nulla in contrario e se può essere utile, lo allego a questo messaggio; in caso contrario cancellatelo pure.
Ciao
Paolo

Ultima modifica di nonnopaolo : 17 dicembre 14 alle ore 17:09
nonnopaolo non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 18 settembre 13, 17:02   #8 (permalink)  Top
 
L'avatar di nicthepic
 
Data registr.: 26-11-2002
Residenza: Padova
Messaggi: 5.964
bravo nonnopaolo!!! cosi' lo metto sullo smartofone e lo porto in campo!
__________________
"W la gnocca "
"io mi prendo la responsabilita' di capire cio' che dici, non di quello che avresti voluto intendere"
nicthepic non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 18 settembre 13, 17:26   #9 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di microcontrollorepic
 
Data registr.: 18-07-2007
Residenza: milano
Messaggi: 1.495
credo che un BRAVO, vada per prima cosa a Robiciur, (detto anche oracolo) si è spupazzato tutta la traduzione che non è un lavoro da poco........

ottima idea il Pdf, a breve il tutto verrà messo sul sito ufficiale F3k Italia..


Flavio
__________________
SITO INTERNET:
Taglio cnc,https://www.rebasti.it/categoria-pro...B4q6Zc71GROXn4
microcontrollorepic non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 18 settembre 13, 17:38   #10 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di lambdafly
 
Data registr.: 12-09-2012
Residenza: In the cloud
Messaggi: 2.507
Immagini: 3
Piccolo OT riguardo i PDF: c'è anche quello che ho creato io con la traduzione del regolamento ufficiale 2013 F3K, lo trovate in allegato al primo post di questo thread:

http://www.baronerosso.it/forum/cate...ufficiale.html

utile anch'esso da portare al campo sullo smartphone.

Ciao
Pietro
lambdafly non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Messa a punto motore Torquemada Aeromodellismo Volo a Scoppio 72 13 aprile 15 21:22
Equilibratura e messa a punto Angelus Aeromodellismo Principianti 5 15 luglio 12 14:07
help...messa a punto camera ad acqua... jetric Motoscafi con Motore Elettrico 14 23 settembre 11 10:50
Messa a punto di un Cularis charly2 Aeromodellismo Alianti 28 07 agosto 09 23:07



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 10:01.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002