Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Navimodellismo > Navimodellismo a Vela


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 09 gennaio 20, 12:11   #1 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di favonio
 
Data registr.: 01-04-2004
Residenza: Napoli-Bari
Messaggi: 2.679
Invia un messaggio via MSN a favonio
Problema di scala

Se una barca pesa 75 kg quanto dovrebbe pesare un modello in scala 1/5?
Buon anno a tutti.
__________________
Ciao, mauro.
Meno cose ci sono meno se ne rompono!


favonio non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 09 gennaio 20, 12:14   #2 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Chicco K
 
Data registr.: 10-05-2011
Messaggi: 3.049
Scala...

...di sicuro NON 5 volte meno...
__________________
Chi non ha passioni ha l'anima vuota...
Chicco K non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 09 gennaio 20, 13:15   #3 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di chetto1965
 
Data registr.: 20-09-2004
Residenza: Torino
Messaggi: 2.935
Citazione:
Originalmente inviato da favonio Visualizza messaggio
Se una barca pesa 75 kg quanto dovrebbe pesare un modello in scala 1/5?
Buon anno a tutti.
Come detto anche dall'utente che mi ha preceduto nella risposta... non può pesare 5 volte meno e quindi 15Kg poichè affonderebbe quasi sicuramente.

La densità dell'acqua è la stessa sia per la barca da 75kg in scala 1:1 che per quella ipotetica da 15kg in scala 1:5.
__________________

Iscritto al gruppo "Volare su Tetti" di Rivoli (TO)
chetto1965 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 09 gennaio 20, 13:49   #4 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Chicco K
 
Data registr.: 10-05-2011
Messaggi: 3.049
...facendo un calcolo empirico, dovrebbe pesare 125 volte meno, e cioè 600gr...
__________________
Chi non ha passioni ha l'anima vuota...
Chicco K non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 09 gennaio 20, 13:53   #5 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di dooling
 
Data registr.: 22-08-2007
Residenza: Portofino - Rapallo
Messaggi: 3.957
Se hai il disegno del modello in scala, calcola il volume della carena che è la parte immersa, conosciuta anche come "opera viva".

Avrai il peso del volume del liquido spostato, la densità dell'acqua ed il principio di Archimede.




Può esserti utile: https://slideplayer.it/slide/10270673/

paragrafo 16.
__________________
Never forget it.

Ultima modifica di dooling : 09 gennaio 20 alle ore 14:02 Motivo: ...........
dooling non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 09 gennaio 20, 16:44   #6 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di favonio
 
Data registr.: 01-04-2004
Residenza: Napoli-Bari
Messaggi: 2.679
Invia un messaggio via MSN a favonio
Citazione:
Originalmente inviato da Chicco K Visualizza messaggio
...facendo un calcolo empirico, dovrebbe pesare 125 volte meno, e cioè 600gr...
In effetti mi trovo.
Ho fatto la verifica ricavando con il Cad la linea di galleggiamento e riducendo in scala il tutto e mi trovo circa 600 cc ovvero g.
In effetti pensandoci bene bisogna dividere per 5 ma al cubo che fa proprio 125.
Grazie a tutti.
__________________
Ciao, mauro.
Meno cose ci sono meno se ne rompono!


favonio non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 09 gennaio 20, 22:35   #7 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.399
Citazione:
Originalmente inviato da favonio Visualizza messaggio
In effetti mi trovo.
Ho fatto la verifica ricavando con il Cad la linea di galleggiamento e riducendo in scala il tutto e mi trovo circa 600 cc ovvero g.
In effetti pensandoci bene bisogna dividere per 5 ma al cubo che fa proprio 125.
Grazie a tutti.
Ciao Favonio, per riprodurre in scala barche reali spesso occorre usare qualche trucchetto.
Dato che il fattore di scala dei volumi é cubico, molto spesso ci si ritrova ad avere scafi che in piccolo sono carenti di volume e quindi non navigano o lo fanno molto male.

Allora conviene giocare sulle forme magari aumentando la larghezza e\o l'immersione dello scafo in modo da nascondere il volume maggiorato al meglio.
Un po' come quando si riproducono gli aerei e gli si aumentano le superfici dei timoni per avere un k più ragionevole.

A questo link trovi una discissione a riguardo e un semple file di calcolo per aiutare a fare le simulazioni.
https://www.baronerosso.it/forum/nav...ml#post3183104

Una volta scelto il. Dislocamento voluto, basterà stirare le forme delle ordinate originarir con i fattori di scala voluti e realizzare uno scafo più funzionale.
Se si tratta di un modello a vela, poi occorrerà anche recuperare momento raddrizzante allungando la deriva e/i ritoccare il piano velico.
Qui un'altra discussione a riguardo.
https://www.baronerosso.it/forum/nav...e-star-rc.html

Infatti il fattore di scala delle superfici è quadratico... Quindi un modello ridotto avrà un riduzione del dislocamento cubico e delle superfici quadratico... Risultando molto più invelato dell'originale.

Ciao

Ultima modifica di claudio v : 09 gennaio 20 alle ore 22:40
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 gennaio 20, 10:01   #8 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di favonio
 
Data registr.: 01-04-2004
Residenza: Napoli-Bari
Messaggi: 2.679
Invia un messaggio via MSN a favonio
Citazione:
Originalmente inviato da claudio v Visualizza messaggio
Ciao Favonio, per riprodurre in scala barche reali spesso occorre usare qualche trucchetto.
Dato che il fattore di scala dei volumi é cubico, molto spesso ci si ritrova ad avere scafi che in piccolo sono carenti di volume e quindi non navigano o lo fanno molto male.

Allora conviene giocare sulle forme magari aumentando la larghezza e\o l'immersione dello scafo in modo da nascondere il volume maggiorato al meglio.
Un po' come quando si riproducono gli aerei e gli si aumentano le superfici dei timoni per avere un k più ragionevole.

A questo link trovi una discissione a riguardo e un semple file di calcolo per aiutare a fare le simulazioni.
https://www.baronerosso.it/forum/nav...ml#post3183104

Una volta scelto il. Dislocamento voluto, basterà stirare le forme delle ordinate originarir con i fattori di scala voluti e realizzare uno scafo più funzionale.
Se si tratta di un modello a vela, poi occorrerà anche recuperare momento raddrizzante allungando la deriva e/i ritoccare il piano velico.
Qui un'altra discussione a riguardo.
https://www.baronerosso.it/forum/nav...e-star-rc.html

Infatti il fattore di scala delle superfici è quadratico... Quindi un modello ridotto avrà un riduzione del dislocamento cubico e delle superfici quadratico... Risultando molto più invelato dell'originale.

Ciao
Ciao Claudio, ciao a tutti:
Grazie delle dritte sempre utili.
In effetti si tratta di una riproduzione (semi) di un catamarano Classe A
5.49 x 2.30 x 13.94 di vela che di suo non può pesare meno di 75 kg.
Che pretesa la mia! Ma deve essere solo qualcosa che si muova senza intenti competitivi.
Avvicinandosi imperiosamente il momento di abbandonare l'originale (per ragioni anagrafiche e non solo) sto costruendo qualcosa di simile. (Arrivati i "quattroventi" come dicono i francesi ci si deve accontentare dei ricordi senza rimpianti)
L'originale come si può capire ha un dislocamento quasi ridicolo per cui come suggerivi tu ho deciso di barare un po sul volume tanto quello non è obbligato nella stazza.
Ad ogni modo a lavori più avanzati posterò qualcosa di più esplicito tanto per beccarmi qualche pernacchio.
A presto.
__________________
Ciao, mauro.
Meno cose ci sono meno se ne rompono!


favonio non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 gennaio 20, 15:04   #9 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.399
Citazione:
Originalmente inviato da favonio Visualizza messaggio
Ciao Claudio, ciao a tutti:
Grazie delle dritte sempre utili.
In effetti si tratta di una riproduzione (semi) di un catamarano Classe A
5.49 x 2.30 x 13.94 di vela che di suo non può pesare meno di 75 kg.
Che pretesa la mia! Ma deve essere solo qualcosa che si muova senza intenti competitivi.
Avvicinandosi imperiosamente il momento di abbandonare l'originale (per ragioni anagrafiche e non solo) sto costruendo qualcosa di simile. (Arrivati i "quattroventi" come dicono i francesi ci si deve accontentare dei ricordi senza rimpianti)
L'originale come si può capire ha un dislocamento quasi ridicolo per cui come suggerivi tu ho deciso di barare un po sul volume tanto quello non è obbligato nella stazza.
Ad ogni modo a lavori più avanzati posterò qualcosa di più esplicito tanto per beccarmi qualche pernacchio.
A presto.
Interessante, però...
Se si tratta ci un cat Classe A, per il dislocamento reale devi comunque aggiugere al peso del cat anche i 150-180 kg di equipaggio: quindi il dislocamento "vero" sarà circa 250 kg e non 75 kg.
Poi, trattandosi di una catamarano, dato che le inerzie vanno con lo stesso rapporto dei pesi... occorre rammentare che la velocità con cui scuffierà sarà parente di... 125 volte maggiore.
Questo è il problema maggiore dei multiscafi "modello".

Ci sono vari esempi di cat con bulbo di zavorra per ridurre il problema, ma, visto il progresso attuale dell'elettronica, penso potrebbe essere interessante dronizzarlo e mettere un bel servo a braccio con zavorra mobile asservito a sistema giroscopico (ormai ci sono riceventi a 4 soldi don tutto integrato) per tenerlo più facilmente in assetto.

Per salvarsi da una ingavonata non sarà certo risolutivo, ma da una scuffia laterale...
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 gennaio 20, 16:38   #10 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di favonio
 
Data registr.: 01-04-2004
Residenza: Napoli-Bari
Messaggi: 2.679
Invia un messaggio via MSN a favonio
Citazione:
Originalmente inviato da claudio v Visualizza messaggio
Interessante, però...
Se si tratta ci un cat Classe A, per il dislocamento reale devi comunque aggiugere al peso del cat anche i 150-180 kg di equipaggio: quindi il dislocamento "vero" sarà circa 250 kg e non 75 kg.
Poi, trattandosi di una catamarano, dato che le inerzie vanno con lo stesso rapporto dei pesi... occorre rammentare che la velocità con cui scuffierà sarà parente di... 125 volte maggiore.
Questo è il problema maggiore dei multiscafi "modello".

Ci sono vari esempi di cat con bulbo di zavorra per ridurre il problema, ma, visto il progresso attuale dell'elettronica, penso potrebbe essere interessante dronizzarlo e mettere un bel servo a braccio con zavorra mobile asservito a sistema giroscopico (ormai ci sono riceventi a 4 soldi don tutto integrato) per tenerlo più facilmente in assetto.

Per salvarsi da una ingavonata non sarà certo risolutivo, ma da una scuffia laterale...
Mi sposto su un nuovo trend.
__________________
Ciao, mauro.
Meno cose ci sono meno se ne rompono!


favonio non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Problema con BMW M3 GTR European Le Mans Series 2001 - scala 1:10 xMagnos7z Automodellismo Mot. Elettrico On-Road 2 14 dicembre 17 14:56
problema moster truck scala 1/6 fg luchino85 Automodellismo Mot. Scoppio Off-Road 6 02 novembre 10 16:09
problema moster truck scala 1/5 fg luchino85 Automodellismo Mot. Scoppio Off-Road 7 05 febbraio 10 09:58
Problema scala 1/5 valeruben Automodellismo Mot. Scoppio On-Road 3 01 agosto 07 11:47



Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 11:27.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002