Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria altre specialità modellistiche. > Ferromodellismo


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 01 dicembre 16, 15:36   #1 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di lupobianco
 
Data registr.: 12-01-2005
Residenza: Milano
Messaggi: 45
Restauro treno Conti CO.MO.GE

Ciao a tutti, dopo tanti anni di modellismo aereo e navale (statico ed RC) vorrei restaurare il mio trenino elettrico Conti : risale ai primi anni 50 ed anche se ci ho giocato tanto e' in ottimo stato e credo di riuscire a riportarlo al nuovo.
Ho 3 motrici (Gr 685 , E 424 e Gr 680 ), 4 vagoni passeggeri ed una decina di carri merce , oltre a molti binari ed una decina di scambi.
Prima di cominciare ( il lavoro sara' in primavera per ragioni logistiche e di verniciatura) avrei due domande da fare:

1- il treno e' in corrente alternata, con binari a 3 rotaie , inversione di marcia alimentando (oltre al centrale) uno dei 2 binari laterali, velocita' a scatti utilizzante un trasformatore C.A.-C.A. con 5 uscite a bassa tensione.
Dato che non voglio utilizzare l'alimentatore originale per ragioni di sicurezza (tutti gli isolamenti hanno piu' di 60 anni) e dato che dovrei far avvolgere un trasformatore apposito, ho pensato di far funzionare il tutto in C.C. , dove sono in grado di costruirmi l'alimentatore. Per quanto ne so i motori dovrebbero funzionare anche in C.C. e l'inversione (collegati insieme i 2 binari laterali) avverrebbe invertendo le polarita'. E' giusto?

2- La loco GR685 per quanto ricordo, ha il motore che funziona male dopo una "fumatina". Dove potrei far riparare il motore (penso che vada riavvolto) ?

Grazie per le risposte
lupobianco non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 02 dicembre 16, 10:43   #2 (permalink)  Top
Rivenditore - ModellisticaFaidaTe
 
Data registr.: 16-04-2012
Residenza: Mendrisio
Messaggi: 262
Sono modelli d'epoca, rifletteri bene sull'opportunità di riverniciare qualcosa.
Per quanto riguarda il funzionamento in continua, bisogna dare uno sguardo alla costruzione. Normalmente erano motori in continua provvisti di raddrizzatore ma all'epoca ognuno inventava qualcosa di suo. Prima di sperimentare sarebbe importante capire come è fatto.
__________________
Daniele Walser
Modellistica e fai da te
Via Pollini 16, CH6850 Mendrisio
www.modellisticaefaidate.ch
Walsermodellistica non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 02 dicembre 16, 15:49   #3 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di lupobianco
 
Data registr.: 12-01-2005
Residenza: Milano
Messaggi: 45
Grazie per la risposta.
Certo che sono modelli d'epoca (e hanno anche un discreto valore) ma quello che farei e' un restauro all'originale e lo ritengo nelle mie capacita' (almeno spero !!).
Per quanto riguarda la trasformazione da C.A. a C.C. ti posso dire che non esiste nessun raddrizzatore (nei primi anni 50 non esistevano proprio diodi ed affini e gli unici raddrizzatori erano o a valvole (!) o a piastre di selenio ) : sono a tutti gli effetti motori in C.A., senza magneti permanenti e con bobina per lo statore.
Dovrebbero funzionare anche in C.C. , ho pero' il dubbio sulla inversione di rotazione.
Mi sa che l'unica e' sperimentare cercando di non far danni.
Nessuna dritta su dove potrei far riavvolgere il rotore della loco?
Grazie
__________________
Failure is not an option
lupobianco non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 03 dicembre 16, 12:39   #4 (permalink)  Top
Rivenditore - ModellisticaFaidaTe
 
Data registr.: 16-04-2012
Residenza: Mendrisio
Messaggi: 262
Non metto in dubbio le capacità. A volte però ha un maggior valore lo stato originale (anche se presenta segni di usura) che il modello restaurato.
Per sperimentare conviene utilizzare un alimentatore da laboratorio con limitazione di corrente.
Riavvolgere i motori è un vero dilemma. Qui da noi sono scomparsi tutti gli artigiani che facevano lavori del genere.
__________________
Daniele Walser
Modellistica e fai da te
Via Pollini 16, CH6850 Mendrisio
www.modellisticaefaidate.ch
Walsermodellistica non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 03 dicembre 16, 21:58   #5 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di lupobianco
 
Data registr.: 12-01-2005
Residenza: Milano
Messaggi: 45
Si, l'alimentatore l'ho, piu' che altro che complica la vita e' il diabolico isolamento tra i 3 binari che si traduce in un isolamento , nella motrice, che coinvolge gli assali, le ruote, i piedini di presa di corrente, la carcassa ,il blocco motore, i biellismi e ..le lampadine : tutti isolati tra loro !!!
Basta un contatto ( i fili hanno 60 anni) e salta fuori il corto. Penso che provero' il motore smontandolo dalla carrozzeria.
Per quanto riguarda il restauro anche io ho qualche indecisione, tuttavia dopo figlie femmine ho nipoti femmine per cui non prevedo un uso ludico del treno.
Non ho spazi per montare un plastico e tenere il tutto in vista.
Ma mi spiace vendere un bel ricordo e restaurarlo sarebbe un po' come tornare indietro nel tempo.
Mah, sentimentalismi di un vecchietto !
__________________
Failure is not an option
lupobianco non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
i conti non tornano paperozzolo Aeromodellismo Principianti 20 30 maggio 10 11:53
Famo du conti porcu69 Aeromodellismo 26 09 novembre 04 19:17
4 Conti e 2 domande Avi Aeromodellismo Volo Elettrico 33 07 ottobre 04 17:37
Facciamoci 2 conti! gmo78 Aeromodellismo Volo Elettrico 18 22 maggio 04 18:20



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 05:04.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002