Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Aeromodellismo > Aeromodellismo Principianti


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 20 settembre 22, 22:01   #11 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di canelupo
 
Data registr.: 19-12-2006
Residenza: Carugate (MI)
Messaggi: 2.363
Immagini: 4
I disegni che avete consigliato sono per motori a scoppio.

Se uno vuole farlo con motori elettrici deve cambiare concettualmente molte parti strutturali.

Non solo, essendo il primo modello, inevitabilmente ci sarà una tendenza a lavorare "pesante" senza curarsi della leggerezza nel suo insieme.

Costruire una macchina volante è concettualmente diverso dal costruire una imbarcazione o una macchina di terra.

Sugli aerei il peso è fondamentale. Ogni grammo aggiunto in coda va bilanciato con 3 grammi posti sul muso.

Quindi, se proprio uno deve esagerare con il peso è meglio che lo faccia nella parte frontale. In quel caso "pagherà meno" per arrivare al bilanciamento
__________________
volo e navigo solo con modelli autocostruiti

FLY BRIANZA http://www.youtube.com/watch?v=1BT9OLdXy58
canelupo non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 21 settembre 22, 10:07   #12 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 08-10-2021
Residenza: milano
Messaggi: 7
Ma grazie!!!!.. tutti preziosi come immaginavo. Se non e' troppo Complicato posso chiederti quali sono ke modifiche principali per l adattamento ad elettrico?. In generale ovviamente.. nin ti chiedo di studiarti il mio modello!!!. Intanto sto procedendo a ridisegnare tutto in fusion360.. per maggiore precisione e per poi fare il gcode per la laser cut.. per i pesi sono avvezzo a tenerli sotto controllo. In fusion ho la libreria dei materiali quindi ce l'ho sotto controllo costantemente.. ho anche le pesatura di molti motori outrunner già usati e della cavetteria per DM.. dovrò censire il peso dei motorinchenscegliero e della verniciatura e fibra..
Si.. sui mezzi di terra e- tutto più semplicemente. E questo è stato il motivo per cui la mia prima domanda verteva proprio su questo!!. Nel frattempo ho scelto il plan dal sito da voi suggerito e sto ridisegnato tutto per avere forme precisissime.. nell'ordine poi calcolero quanto tempo vorrei di volo e a ritroso con i parametri dei motori ..il peso la superficie ali.. farò delle tabelle per scegliere alla fine quale scala usare.. non penso di poter arrivare fino a 2mt di ala... anche solonper le difficoltà logistiche!!.. vedremo..
rletizia non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 21 settembre 22, 11:03   #13 (permalink)  Top
Gran Decapo
 
L'avatar di Ehstìkatzi
 
Data registr.: 18-03-2007
Messaggi: 14.262
L'installazione dei motori elettrici è quanto di più semplice si possa immaginare. Data la scarsa potenza che verrà installata è sufficiente una ordinata da 3 mm o da 5 mm su cui avvitare, io uso viti autofilettanti da legno, la flangia del motore. L'ordinata può essere nel punto in cui ti fa più comodo, spessorando opportunamente puoi arrivare alla posizione corretta. Vedi foto allegata. La vera modifica riguarda il posizionamento delle batterie e la creazione di uno sportello che ne permetta la rapida sostituzione.
Per quanto riguarda l'ala si può pensare di farla in due parti unite da baionetta tonda in carbonio, per esempio, ma si possono trovare anche tubi un dural che pesano qualcosa in più, ma costano molto meno.
Conviene, facendola non in un pezzo unico, fare un pezzo centrale lungo fino ai motori esterni e due estremità sostenute da baionette anche piatte e tenute in posizione con viti.







Ehstìkatzi non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 21 settembre 22, 11:28   #14 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 08-10-2021
Residenza: milano
Messaggi: 7
Chiarissimo!!!!. Posto qualche foto appena finisco per eventuali correzioni per chi ha voglia di guardare.
rletizia non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 settembre 22, 13:45   #15 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di chetto1965
 
Data registr.: 20-09-2004
Residenza: Torino
Messaggi: 2.967
Un errore comune che ho visto fare a molti costruttori di aerei che volevano costruire tutto da soli partendo dai trittici e disegni originali era quello di volere a tutti i costi rispettarne la scala.


Quindi decidendo ad esempio di fare un modello in scala 1:10 di un aereo da 15m prendevano il disegno e ne copiavano al millimetro la struttura e le dimensioni scalandole appunto di un fattore dieci ottenendo ad esempio un'apertura alare di 1.5m e così via.

Attenzione però... la densità dell'aria in cui si muoverà l'aereo rimarrà sempre la stessa non sarà aumentata di conseguenza nè tantomeno la velocità dell'aereo... quindi queste persone costruivano modelli bellissimi, molto rifiniti e realistici... però poi non volavano o volavano malissimo.... per colpa di carichi alari altissimi (già ti hanno suggerito valori ragionevoli) oppure perchè banalmente le superfici mobili realizzate in scala non avevano una sufficiente autorevolezza per controllare l'aereo... perchè troppo piccole aerodinamicamente...

Morale: le superfici mobili falle più grandi senza curarti della scala.

Questo il mio contributo.
Saluti
Andrea
__________________

Iscritto al gruppo "Volare su Tetti" di Rivoli (TO)
chetto1965 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 24 settembre 22, 01:31   #16 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di aerofast
 
Data registr.: 20-03-2015
Residenza: Assisi, in quel di Perugia
Messaggi: 1.181
Citazione:
Originalmente inviato da chetto1965 Visualizza messaggio
Un errore comune che ho visto fare a molti costruttori di aerei che volevano costruire tutto da soli partendo dai trittici e disegni originali era quello di volere a tutti i costi rispettarne la scala.


Quindi decidendo ad esempio di fare un modello in scala 1:10 di un aereo da 15m prendevano il disegno e ne copiavano al millimetro la struttura e le dimensioni scalandole appunto di un fattore dieci ottenendo ad esempio un'apertura alare di 1.5m e così via.

Attenzione però... la densità dell'aria in cui si muoverà l'aereo rimarrà sempre la stessa non sarà aumentata di conseguenza nè tantomeno la velocità dell'aereo... quindi queste persone costruivano modelli bellissimi, molto rifiniti e realistici... però poi non volavano o volavano malissimo.... per colpa di carichi alari altissimi (già ti hanno suggerito valori ragionevoli) oppure perchè banalmente le superfici mobili realizzate in scala non avevano una sufficiente autorevolezza per controllare l'aereo... perchè troppo piccole aerodinamicamente...

Morale: le superfici mobili falle più grandi senza curarti della scala.

Questo il mio contributo.
Saluti
Andrea
Un grande contributo direi!!!

Parlo perché sono uno di quei "fenomeni" di cui parli.

Ho preso un trittico da un libro...era un BF110 con due magnum.40, fatto tutto a scala...timone ad H e poco se non inesistente direzionale...al primo decollo sembrava un ubriaco alla frutta e boom...riparato, i modellist più esperti dissero di mettere almeno il doppio di superficie specie per combattere l'anticoppia...e ne misi due padelle che sembrava un B-24 bimotore....

Fate come volete ma volava da Dio... brutto arrabbiato ma volava

Le riproduzioni a scala solo dalla 1/5 in su si può pensare di fare rimanere tale una superficie come da trittico o disegno ridotto
aerofast non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 24 settembre 22, 10:08   #17 (permalink)  Top
Gran Decapo
 
L'avatar di Ehstìkatzi
 
Data registr.: 18-03-2007
Messaggi: 14.262
In questa serie di modelli la scala è circa 1:10, l'unica differenza rispetto alla riduzione esatta delle superfici e dei volumi è un piccola riduzione della sezione fusoliera del Bearcat e del Sea Fury.

Ehstìkatzi non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 24 settembre 22, 20:01   #18 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 31-10-2002
Residenza: Rimini (Pugliese di nascita)
Messaggi: 2.295
E' inutile stare a discutere delle superfici sui singoli modelli.
I modellisti esperti sanno bene cosa voglia dire rapporto di volume di coda.
In ogni categoria (alianti, acrobatici, riproduzioni etc) esistono dei valori ben collaudati ai quali ci si dovrebbe attenere.
Ovviamente certi modelli veri si avvicinano molto a questi valori 'modellistici' altri modelli assolutamente no (es spitfire).
Nel caso del nostro amico è per questo che sarebbe meglio se partisse da un disegno costruttivo rc, eviterebbe sicuramente questo problema senza doversi stare ad informare sui valori del rapporto di coda volumetrico.
fabiovitti non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks

Tags
b17, laser cut, progettazione, struttura



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Errori da non fare!! stene75 Elimodellismo Riproduzioni 2 18 febbraio 11 16:26
Errori Di Pilotaggio!!! Xd fabio.p. Aeromodellismo 7 22 aprile 10 18:16
Correzione errori ginopilotino Segnalazione Bug e consigli 10 27 maggio 05 13:20



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 14:17.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002