Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Navimodellismo > Navimodellismo a Vela


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 15 settembre 20, 15:16   #1 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 11-01-2020
Residenza: Praga
Messaggi: 9
Shadow II ... alla fine e' nato

Detto fatto, Shadow II naviga, e bene...Stampo costruito con ordinate di polistirolo da 5 cm alla cnc e scafo ricavato in carbonio.
Le vele sono laminate in fibra di vetro da 24 grammi.
Il genoa e' controllato da scotte indipendenti azionate da due motori (non servo verricello) controllati da due servi che ne invertono la rotazione, e si sovrappone alla randa fino al 18 %, ha i punti di mura regolabili per adesso solo a terra ma sto mettendo a punto il sistema per avanzarli o indietreggiarli in navigazione.
Lunghezza 1 mt
peso 8 kg
Pescaggio 30 cm
Si nota come il volume importante della prua renda la barca stabile al beccheggio.
Filante e maneggevole anche senza vento, e si puo' vedere nel video linkato della prima uscita in cui a causa di un incidente, ( si e' bruciato il servo della randa) oltre a esserci solo un leggero refolo, la randa era fissa al centro. quindi andava solo di genoa
alla prossima uscita sara' tutto a posto e mi auguro piu vento
https://www.youtube.com/watch?v=Ia0BAnfZvwQ
Icone allegate
Shadow II ... alla fine e' nato-dscn1368.jpg   Shadow II ... alla fine e' nato-dscn1366.jpg   Shadow II ... alla fine e' nato-dscn1367.jpg   Shadow II ... alla fine e' nato-dscn1351.jpg  
Edoardopraga non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 15 settembre 20, 23:07   #2 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di CORSARO_NERO
 
Data registr.: 11-09-2008
Messaggi: 453
Complimenti

e bella davvero


una domanda
Le vele sono laminate in fibra di vetro da 24 grammi.
come sarebbe a dire in fibra di vetro

ciao pirata
__________________
PIRATA64
CORSARO_NERO non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 16 settembre 20, 08:42   #3 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 11-01-2020
Residenza: Praga
Messaggi: 9
Citazione:
Originalmente inviato da CORSARO_NERO Visualizza messaggio
e bella davvero


una domanda
Le vele sono laminate in fibra di vetro da 24 grammi.
come sarebbe a dire in fibra di vetro

ciao pirata
Grazie,
per le vele ho usato tessuto di fibra di vetro da 24 g e resina epossidica, sotto vuoto.. con questo sistema anche la randa non necessita di stecche.
Su l'inferitura, la base e la balumina sono rinforzate con kevlar.
Unico problema e' che non posso mettere i terzaroli ma con la regolazione del vang riesco a sventare la randa senza farla fileggiare mai e il genoa posso regolarlo a piacimento con le scotte... L'efficenza e' alta anche considerando che per questo dislocamento ho una sup tot di 0.45 mq. e l'albero e' 1.25 mt.
Con questo sistema la barca sbanda ma non arriva alla falchetta, quindi rimane sempre entro i parametri definiti dalle linee d'acqua progettate, mantenendo bassa la resistenza creata dallo sbandamento eccessivo ( scarroccio, angolo di deriva, timone scontrato ).
Edoardopraga non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 16 settembre 20, 10:51   #4 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 11-01-2020
Residenza: Praga
Messaggi: 9
Citazione:
Originalmente inviato da Edoardopraga Visualizza messaggio
Grazie,
per le vele ho usato tessuto di fibra di vetro da 24 g e resina epossidica, sotto vuoto.. con questo sistema anche la randa non necessita di stecche.
Su l'inferitura, la base e la balumina sono rinforzate con kevlar.
Unico problema e' che non posso mettere i terzaroli ma con la regolazione del vang riesco a sventare la randa senza farla fileggiare mai e il genoa posso regolarlo a piacimento con le scotte... L'efficenza e' alta anche considerando che per questo dislocamento ho una sup tot di 0.45 mq. e l'albero e' 1.25 mt.
Con questo sistema la barca sbanda ma non arriva alla falchetta, quindi rimane sempre entro i parametri definiti dalle linee d'acqua progettate, mantenendo bassa la resistenza creata dallo sbandamento eccessivo ( scarroccio, angolo di deriva, timone scontrato ).
Un esempio del motivo di non voler sbandare la barca si vede in questa tabella: in un limite di massimo 15° di sbandamento si hanno le prestazioni ottimale, oltre questo le prestazioni decadono. E' inutile, dal mio punto di vista, avere una superficie velica di un metro quadro se poi si e' costretti ad allungare la deriva per bilanciare lo scafo aumentando la superficie bagnata totale e nonostante cio' navigare quasi orizzontali sull'acqua esponendo il 20% della velatura
Immagini allegate
Tipo file: jpg Tabella sbandamento.jpg‎ (34,2 KB, 17 visite)
Edoardopraga non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
E alla fine....... blackhawk Aeromodellismo Ventole Intubate 5 08 gennaio 16 12:00
Alla fine... 1/8 Xan83 Automodellismo Mot. Elettrico Off-Road 27 12 marzo 13 15:16
alla fine... ramones89 Aeromodellismo Volo Elettrico 2 30 aprile 10 11:44



Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 00:14.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002