Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Navimodellismo > Navimodellismo a Motore > Motoscafi con Motore Scoppio


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 23 aprile 20, 01:28   #21 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di LumacheFertili
 
Data registr.: 12-06-2017
Residenza: Milano
Messaggi: 40
Citazione:
Originalmente inviato da LumacheFertili Visualizza messaggio
Ed ecco qui le prime foto dello scafo (senza coperta)

La costruzione dello scafo, per ragioni di strutturali e ptratiche (montaggio della meccanica e hardwear) è stata suddivisa in tre fasi:

1- Costruzione carena,e murate. Costruzione vano radio. Sistemazioni motori, sistema propusione e di governo. Sistemazione sistema di scarico. Sistemazione sistema di raffreddamento. Sistemazione sistema elettrico. Sistemazione sistema carburante.
2- Allargamento caliciatura parte superiore. Rinforzi strutturali per coperta completa. Costruzione profilo coperta esterna.
3- Costruzione coperta completa.


Qui siamo al 25% della fase 1.
Nella FOTO 1 si può notare lo scafo completo, come sarà per tutta questa fase, suddiviso in 5 compartimenti: 1 ospiterà il vano radio, 2 ospiterà espansioni, serbatoio e uscita assi, 3 vano motori e cabina superiore con futura camera e sistema FPV (isolato) 4 e 5 vuoti con riempimento galleggiante.
La lunghezza da prua a poppa è 210cm. La larghzza massima è di 45cm.
La travatura interna in compensato marino (7mm) tagliato al laser da una unico foglio di compensato marino di 260x120cm. Il taglio laser è estremamente preciso ma tutti i bordi DEVONO essere carteggiati per dover portare via la bruciatura del laser stesso e poter lavorare. Il disegno vrenderizzato in CAD, il taglio (che dura a seconda del materiale e dello spessore dello stesso) nel nostro caso è durato circa 35 minuti. Ogni pezzo viene assemblato con incollaggio con resina epossidica e inchiodaggio con chiodini in ottone da 6x2mm (uno ogni 6mm di distanza)

L'intero primario dello scafo è composta da tavolette di balsa (4mm) poste in modo perpendicolare. A loro volta rinforzate da listelli di balsa da 4mm di spessorex 10 di larghezza a una distanza di 3cm uno dall'altro. Tali listelli vengono poi rinforzati da un doppio listello trasverzale sempre di 4x10mm (FOTO 2) ogni coppia di listelli di rinforzo trasfersale viene infine rifestito da un ultimo strato di balsa da 2mm. (FOTO 3). Tutto questo procedimento è ad opera di incolaggio con resina epossidica e inchiodaggio con chiodini in ottone da 6x2mm. Risultato finale es FOTO 4 e 5.
Questo prcedimento di rinforzi anche a metà longherone non verrà fatto nel compartimento 5 poichè oltre che appesantire la prua sarebbe superfluo per due motivi: la sezione è più corta delle altre e in torzione, ciò da una naturale resistenza in più rispetto alle murate delle sezioni precedenti; altro punto perchè lì vi sono le intersezioni tra i rivestimenti di tessuto di vtr della carena e delle murate, che offrono notevole resistenza. (FOTO 6)


L'intero scafo è rivestito da tessuto di fibra di vetro a trama ortogonale e resina epossidica con la tecnica "bagnato su baganto".
La carena ha 6 strati da 160gr/mq, le parti laterali 4 strati da 160 gr/mq, la coperta 3 strati da 110gr/mq. (metterò ance dei time lapse se riesco della fase di copertura della carena)

Paricolare della prua, terminata (manca la caliciatura finale della parte più superiore che si "collega" alla coperta (Fase 2) (FOTO 7)

Per provare la resistenza della carena abbiamo costruito una sezione della carena per testarne la resistenza.
Ne è risultato una grade resistenza alla torsione ma allo stesso momento elasticità. Elevata resistenza agli urti. (più volte presa a martellate con forza con testa quadra del martello e nessun danno che possa compromettere la navigazione.


Cosa da non sottovalutare assolutamente: il peso. Loscafo così completo e rivestito pesa 5,5kg. Stimiamo un peso finale dello scafo completo (solo scafo) di 8,5 kg. Completo in ordine di navigazione, serbatoio vuoto, di 18kg; con un rapporto peso/potenza (Kg/hp) di 1/1.


(foto 6 e 7 allegate a prossima risposta poichè il forum permette solo 5 foto a risposta)
foto 6 e 7.
Icone allegate
MAS-Torpedo 35cc x 2  FPV-foto-6.jpg   MAS-Torpedo 35cc x 2  FPV-foto-7.jpg  
__________________
Memento Audere Semper
LumacheFertili non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 aprile 20, 02:38   #22 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di LumacheFertili
 
Data registr.: 12-06-2017
Residenza: Milano
Messaggi: 40
Citazione:
Originalmente inviato da dooling Visualizza messaggio
Perfetto per il vano radio con coperchio trasparente i plexiglas per controllare eventuali anomalie, perfette le prese a mare poste fra le eliche ed i timoni non troppo vicine alle prime per evitare la turbolenza dell'acqua, piuttosto leggermente spostate di lato per aspirare nel pieno del flusso.

Per le prese a mare delle pompe a depressione, potresti posizionarle esternamente alle eliche, non sporgenti come le precedenti, ma inclinate verso prua in dinamica, tutte tagliate a fetta di salame, queste ultime sporgerebbero in misura insignificante e non creerebbero turbolenze di sorta.

Il furto reciproco di acqua, è inteso, purchè le eliche non siano troppo vicine tra loro, compatibilmente con le posizioni dei motori.

Assi: intendevo così; l'ultimo pezzo di astuccio di circa 7/8 cm, ma anche meno, quello con la portata della boccola, collegato all'altro con tubo in gomma telata, devono rimanere altri 10 cm circa di asse completamente liberi verso il giunto.

A proposito di boccole, hai pensato in sede di costruzione, a ricavare una piccola e leggera ragnatura? Il meato d'olio che si forma favorisce la lubrificazione asse/boccola.

Aspettiamo le foto dello scafo ed allestimento per eventuali commenti.

Nella prossima pagina le foto.



Vano radio e pre acqua: esattemente come sugli scafi da competizione! il vano radio avrà un coperchio stagno in plexglass trasparente! ;-)

un punto sulle prese acqua:
si pensava di fare tutto il compartimento 1 stagno mediante una paratia e una sotto-coperta con coperchio, avendo così molto spazio a disposizione.
Ecco...mettere altre prese acqua (oltre a quelle dinamiche tra elica e timone) all'interno di questo spazio... non è rischioso??

Comunque se ho capito bene le prese saebbero come quella in foto allegata.


mmm... non dovrebbe esserci "furto" di acqua tra i motori.. gli assi distanzieranno tra loro 20 cm circa.!

Per gli assi...ora compreso al 100%!!! ci vorrò ancora un poco di tempo prima di arrivare a que punto.....
Icone allegate
MAS-Torpedo 35cc x 2  FPV-entrata-acqua-fetta-di-salame.jpg  
__________________
Memento Audere Semper
LumacheFertili non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 aprile 20, 04:32   #23 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di LumacheFertili
 
Data registr.: 12-06-2017
Residenza: Milano
Messaggi: 40
Citazione:
Originalmente inviato da dooling Visualizza messaggio
https://www.baronerosso.it/forum/att...1&d=1587573073

https://www.baronerosso.it/forum/att...1&d=1587573110

https://www.baronerosso.it/forum/att...1&d=1587573142

https://www.baronerosso.it/forum/att...1&d=1587573206

https://www.baronerosso.it/forum/att...1&d=1587573271

Il cat monterà lo Zenoah 260 PUM, che intendo spremere, ho aperto una discussione ma, per problemi di vario genere, sono fermo.

L'ultimo, il colibrì, è stato allungato per ospitare un 15cc, inoltre ho allungato la linea d'asse per arrivare ad un piede poppiero, una volta messo in linea, taglierò l'astuccio per limitare al massimo le turbolenze davanti all'elica, non mi dispiace sperimentare.

Non mi sembra il caso di affilare i timoni come un rasoio, un arrotondamento è più che sufficiente.



Eccoli!...avevo letto la discussione sul Zenoah 26.. in particolare mi aveva colpito cosa si dicva della ventilazione delle eliche che io pensavo e supponevo venisse usato solo nella propulsione di superficie e fosse scovenieinte nella propulsione ad elica immersa. Il cat, vedendo dalla foto, dovremme essere si cia un mertro.. se così fosse.. volerà con un 26cc..!!
Interessante e stupendo anche "paticciare"sui motori... cercare di tirarne fuori l'impossibile ...
__________________
Memento Audere Semper
LumacheFertili non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 aprile 20, 10:47   #24 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di dooling
 
Data registr.: 22-08-2007
Residenza: Portofino - Rapallo
Messaggi: 4.405
Ciao, Sul vano radio siamo perfettamente d'accordo, dimensioni (apertura) strettamente necessarie per operare all'interno con comodità.

Passiamo alle prese a mare; due devono per forza essere posizionate di fronte alle eliche, quindi nel vano radio, non è un problema, se vuoi maggior sicurezza, fai una piastrina forata con il diametro del tubetto, saldi con castolin, infili da dentro avendo cura che la piastrina appoggi su un supporto in legno duro ben resinato, silicone marino e viti di fissaggio, se vuoi di più, una resinata a finire.

Le altre due, (quelle che alimentano le pompe a depressione), puoi montarle davanti alla paratia stagna del vano radio, questo per tua tranquillità, anche se (mio modesto parere), se il lavoro è ben fatto, non ci sono rischi di sorta.

Quelle davanti alle eliche sono come da foto allegata, non devono sporgere troppo,
le altre si possono fare inclinate verso prua appena appena sporgenti, faccio uno schizzo e te lo posto.

Leggi anche questo: https://it.wikipedia.org/wiki/Boccola

Ci sono due foto dove si evidenzia bene la lavorazione.

Il cat mi pare che sia circa 130/140 cm, ora non posso misurarlo, vedremo in seguito.

__________________
Never forget it.
dooling non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 aprile 20, 13:53   #25 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di LumacheFertili
 
Data registr.: 12-06-2017
Residenza: Milano
Messaggi: 40
Citazione:
Originalmente inviato da dooling Visualizza messaggio
Ciao, Sul vano radio siamo perfettamente d'accordo, dimensioni (apertura) strettamente necessarie per operare all'interno con comodità.

Passiamo alle prese a mare; due devono per forza essere posizionate di fronte alle eliche, quindi nel vano radio, non è un problema, se vuoi maggior sicurezza, fai una piastrina forata con il diametro del tubetto, saldi con castolin, infili da dentro avendo cura che la piastrina appoggi su un supporto in legno duro ben resinato, silicone marino e viti di fissaggio, se vuoi di più, una resinata a finire.

Le altre due, (quelle che alimentano le pompe a depressione), puoi montarle davanti alla paratia stagna del vano radio, questo per tua tranquillità, anche se (mio modesto parere), se il lavoro è ben fatto, non ci sono rischi di sorta.

Quelle davanti alle eliche sono come da foto allegata, non devono sporgere troppo,
le altre si possono fare inclinate verso prua appena appena sporgenti, faccio uno schizzo e te lo posto.

Leggi anche questo: https://it.wikipedia.org/wiki/Boccola

Ci sono due foto dove si evidenzia bene la lavorazione.

Il cat mi pare che sia circa 130/140 cm, ora non posso misurarlo, vedremo in seguito.

Prese acqua... si, visto che già ci sono le prese dinamiche fare le prese acqua delle pompe comunque dentro il vano radio... non cambia nulla. Come dici si può resinare e fascettare il tutto per renderlo ancora più sicuro. (attendo lo schizzo!)


Per la lavorazione delle boccole ora ho capito, si vede chiaramente in una foto al link mandatomi....

Ora inizia il lavoro serio di posizionare motori e assi...


PS mi meraviglia che nonostante le più di 600 visite a questo post siamo solo in due a discuterne
__________________
Memento Audere Semper
LumacheFertili non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 aprile 20, 15:13   #26 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di aerofast
 
Data registr.: 20-03-2015
Residenza: Assisi, in quel di Perugia
Messaggi: 1.162
Citazione:
Originalmente inviato da LumacheFertili Visualizza messaggio
Prese acqua... si, visto che già ci sono le prese dinamiche fare le prese acqua delle pompe comunque dentro il vano radio... non cambia nulla. Come dici si può resinare e fascettare il tutto per renderlo ancora più sicuro. (attendo lo schizzo!)


Per la lavorazione delle boccole ora ho capito, si vede chiaramente in una foto al link mandatomi....

Ora inizia il lavoro serio di posizionare motori e assi...


PS mi meraviglia che nonostante le più di 600 visite a questo post siamo solo in due a discuterne
Io seguo con vivo interesse poiché mi sono buttato negli scafi da pochissimo...mi piacerebbe partecipare...ma non ci capisco una mazza e osservo incuriosito percependo la complessità che un modello navigante....
Ora capisco perché ingegneria navale ha 5 esami in più di ingegneria aeronautica....
aerofast non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 aprile 20, 17:05   #27 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di dooling
 
Data registr.: 22-08-2007
Residenza: Portofino - Rapallo
Messaggi: 4.405
@ Aerofast! Benvenuto

Allora; ho fatto 3 schizzi, prese raffreddamento, sifone esaurimento, astuccio asse.

La fregatura è che non mi funziona lo scanner, forse non è compatibile con l'aggiornamento di Windows, cercherò il dischetto e vedrò se posso rimediare, è una Epson DX4000.

Comunque, per non farsi fottere dallo scanner, vedo di spiegare in qualche modo quello che ho disegnato.

Ho messo due prese a poppa tra le eliche ed i timoni, sono leggermente spostate verso le rispettive fiancate per essere investite in pieno dal flusso delle eliche stesse.

Le altre due, (quelle delle pompe), sono più avanti, vicino alla paratia stagna e poste in dinamica.

Una domanda per mera curiosità; come mai due circuiti di raffreddamento? Come intendi collegarli?

Per chiarire meglio la questione ti posto un link relativo a quelle per barche, solo per avere l'idea.

https://www.mtonauticastore.it/presa...iABEgIECfD_BwE

Quella è la conformazione, nel tuo caso, non serve la filettatura e la griglia, solo la curva che la orienta verso prua.

Per il sifone, orientata verso poppa per sfruttare il risucchio dovuto alla velocità.

Prima di posizionare le seconde prese a mare, verifica che la presenza del redan non crei problemi di aspirazione.

__________________
Never forget it.
dooling non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 24 aprile 20, 00:16   #28 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di LumacheFertili
 
Data registr.: 12-06-2017
Residenza: Milano
Messaggi: 40
Citazione:
Originalmente inviato da dooling Visualizza messaggio
@ Aerofast! Benvenuto

Allora; ho fatto 3 schizzi, prese raffreddamento, sifone esaurimento, astuccio asse.

La fregatura è che non mi funziona lo scanner, forse non è compatibile con l'aggiornamento di Windows, cercherò il dischetto e vedrò se posso rimediare, è una Epson DX4000.

Comunque, per non farsi fottere dallo scanner, vedo di spiegare in qualche modo quello che ho disegnato.

Ho messo due prese a poppa tra le eliche ed i timoni, sono leggermente spostate verso le rispettive fiancate per essere investite in pieno dal flusso delle eliche stesse.

Le altre due, (quelle delle pompe), sono più avanti, vicino alla paratia stagna e poste in dinamica.

Una domanda per mera curiosità; come mai due circuiti di raffreddamento? Come intendi collegarli?

Per chiarire meglio la questione ti posto un link relativo a quelle per barche, solo per avere l'idea.

https://www.mtonauticastore.it/presa...iABEgIECfD_BwE

Quella è la conformazione, nel tuo caso, non serve la filettatura e la griglia, solo la curva che la orienta verso prua.

Per il sifone, orientata verso poppa per sfruttare il risucchio dovuto alla velocità.

Prima di posizionare le seconde prese a mare, verifica che la presenza del redan non crei problemi di aspirazione.

Citazione:
Originalmente inviato da aerofast Visualizza messaggio
Io seguo con vivo interesse poiché mi sono buttato negli scafi da pochissimo...mi piacerebbe partecipare...ma non ci capisco una mazza e osservo incuriosito percependo la complessità che un modello navigante....
Ora capisco perché ingegneria navale ha 5 esami in più di ingegneria aeronautica....
Ciao aerofast!
È un piacere!
Qualsiasi domanda, dubbio, angoscia o perplessità per ciò che leggi... è ben accetta.
Si può imparare anche dalle domande altrui!

Non esitare
__________________
Memento Audere Semper
LumacheFertili non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 24 aprile 20, 01:50   #29 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di LumacheFertili
 
Data registr.: 12-06-2017
Residenza: Milano
Messaggi: 40
Citazione:
Originalmente inviato da dooling Visualizza messaggio
@ Aerofast! Benvenuto

Allora; ho fatto 3 schizzi, prese raffreddamento, sifone esaurimento, astuccio asse.

La fregatura è che non mi funziona lo scanner, forse non è compatibile con l'aggiornamento di Windows, cercherò il dischetto e vedrò se posso rimediare, è una Epson DX4000.

Comunque, per non farsi fottere dallo scanner, vedo di spiegare in qualche modo quello che ho disegnato.

Ho messo due prese a poppa tra le eliche ed i timoni, sono leggermente spostate verso le rispettive fiancate per essere investite in pieno dal flusso delle eliche stesse.

Le altre due, (quelle delle pompe), sono più avanti, vicino alla paratia stagna e poste in dinamica.

Una domanda per mera curiosità; come mai due circuiti di raffreddamento? Come intendi collegarli?

Per chiarire meglio la questione ti posto un link relativo a quelle per barche, solo per avere l'idea.

https://www.mtonauticastore.it/presa...iABEgIECfD_BwE

Quella è la conformazione, nel tuo caso, non serve la filettatura e la griglia, solo la curva che la orienta verso prua.

Per il sifone, orientata verso poppa per sfruttare il risucchio dovuto alla velocità.

Prima di posizionare le seconde prese a mare, verifica che la presenza del redan non crei problemi di aspirazione.

Come detto sopra... tanto vale appunto mettere le prese acqua per le pompe a "fetta di salame" ,e la
posizione che dici è effettivamente la migliore anche perché sempre immerse... mentre come pensavamo noi (avanti agli assi) potevano non pescare acqua e creare vuoti d'aria all'interno dei circuiti di raffreddamento.

Perche quelle delle pompe più avanti e non più a poppa possibile? Messe avanti all'elica non "ruberebbero" acqua al flusso che giunge alla propulsione?
Altro problema però si presenta in questo caso: la troppa distanza delle pompe a depressione dal charter (che crea la depressione) ne diminuisce la prestazione (poiché parte viene persa dalla lunghezza del tubo carter--->pompa. Ciò probabilmente si può risolvere utilizzando tubi carter--->pompa meno soggettiballa deformazione data dalla pressione. Probabilmente anche per i tubi pompa--->presa acqua.

Il perché dei due circuiti di raffreddamento (ciascuno per ogni motore):

Ogni motore ha due circuiti di raffreddamento:
1- in dinamica, ovvero con presa acqua che "riceve" acqua dal moto dello scafo.
2- con pompa a depressione: con presa acqua come detto/chiesto sopra.
In tutto ci sono quindi due prese acqua per ciascun motore.
Ogni circuito poi confluirà in un unico condotto (tramite congiunzione a Y dopo la pompa a depressione altrimenti in velocità la pompa fermerebbe il flusso dinamico) che andrà alla testata di raffreddamento di ciascun motore.

La decisione del doppio circuito è presto detta:
Con le frizioni i motori resterebbero in moto anche da fermi provocandone un inutile surriscaldamento ancora più dannoso per motori da competizione come quelli.

Per le prese pompa avevamo preso queste in considerazione (già montate come dinamiche in altri scafi) da mettere a filo carena.

https://www.prestwich.ndirect.co.uk/hdcncmtwrac19.jpg
__________________
Memento Audere Semper
LumacheFertili non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 24 aprile 20, 01:53   #30 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di LumacheFertili
 
Data registr.: 12-06-2017
Residenza: Milano
Messaggi: 40
Citazione:
Originalmente inviato da dooling Visualizza messaggio
@ Aerofast! Benvenuto

Allora; ho fatto 3 schizzi, prese raffreddamento, sifone esaurimento, astuccio asse.

La fregatura è che non mi funziona lo scanner, forse non è compatibile con l'aggiornamento di Windows, cercherò il dischetto e vedrò se posso rimediare, è una Epson DX4000.

Comunque, per non farsi fottere dallo scanner, vedo di spiegare in qualche modo quello che ho disegnato.

Ho messo due prese a poppa tra le eliche ed i timoni, sono leggermente spostate verso le rispettive fiancate per essere investite in pieno dal flusso delle eliche stesse.

Le altre due, (quelle delle pompe), sono più avanti, vicino alla paratia stagna e poste in dinamica.

Una domanda per mera curiosità; come mai due circuiti di raffreddamento? Come intendi collegarli?

Per chiarire meglio la questione ti posto un link relativo a quelle per barche, solo per avere l'idea.

https://www.mtonauticastore.it/presa...iABEgIECfD_BwE

Quella è la conformazione, nel tuo caso, non serve la filettatura e la griglia, solo la curva che la orienta verso prua.

Per il sifone, orientata verso poppa per sfruttare il risucchio dovuto alla velocità.

Prima di posizionare le seconde prese a mare, verifica che la presenza del redan non crei problemi di aspirazione.

Per quanto riguarda la stampante... è strano non si possa configurare e non venga riconosciuta dal wifi..!

Altrimenti piuttosto di scannerizzare i disegni... facci una foto!
__________________
Memento Audere Semper
LumacheFertili non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Costruzione e conversione RC ELCO 80' PT-596 TORPEDO BOAT ryuga17 Navimodellismo Riproduzioni 4 16 ottobre 17 18:34
K&B Torpedo 29 stefanozzo Aeromodellismo Volo a Scoppio 14 18 aprile 14 09:08
motore per torpedo boat?? flyer1913 Motoscafi con Motore Elettrico 19 06 marzo 10 10:00
Torpedo boat italeri flyer1913 Motoscafi con Motore Elettrico 3 19 febbraio 10 15:09
Mas 15 Foto Originali Mas Luigi Rizzo 03/09/2008 PierpEolo Navimodellismo Riproduzioni 8 26 marzo 09 18:35



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 08:29.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002