Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Elettronica > Circuiti Elettronici


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 01 gennaio 04, 17:21   #1 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 13-08-2002
Messaggi: 238
Materiale di Base

Salve a tutti...auguri di buon anno... Ho realizzato il regolatore con pic16f84 ?ho scritto bene? cmq ho fatto le saldature..e devo dire che come prima volta nella vita..sono venute decenti...devo vedere se funziona ma devo aspettaare di comprare motore et pacco batterie...

la mia domanda xò è un'altra...il circuito di cui parlavo sopra l'ho realizzato su basetta millefori..dato che vorrei cercare di imparare x bene e fare anche altri circuiti di quelli indicati qui nel sito..volevo chiedere:

di che matariale ho bisogno x poter disegnare sulla basetta il circiutio vero e proprio? (ho sentito parlare che si usa dell'acido x sciogliere il rame dopo avere disegnato le piste..) vorrei sapere cosa dovrei comprare (proprio tutto quello che mi serve, chiaramente x poter iniziare) e grossomodo che spesa si arriva a fare...

grazie a tutti..a presto!!!
Angqwe non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 01 gennaio 04, 19:18   #2 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di anfarol
 
Data registr.: 15-10-2003
Residenza: Forlì
Messaggi: 3.752
molto velocemente...
Per disegnare sul rame nudo, ti serve:
1) Apposito pennarello. Intorno ai 4-5 Euro credo, ma non ne compro da anni..
2) Trasferibili appositi con piazzole di varie dimensioni... (2 Euro??)
3) la basetta da 2 Euro in su a sexonda delle dimensioni e delle facce
4) Percluro di ferro in sali da diluire in acqua o già diluito.( 3-6 Euro)
5) bacinella di plastica o di vetro (non di metallo!!!!!) 3-6 Euro

I risultati pero' sono scadenti, giusto per fare circuiti con componenti ben spaziati e grandi.

Per il regolatore, non è molto consigliato

L'investimento modico, vale comunque l'esperimento.

Se vuoi un passaggio successivo, occorre tutt'altra roba (escluso il percloruro)

Ciao!
anfarol non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 01 gennaio 04, 19:25   #3 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di anfarol
 
Data registr.: 15-10-2003
Residenza: Forlì
Messaggi: 3.752
Dimenticavo... il Percloruro è abbastanza aggressivo anche se diluito.

Compra anche guanti in lattice aderenti, un bel paio di occhiali da laboratorio... e usa il tutto all'aperto... i vapori sono tossici.

Macchia di giallo tutto cio' che tocca... cemento, indumenti, etc... e corrode quasi tutti i metalli ad eccezzione del titanio e poche altre molecole metalliche. Quindi attenzione.

Sicurezza in primis...
anfarol non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 02 gennaio 04, 02:38   #4 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 13-08-2002
Messaggi: 238
grazie x la risposta...dato che dici che non è la soluzione + adata...tu cosa hai usato ad esempio x fare il circuito quello che hai proposto al barone qualche giorno fa?(quello con il led rosso)
Angqwe non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 02 gennaio 04, 12:42   #5 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di anfarol
 
Data registr.: 15-10-2003
Residenza: Forlì
Messaggi: 3.752
Un circuito come quello che hai visto, con piazzole SMD e piste da 0,4 mm è quasi impossibile da fare con pennarelli....
Per farlo c'è' un'attrezzatura diversa....
Innanzitutto ti serve una stampante Laser o una fotocopiatrice... stampi il tuo master su un foglio di acetato
Prendi la tua basetta, la vernici con Photoresist Positivo e la metti in forno (non quleoo per alimenti, visto che è vernice mooolto tossica) a circa 70° per 1,5-2 ore al riparo da luce diretta (una camera oscura va meglio) da quest'operazione in poi.
Poi ci vuole un bromografo (una scatolotta con Lampade UV nella lunghezza d'onda specifica per il photoresist, una via di mezzo fra quelle abbronzanti e germicide).
Prendi la tua basetta, la metti nel bromografo, ci poni sopra il Master stampato e accendi il bromografo. Lasci esporre per un tempo variabile, in funzione della distanza di proiezione, della potenza delle lampade e dello spessore/caratteristiche del Photoresist usato. (nel mio caso 3 minuti e 20Sec, ma occorrono molte prove sperimentali prima di ottenere un buon compromesso.)
Finita l'esposizione, passi la basetta, (munito di guanti in lattice, occhiali e ventilazione) in una bacinella con soluzione per lo "sviluppo del Photoresit"
Quelli commerciali che ho provato sono veramente uno schifo.... Io uso soda caustica in soluzione al 5%. Economica (da anni uso lo stesso barattolo pagato 5.000L), ne verso circa 3 cucchiai in una bottiglia di plastica, e sviluppo rapido.
A seconda del photoresist, della temperatura, e della concentrazione della soda, sulla basetta, inizia a svilupparsi l'immagine impressa (un vero e proprio sviluppo fotografico)
Poi in base all'aesperienza, vedi quando è ora di "finire" lo sviluppo, togli e risciaqui con acqua.
A questo punto butti tutto nel Percluroro citato prima...
Nel contenitore del Percloruro, c'è un riscaldatore (lavora meglio a 40-50 gradi) e un agitatore, per evitare che i sedimenti appena asportati, si ridepositino sulla basetta, ritardando il processo o creando corrosioni irregolari.

Il processo descritto, sembra complesso, ma in sostanza non è molto diverso dallo sviluppo di fotografie fatto in casa. Occorre sempre attenzione perchè materiali tossici o corrosivi.
La parte brutta, è che agli inizi, occorre un sacco di tempo e di investimento in materie prime (oltre ovviamente all'attrezzatura), per fare prove su prove e capire quali sono i problemi:
1) troppa esposizione UV/Poca esposizone UV
2) troppo photoresit/ poco Photoresist
3) troppa soda/poca soda
4) master poco contrastato
5) temperatura troppo bassa, etc...
Insomma non un acosa che si improvvisa da un giorno all'altro...

Comunque occorre iniziare con il pennarello, veloce, economico e un punto di partenza.

Ciao!
anfarol non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 02 gennaio 04, 13:28   #6 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 13-08-2002
Messaggi: 238
sicuramente comprerò il pennarello...xò x farmi un'idea...quant'è grossomodo la spesa x gli attrezzi che hai detto tu?
Angqwe non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 02 gennaio 04, 17:39   #7 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di TermicOne
 
Data registr.: 02-01-2004
Residenza: Vicino a Saronno
Messaggi: 6.998
circuiti stampati

Non sono molto esperto di elettronica ma per fare i filtri attivi mi sono fatto i circuitini stampati utilizzando le basette che vendono già preparate con photoresist. Ho stampato il circuitino su un foglio da lucidi e ho sensibilizzato il pezzetto di basetta utilizzando una semplice lampada da tavolo. Sviluppo con Niagara e corrosione con Percloruro.

Il tutto ha funzionato al secondo tentativo e non costa tanto.
TermicOne non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 02 gennaio 04, 19:06   #8 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di anfarol
 
Data registr.: 15-10-2003
Residenza: Forlì
Messaggi: 3.752
Angqwe:
Non saprei, molte cose, derviano da anni... qualche centinaio di euro. non di più...
se hai pazienza e trovi il materiale anche meno...

TermicOne:
Interssante il discorso della lampada... io provai agli inizi, ma occorrevano tempi biblici e spesso il photoresist si bruciava... non è bello fare un doppia faccia, e magari bruciarne una...
Che lampada hai usato?
Il Niagara, non ho idea di cosa sia... se è per lo sviluppo, niente è meglio della soda diluita... 30-40sec...

Il percloruro non è il massimo, ma per bassi volumi è la cosa migliore...

Ciao!
anfarol non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 05 gennaio 04, 09:35   #9 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di TermicOne
 
Data registr.: 02-01-2004
Residenza: Vicino a Saronno
Messaggi: 6.998
circuiti stampati

Ho sempre utilizzato basette con solo una faccia sensibilizzata. La lampada, dopo un paio di tentativi, e' sempre stata OK con una esposizione di 2 o 3 minuti. Se interessa a casa recupero gli appunti e ti fornisco i dati precisi. La lampada e' una semplice lampadina da 60W montata su una semplice lampada da tavolo da disegno che tengo a circa 30cm dalla basetta.

Il Niagara e' il prodotto commerciale per sgorgare lavandini. E' una scatoletta tubolare rossa che si trova a poche lire in tutti i supermercati. E' praticamente soda caustica e con una confezione fai circuiti per tutta la vita ad un costo ridicolo. E' in forma solida a palline. Va diluita ...a casa ho gli appunti e ti dico quanto. Il prodotto specifico che ti vendono per fare i circuiti stampati costa un sacco di soldi...ed e' la stessa cosa...anzi peggio perche' non sgorga i lavandini... :-)

Saluti elettrici.
TermicOne non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 05 gennaio 04, 10:23   #10 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di anfarol
 
Data registr.: 15-10-2003
Residenza: Forlì
Messaggi: 3.752
Ok per il niagara.... la soda che uso io è in polvere grossa (tipo detersivo per lavatrice per intenderci), tant'è che si trova in parecchio supermercati proprio per la pulizia dei sanitari....

Sono sorpreso della lampada.... quando oltre 15 fa iniziai, non riusci ad avere grandi risultati con le lampade... ci voleva un eternità e la precisione non era un granchè... ma magari, con gli anni i photoresist sono diventati più ad ampio raggio...


Ciao!
anfarol non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Info Di Base MighelR/C Aeromodellismo Principianti 7 09 dicembre 07 22:29
Domanda di base lesath82 Batterie e Caricabatterie 5 07 marzo 07 21:32
Regolazioni di base nikemen85 Elimodellismo Motore Elettrico 1 23 marzo 06 15:59
Manovre Base danielone Elimodellismo Motore Elettrico 1 25 gennaio 06 07:58



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 11:15.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002