Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Elettronica > Batterie e Caricabatterie


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 23 settembre 05, 12:41   #1 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 27-09-2004
Messaggi: 281
Vorrei assemblare un pacco da 14 celle sanyo ni.mh 3300 (quelle nere) partendo da un pacco nuovo che ho trovato dopo un paio d'anni che giaceva in un cassetto di 6 elementi.
Cosa mi conviene fare?
Provo a caricarlo per vedere se e' ancora buono oppure prima lo assemblo premesso che ho trovato le celle identiche nuove?
Grazie e ciao a tutti
FLUO non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 settembre 05, 14:02   #2 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di Hannibal
 
Data registr.: 27-11-2003
Residenza: Roma
Messaggi: 8.026
Invia un messaggio via ICQ a Hannibal
Non è mai una buona idea mischiare in serie celle piuttosto diverse le une dalle altre.

Però potresti tentare, a patto che il gioco (i soldi per le altre nuove celle) valga la candela.

Una volta che hai tutte le 14 celle NON assemblate, scaricale tutte quante a zero volt. Per farlo dovrai mettere una resistenza su ogni cella (ad esempio una lampadina da 3v) e lasciarle così per molto tempo, anche più di una settimana. Quindi, una volta che le celle si sono totalmente scaricate assembli il pacco e lo carichi come di consueto. Questa procedura è chiamata equalizzazione. In questo modo hai la possibilità di ridurre le differenze tra i vari elementi facendoli partire tutti da una stessa tensione.

In teoria sarebbe ancora meglio ciclare ad 1/10C una ad una le celle prima di portarle a zero volt.. ma per falrlo ti ci vorrebbe un mese

EDIT:
dimenticavo: la scarica delle celle la devi fare contemporaneamente nel senso che nel giro di una giornata le metti tutte a scaricare altrimenti l'effetto di equalizzazione verrebbe meno. Ti accorgerai infatti che anche quando le avrai lasciate una settimana in scarica, se con un tester vai a misurare la tensione una volta tolta la lampadina, questa non sarà zero ma andrà lentamente aumentando.
__________________
un giorno mi librerò in volo sul mio Diavolo dalla coda biforcuta e allora attenti a voi...



Hannibal
alias l'Africano



Io ero il mod ciucco
Hannibal non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 settembre 05, 15:40   #3 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 27-09-2004
Messaggi: 281
Grazie hannibal, mi pare di aver capito che la condizione fondamentale per far si che la cosa si possa fare e' che le celle siano TUTTE ALLA STESSA "SCARICA" dico bene?
Quindi non ha senso provare prima a controllare che il pacco in mio possesso (6 elementi) funzioni provando a caricarlo cosi' com'e'.
Grazie e ciao a tutti.
FLUO non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 settembre 05, 16:15   #4 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Pepitos
 
Data registr.: 03-02-2004
Residenza: Reggio Emilia
Messaggi: 971
Immagini: 22
Citazione:
Originally posted by Hannibal@23 settembre 2005, 14:02

Una volta che hai tutte le 14 celle NON assemblate, scaricale tutte quante a zero volt.
Scusa Hanny, ma sono NiMh!!
Scaricare a 0 volt, dopo come le ricarichi?

Ho sempre saputo che la scarica NiMh non deve scendere fino 0.8 V cella.
Nicd si', si potrebbe portare a 0 volt
__________________
Ciao
Pepitos
________________________________________________
Un ulteriore controllo prima del decollo...non guasta mai !!!
Pepitos non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 settembre 05, 16:23   #5 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di Hannibal
 
Data registr.: 27-11-2003
Residenza: Roma
Messaggi: 8.026
Invia un messaggio via ICQ a Hannibal
Le celle NiMh o NiCd non possono scendere al di sotto dello 0,8v se sono connesse in serie, altrimenti si rischia l'inversione di polarità. Se le celle sono disassemblate, possono essere scaricate a zero.

@FLUO

L'unico modo per essere certi di partire dalla stessa tensione è portarle a zero. Purtroppo è praticamente impossibile fare in altro modo.
__________________
un giorno mi librerò in volo sul mio Diavolo dalla coda biforcuta e allora attenti a voi...



Hannibal
alias l'Africano



Io ero il mod ciucco
Hannibal non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 settembre 05, 16:24   #6 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di Hannibal
 
Data registr.: 27-11-2003
Residenza: Roma
Messaggi: 8.026
Invia un messaggio via ICQ a Hannibal
Citazione:
Originally posted by FLUO@23 settembre 2005, 15:40
TUTTE ALLA STESSA "SCARICA" dico bene?
alla stessa TENSIONE
__________________
un giorno mi librerò in volo sul mio Diavolo dalla coda biforcuta e allora attenti a voi...



Hannibal
alias l'Africano



Io ero il mod ciucco
Hannibal non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 settembre 05, 16:33   #7 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di danverz
 
Data registr.: 11-07-2005
Residenza: Parma
Messaggi: 1.104
Citazione:
Originally posted by Pepitos@23 settembre 2005, 16:15
Scusa Hanny, ma sono NiMh!!
Scaricare a 0 volt, dopo come le ricarichi?

Ho sempre saputo che la scarica NiMh non deve scendere fino 0.8 V cella.
Nicd si', si potrebbe portare a 0 volt

Io ho un equalizzatore per 6 celle SUBC della LRP:
allo spegnimento del led di ogni elemento la cella
è al valore di cut-off di circa 0.7 0.75 volt. Se lasci
le celle su per 2 giorni esse vanno a zero.
Uso delle selezionate GP da 3000 e 3700 tutte nimh,
e non ho mai avuto problemi di ricarica dopo
aver raggiunto lo zero. A livello nominale
una pacco di batterie di qualità ben equalizzate
da 3700 può arrivare a "riempirsi" fino a 4300-4600
mAh. Con i primi minuti di voltaggio e potenza di scarica
da paura.

C'è chi sostiene che portare a zero le nimh, come
procedura standard ne diminuisca la vita.
Io non faccio gare e vado di "empirico", ma nonostante
lasci le mie batterie sull'equalizzatore anche per giorni,
e nonostante sia già circa alla 60esima scarica,
tirano na cifra ... non come nuove ma tirano na cifra

Ciao,
Daniele
danverz non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 settembre 05, 16:36   #8 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di danverz
 
Data registr.: 11-07-2005
Residenza: Parma
Messaggi: 1.104
Citazione:
Originally posted by FLUO@23 settembre 2005, 15:40
Grazie hannibal, mi pare di aver capito che la condizione fondamentale per far si che la cosa si possa fare e' che le celle siano TUTTE ALLA STESSA "SCARICA" dico bene?
Quindi non ha senso provare prima a controllare che il pacco in mio possesso (6 elementi) funzioni provando a caricarlo cosi' com'e'.
Grazie e ciao a tutti.
Da qualche parte dovrei avere un link su come costruirsi un
equalizzatore con cut-off per celle subc. Poca spesa,
numero di celle supportate a tua discrezione (visto che te
lo costruisci) e prezzo bassissimo (basta qualche elemento
da un negozio di elettronica).
Se ti interessa te lo cerco.
Ciao,
Daniele
danverz non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 24 settembre 05, 14:06   #9 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 27-09-2004
Messaggi: 281
Grazie a tutti ragazzi.
Quindi col triton e il pacco assembleto non posso fare nulla.
Iniziero' a smontare e scaricare tutte le celle.
Grazie e ciao a tutti.
FLUO non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Assemblaggio pacco batterie per futaba ?? silver3637 Batterie e Caricabatterie 0 06 aprile 07 23:09
Consiglio per pacco batterie diadix Batterie e Caricabatterie 3 26 maggio 06 08:57
assemblaggio pacco andreagraziano Batterie e Caricabatterie 2 28 aprile 06 10:59
Consiglio per pacco batterie markderock Batterie e Caricabatterie 2 23 aprile 06 14:54
Assemblaggio pacco Lipo schalbe Batterie e Caricabatterie 10 19 dicembre 05 21:17



Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 23:24.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002