BaroneRosso.it - Forum Modellismo

BaroneRosso.it - Forum Modellismo (https://www.baronerosso.it/forum/)
-   Radiocomandi (https://www.baronerosso.it/forum/radiocomandi/)
-   -   Cambio generazionale (https://www.baronerosso.it/forum/radiocomandi/388055-cambio-generazionale.html)

llavezzaro 05 settembre 21 16:41

Cambio generazionale
 
Ciao a tutti.
Ho cercato nel forum, ma una domanda generica come la mia non l'ho trovata per cui eccomi qui.

Sono un modellista di vecchia data nato con i 27MHz per capirci.
Oggi non volo più molto e comunque solo con alianti da pendio o ancora più raramente con piccoli modelli elettrici nei prati vicino a casa.
Nel mio laboratorio sono passate diverse radio: Futaba, Hitec, Graupner MC16, MC18 e MC24 sui 40MHz mai sfruttata completamente perché sono arrivato al massimo a gestire 8 servi su un aliante da 5m.

Nel frattempo il mondo è cambiato e io non ne ho seguito l'evoluzione perché non mi interessava, ma questa storia prima o poi deve subire un svolta "generazionale" perché ad esempio oggi trovare una RX sui 40MHz è diventato impossibile.

I miei dubbi sono di varia natura:
  1. 1) dove posso trovare documentazioni e comparazioni tra i vari protocolli e soluzioni tecnologiche dei sistemi a 2.4G e comunque quali sono gli aspetti principali da considerare?
  2. 2) le offerte commerciali spaziano dai 100 ai 1000€ ed oltre, ma quali sono i motivi?
  3. 3) una radio sui 2.4G quanto potrà essere longeva senza diventare obsoleta in poco tempo?
  4. 4) un budget di 200/300€ è sufficiente per acquistare qualcosa di valido con 8 canali?
  5. 5) quali possono essere oggi le radio più "flessibili" che possano quindi garantire una buona "longevità"?

Grazie a chi vorrà contribuire perché forse potrebbe essere utile anche a qualcun altro.:wink:

enrico58 05 settembre 21 21:04

Citazione:

Originalmente inviato da llavezzaro (Messaggio 5231046)
Ciao a tutti.
Ho cercato nel forum, ma una domanda generica come la mia non l'ho trovata per cui eccomi qui.

Sono un modellista di vecchia data nato con i 27MHz per capirci.
Oggi non volo più molto e comunque solo con alianti da pendio o ancora più raramente con piccoli modelli elettrici nei prati vicino a casa.
Nel mio laboratorio sono passate diverse radio: Futaba, Hitec, Graupner MC16, MC18 e MC24 sui 40MHz mai sfruttata completamente perché sono arrivato al massimo a gestire 8 servi su un aliante da 5m.

Nel frattempo il mondo è cambiato e io non ne ho seguito l'evoluzione perché non mi interessava, ma questa storia prima o poi deve subire un svolta "generazionale" perché ad esempio oggi trovare una RX sui 40MHz è diventato impossibile.

I miei dubbi sono di varia natura:
  1. 1) dove posso trovare documentazioni e comparazioni tra i vari protocolli e soluzioni tecnologiche dei sistemi a 2.4G e comunque quali sono gli aspetti principali da considerare?
  2. 2) le offerte commerciali spaziano dai 100 ai 1000€ ed oltre, ma quali sono i motivi?
  3. 3) una radio sui 2.4G quanto potrà essere longeva senza diventare obsoleta in poco tempo?
  4. 4) un budget di 200/300€ è sufficiente per acquistare qualcosa di valido con 8 canali?
  5. 5) quali possono essere oggi le radio più "flessibili" che possano quindi garantire una buona "longevità"?

Grazie a chi vorrà contribuire perché forse potrebbe essere utile anche a qualcun altro.:wink:

Domande intelligenti ma putroppo con risposte multiple e spesso date dal cuore più che la logica.

Premetto che volo indifferentemente a 40 MHz che a 2,4Ghz.
Per entrare nello specifico delle singole domande perché servirebbero ore..

In linea di massima un protocollo vale l'altro, quelli che hanno creato problemi all'inizio si sono estinti da soli da molto tempo.. :(
In linea di massima sono tutti robusti e quello che può fa la differenza sono il ritardo che nel sistema digitale è inevitable, anche se si parla di milli secondi e poco conta per utilizzi della domenica..
Gli standard in realtà sono figli dei vari produttori, ovviamente i vari riproduttori hanno le loro giuste teorie e i vari ingenieri hanno creato penso una ventina di standard diversi.
Per l'obsolescenza delle radio stai pure tranquillo il 99% è solo una questione commerciale e personalmente utilizzo una vecchia Futaba T12Z che ho preso usata alla folle cifra di 150€ e che supporta sia i 40 MHz che i 2.4
Per il budget più o meno ci siamo anche acquistando (fortemente consigliato) in Italia.
In rete si trovano i listini dei vari negozi on line o fisici come Modelberg, Jonathan per restare in Italia, ma ne trovi molti anche in Europa.
Preferisco non toccare il discorso Cina & C.
La differenza di prezzo indica anche una differente qualità, ma anche di Gadget più o meno utili, display a colori, touch screen stik montati su cuscinetti degni di essere usati sullo shuttle o encoder da 12345 milioni di step o passi.
Oggi esistono tx (cerca in rete digitando i nomi che ti ho indicato, ma ripeto ne troverai altre decine) a 200€ o anche meno.
Da considerare visto che hai parlato di aliante che ti trasmettitore abbia quelle facilitazioni nella programmazione delle varie funzioni proprie degli alianti come il butterfly, freni e flap che purtroppo non tutte le tx entry level hanno.
Da valutare anche il costo delle riceventi che va no da poche decine di euro a oltre 100.

Enrico

llavezzaro 05 settembre 21 22:54

Grazie delle tue opinioni Enrico ed ecco alcune note.

Citazione:

Originalmente inviato da enrico58 (Messaggio 5231054)
Gli standard in realtà sono figli dei vari produttori, ovviamente i vari riproduttori hanno le loro giuste teorie e i vari ingenieri hanno creato penso una ventina di standard diversi.

A questo proposito vedo che esistono radio "multi protocollo" ma non capisco esattamente a quale tipo di protocollo si riferiscono.
Immagino ce ne siano almeno di 2 tipi: trasmissione in RF e gestione servi (o altre diavolerie) a bordo. Ma ovviamente non so nulla di entrambi.

Citazione:

Originalmente inviato da enrico58 (Messaggio 5231054)
Per l'obsolescenza delle radio stai pure tranquillo il 99% è solo una questione commerciale...

...e questo è esattamente la mia prima preoccupazione perchè se una volta scelta una radio (con conseguente corredo di RX) questa va fuori produzione dopo 2 anni, arrivederci:(

Citazione:

Originalmente inviato da enrico58 (Messaggio 5231054)
Da considerare visto che hai parlato di aliante che ti trasmettitore abbia quelle facilitazioni nella programmazione delle varie funzioni proprie degli alianti come il butterfly, freni e flap che purtroppo non tutte le tx entry level hanno.

Davo per scontato che tutte fossero così evolute e/o flessibili da non avere questi limiti, ma grazie di avermi "allarmato":rolleyes:

Citazione:

Originalmente inviato da enrico58 (Messaggio 5231054)
Da valutare anche il costo delle riceventi che va no da poche decine di euro a oltre 100.

e il prezzo da cosa dipende?

enrico58 06 settembre 21 01:45

A questo proposito vedo che esistono radio "multi protocollo" ma non capisco esattamente a quale tipo di protocollo si riferiscono.
Immagino ce ne siano almeno di 2 tipi: trasmissione in RF e gestione servi (o altre diavolerie) a bordo. Ma ovviamente non so nulla di entrambi.
Riguarda solo il tipo di protocollo usato per trasmettere, il pilotaggio dei servi è sempre lo stesso fatto salvo il sistema sBus e l'alta velocità poco o nulla importante per il normale utilizzo.
Multi protocollo vuole dire il tx o l'RX possono trasmettere o ricevere nello standard che voglio AFHSS, FASST, AFHDS, ecc, ecc..


...e questo è esattamente la mia prima preoccupazione perché se una volta scelta una radio (con conseguente corredo di RX) questa va fuori produzione dopo 2 anni, arrivederci:(
Ad oggi si trovano rx di qualsiasi (o quasi) tx anche fuori commercio, c'è comunque un notevole disponibilità di rx compatibili (cloni). Inoltre non c'è nessun motivo per cambiare standard ogni cambio del vento

Davo per scontato che tutte fossero così evolute e/o flessibili da non avere questi limiti, ma grazie di avermi "allarmato":rolleyes:


e il prezzo da cosa dipende?
I cloni costano poco e ovviamente c'è il rischio che il controllo qualità non sia il massimo.... :(
per i marchi più famosi, fatto salvo le vecchie rx Futaba serie 6 e 7) il prezzo alla fine lo fa il mercato, il produttore fa il prezzo che il mercato e i numeri è in grado supportare.
Tanto per dire oggi puoi acquistare un cellulare a150€ o una rx Jeti a 80€, una Futaba a 140€ o un clone a 20€ perché un cellulare costa come una RX? concorrenza?, marketing?, Ricarichi? La qualità? ad altri l'ardua risposta


Enrico

llavezzaro 07 settembre 21 18:49

Enrico sei gentilissimo... e ne approfitto (se non disturbo troppo):fiu:

Citazione:

Originalmente inviato da enrico58 (Messaggio 5231064)
...il pilotaggio dei servi è sempre lo stesso fatto salvo il sistema sBus e l'alta velocità...
...AFHSS, FASST, AFHDS, ecc...

Cosa sono? C'è in giro qualche fonte per capire (a parte le citazioni omnipresenti nei siti di e-commerce che però non spiegano nulla)?

Citazione:

Originalmente inviato da enrico58 (Messaggio 5231064)
Inoltre non c'è nessun motivo per cambiare standard ogni cambio del vento

Fosse per me no di certo, ma per le leggi di mercato io non esisto:(

Sto guardando in giro e mi saltano sempre fuori annunci che riguardano la Radiomaster TX16S dove trovo però recensioni piuttosto contradditorie...
Hai una tua opinione in merito?

enrico58 09 settembre 21 01:05

Citazione:

Originalmente inviato da llavezzaro (Messaggio 5231115)
Enrico sei gentilissimo... e ne approfitto (se non disturbo troppo):fiu:


Cosa sono? C'è in giro qualche fonte per capire (a parte le citazioni omnipresenti nei siti di e-commerce che però non spiegano nulla)?


Fosse per me no di certo, ma per le leggi di mercato io non esisto:(

Sto guardando in giro e mi saltano sempre fuori annunci che riguardano la Radiomaster TX16S dove trovo però recensioni piuttosto contradditorie...
Hai una tua opinione in merito?

per quanto riguarda il sistema sBus:
Sistema Futaba S.Bus per aeromodellismo - Radiosistemi - HobbyMedia

http://www.radiosistemi.it/acm3_rais...76886a006effb2

In due parole da un canale fisico (una spinetta della rx) si ricavano 4 canali tramite un decoder semplificando di molto il cablaggio.

La TX16 sembra un buon compromesso tra costi e numero di funzioni disponibili.
Ma non ho esperienza diretta a riguardo
Di sicuro ha il multi protocollo.
Ma per uno che inizia oggi con il 2,4Ghz non è una funzione indispensabile, iniziando oggi sarà sufficiente che acquisterai sempre rx con lo stesso protocollo...
Per quanto vedo comunque oramai tutte te tx cinesi lo hanno di serie o come upgrade a costi ridicoli.

Personalmente preferisco radio che non necessitano di aggiornamenti continui come appunto quella che hai indicato, almeno per quanto leggo, anche se non l'acquisterei mai... Ma questo deriva da una mia "idiosincrasia" per le TX cinesi..... :(

Enrico

CarloRoma63 09 settembre 21 12:29

Citazione:

Originalmente inviato da llavezzaro (Messaggio 5231115)
Cosa sono? C'è in giro qualche fonte per capire (a parte le citazioni omnipresenti nei siti di e-commerce che però non spiegano nulla)?

Le sigle che ha citato Enrico fanno riferimento al sistema trasmissivo. E' sostanzialmente ininfluente sulle funzionalità, mentre è importante in termini di affidabilità e velocità di trasmissione.
Semplificando, le radio a 2.4 non trasmettono su un canale ben definito ma saltano continuamente tra un numero discretamente elevato di canali (maggiore di 80), in modo da non occupare stabilmente un canale e trasmettere su un canale statisticamente quasi sempre libero. Con questo accorgimento possono lavorare più radio contemporaneamente senza che ci siano apprezzabili interferenze.
I vari protocolli definiscono come avvengono questi salti, con quale frequenza, con quale sequenza, etc e sono frutto, come già ti diceva Enrico, di scelte progettuali del produttore.
Le radio più affidabili hanno più trasmittenti in contemporanea, ovvero trasmettono contemporaneamente su più canali, in modo da garantire ulteriormente l'affidabilità della connessione. Altre arrivano addirittura ad avere un terzo trasmettitore a 900 Mhz....

Per la flessibilità di programmazione ti consiglio di prendere una radio che ospita OpenTX. E' un software sviluppato da modellisti, tra cui alcuni frequentatori di questo forum, inizialmente per la Turnigy 9X e poi esteso anche ad altri modelli. E' un software estremamente flessibile, permette la gestione fine di una marea di parametri ed anche l'automatizzazione di alcune funzioni, ma che richiede un minimo di "mente informatica" per capirne il funzionamento.

Carlo

MAXZANI 09 settembre 21 21:29

Citazione:

Originalmente inviato da CarloRoma63 (Messaggio 5231194)
Le sigle che ha citato Enrico fanno riferimento al sistema trasmissivo. E' sostanzialmente ininfluente sulle funzionalità, mentre è importante in termini di affidabilità e velocità di trasmissione.
Semplificando, le radio a 2.4 non trasmettono su un canale ben definito ma saltano continuamente tra un numero discretamente elevato di canali (maggiore di 80), in modo da non occupare stabilmente un canale e trasmettere su un canale statisticamente quasi sempre libero. Con questo accorgimento possono lavorare più radio contemporaneamente senza che ci siano apprezzabili interferenze.
I vari protocolli definiscono come avvengono questi salti, con quale frequenza, con quale sequenza, etc e sono frutto, come già ti diceva Enrico, di scelte progettuali del produttore.
Le radio più affidabili hanno più trasmittenti in contemporanea, ovvero trasmettono contemporaneamente su più canali, in modo da garantire ulteriormente l'affidabilità della connessione. Altre arrivano addirittura ad avere un terzo trasmettitore a 900 Mhz....

Per la flessibilità di programmazione ti consiglio di prendere una radio che ospita OpenTX. E' un software sviluppato da modellisti, tra cui alcuni frequentatori di questo forum, inizialmente per la Turnigy 9X e poi esteso anche ad altri modelli. E' un software estremamente flessibile, permette la gestione fine di una marea di parametri ed anche l'automatizzazione di alcune funzioni, ma che richiede un minimo di "mente informatica" per capirne il funzionamento.

Carlo

In alternativa, per chi non intende smanettare troppo sulla radio e avere un apparato affidabile....facilmente programmabile e a costi non esagerati consiglierei l'Hitek Aurora 9.........

llavezzaro 10 settembre 21 00:21

Citazione:

Originalmente inviato da enrico58 (Messaggio 5231185)
per quanto riguarda il sistema sBus...
In due parole da un canale fisico (una spinetta della rx) si ricavano 4 canali tramite un decoder semplificando di molto il cablaggio.

Perfetto grazieB)

Citazione:

Originalmente inviato da enrico58 (Messaggio 5231185)
La TX16 sembra un buon compromesso tra costi e numero di funzioni disponibili.

Si leggendo in giro sembrava anche a me.
L'unico dubbio per me potrebbe essere la qualità dei materiali e il fatto che manca un comando a mio avviso "realmente utilizzabile" per controllare i flaps (i diruttori normalmente io sono abituato a collegarli sullo stick del motore).
Ma non ho esperienza diretta a riguardo

Citazione:

Originalmente inviato da CarloRoma63 (Messaggio 5231194)
Le sigle che ha citato Enrico fanno riferimento al sistema trasmissivo.
...è importante in termini di affidabilità e velocità di trasmissione.

Grazie ho visto che nel forum se ne parla da qualche parte e vedrò di studiare:notouch:

Citazione:

Originalmente inviato da MAXZANI (Messaggio 5231229)
In alternativa... consiglierei l'Hitek Aurora 9.........

Ho guardato in giro ma se non sbaglio è fuori produzione... comunque grazie!:wink:

enrico58 10 settembre 21 01:53

Citazione:

Originalmente inviato da CarloRoma63 (Messaggio 5231194)
....

Per la flessibilità di programmazione ti consiglio di prendere una radio che ospita OpenTX. E' un software sviluppato da modellisti, tra cui alcuni frequentatori di questo forum, inizialmente per la Turnigy 9X e poi esteso anche ad altri modelli. E' un software estremamente flessibile, permette la gestione fine di una marea di parametri ed anche l'automatizzazione di alcune funzioni, ma che richiede un minimo di "mente informatica" per capirne il funzionamento.

Carlo

Uscendo in parte dal seminato dico la mia su open tx & C.
Personalmente ritengo che la TX deve essere autonoma e svincolata da pc e simili per la programmazione e/o aggiornamenti.
Io utilizzo Futaba, ma ho programmato TX Multiplex, Hitec, e Graupner trovandole tutte più o meno programmabili in modo "quasi" intutivo. Non ho messo mano su una Jeti, ma da quanto trovo in rete sembra allineata a quelle indicate sopra, ma soprattutto NON ha lo schermo Touch!!!!
Purtroppo una radio che la ritengo fantastica e affidabile ad un costo abbordabile, la Multiplex, sembra oramai fuori dai giochi purtroppo... E le Futaba complete (dalla x14xx in su. La nuova T12 ha delle limitazioni software assurde!!) hanno costi di oltre i 500€ contro meno della metà di una cinese.
Guardando il manuale della cinese T16 tra aggiornamenti, Open Tx (https://www.graysonhobbyshop.com/rad...online-manual/) vedo che c'è un bel lavoro sul computer da fare prima di programmare un modello....
Sicuramente poi si faranno cose fantastiche ma non proprio sempre indispensabili per far volare un modello ..
Ho trovato questo:https://www.rcflightcommunity.org/wp...TA_v.1.0.3.pdf
Non male ma fuori dalla logica di programmazione intesa come le solite radio senza Open TX, ma visto la differenza di prezzo si può tornare sui banchi di scuola a studiare ;)

Tornando in tema, Penso non ci sia nessun problema per programmare i FLAP / ButterFly sul comando del motore su quella radio..


Enrico


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 09:29.

Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002