BaroneRosso.it - Forum Modellismo

BaroneRosso.it - Forum Modellismo (https://www.baronerosso.it/forum/)
-   CNC e Stampanti 3D (https://www.baronerosso.it/forum/cnc-e-stampanti-3d/)
-   -   vascello per stampa 3D (https://www.baronerosso.it/forum/cnc-e-stampanti-3d/373840-vascello-per-stampa-3d.html)

marcellofanelli 19 dicembre 17 12:33

vascello per stampa 3D
 
ho iniziato un nuovo progetto di disegno e stampa 3D un vascello

metto un link al mio ultimo lavoro finito ad aprile 2017 che forse molti non hanno visto
http://www.baronerosso.it/forum/cnc-...ml#post4984744

ho deciso di fare una nave per mia passione perché oltre agli aerei mi dedico anche alle riproduzioni statiche in legno, ne ho portata a compimento solo una ed un'altra è quasi finita.

marcellofanelli 19 dicembre 17 16:54

3 Allegato/i
come primo lavoro su una nave disegnata e stampata 3D avrei dovuto scegliere una nave semplice, come quelle egizie, vichinghe o romane, oppure una giunca cinese.
ma il desiderio di fare un veliero mi ha indirizzato su una nave olandese del 1600- 1700:
il Grobe jacht di cui ho i trittici

ve li allego.

Metto anche una recensione, forse in russo, tradotta automaticamente da Google:

Tartan, trabokkoly, calci, Hooker, accendini - non prendere in considerazione il nome dei piccoli pescherecci e messaggeri che ogni giorno per secoli vyhoodili in mare nel nord e sud dell'Europa. Ma solo in Olanda queste piccole barche si trasformarono in maestosi yacht graziosi e riccamente decorati.
La parola "yacht" deriva dal tedesco Jagt - "caccia, molestie". Tuttavia, è stato creato dagli olandesi rispetto alle condizioni locali di navigazione costiera. Nelle ricche città costiere nel Medioevo c'era la consuetudine di incontrare e accompagnare le grandi navi a vela in mare sulle proprie navi a vela, che da qui il loro nome. Successivamente questo tipo di barche a vela cominciò ad essere utilizzato per i viaggi ufficiali, anche per la posta, le passeggiate via mare, e poi per le gare di vela. Le prime regate si sono svolte sul Tamigi a re Carlo I. Nella battaglia degli olandesi contro gli invasori spagnoli precursori di questi vasi sono spesso forniti con le pistole e hanno dimostrato il loro valore militare.
Uno dei primi yacht militari alla fine del XVI secolo. divenne lo yacht "Neptunus" del principe Moritz, la cui costruzione influenzò fortemente la costruzione di stato e "herren yachts" (privato) XVII-XVIII secolo. Successivamente furono divisi in statenyacht, postyacht e così via. A causa del piccolo sformo e del fondo piatto, questi yacht erano dotati di porte laterali (eventualmente montate in avanti) e trasportavano una sovrastruttura molto lunga e bassa come edificio ufficiale, il cosiddetto padiglione. Approssimativamente fino al 1670 gli yachts avevano una vasta diffusione in Olanda, armi da sprint, e in seguito ci fu un nuovo armamento di gaffe.
Nel XVII secolo. yacht provenienti da Olanda è venuto a Danimarca, dove utilizzato come navi mercantili. A metà del XVIII secolo. sul Mar Baltico è già considerato loro belle navi mercantili Greyhound. sesquilineari distinto e yacht singola alberi. Polutoramachtovye il tipo di sartiame diviso per yachts Hooker-yacht-Galiota e yacht galeazza. Secondo Chapman, Hooker yacht aveva un lungo bompresso, albero principale con due alberi migliori, collegati tra loro e Saling ezelgoftami e tre vele quadre. Dietro la grotta è una grotta-randa di cappa con la gaff e boma. Albero di mezzana, troppo, aveva un albero e una vela con una gaff e boma.
Le ricche decorazioni di queste piccole imbarcazioni indicano che i sobri olandesi non erano estranei alle esigenze della moda. La lanterna situata dietro la sovrastruttura di poppa è già stata utilizzata nei precedenti tipi di navi. Questa misura di sicurezza serve come conferma indiretta dello sviluppo delle comunicazioni marittime all'inizio della nuova era.

alevilla 19 dicembre 17 19:03

Iscritto!

Mach .99 19 dicembre 17 23:50

Grande Marcello, interessante!!
in che scala/dimensioni avresti intenzione di farla?

Ti seguo, se in una scala interessante potrei anche considerare di farla navignate.

per curiosità: un bel rimorchiatore portuale? :fiu:

excalibur27 20 dicembre 17 23:04

Seguo anch'io . . . .

marcellofanelli 21 dicembre 17 09:17

grazie dell' interesse
ho già iniziato il modello 3D
questa volta sono partito subito con Blender poiché gli altri software avevano tutti troppe limitazioni
ho importato le visite 3D e iniziato a modellare facendo chiglia e ordinate ricalcate dal disegno , poi mi sono accorto che le dimensioni di stampa non scalate erano di 7mm
ho fatto una prova di stampa aumentata a
ho avuto la brutta sorpresa di vedere il fasciame con delle parti mancanti

marcellofanelli 21 dicembre 17 09:23

sono scomparse le misure del provino: 13 cm
alleghero' le foto quando andrò sul computer
per le dimensioni finali di stampa penso di stare fra i 40 e i 60 cm, devo quindi pensare alla suddivisione dello scafo

marcellofanelli 22 dicembre 17 11:16

1 Allegato/i
dalle foto si vedono i fori nel fasciame
ho cercato di capire perché venissero analizzando il disegno 3D
ho pensato che fosse perché erano parti separate, le ho unite con l'unione booleana
peggio: blender lascia tutte i tratti che penetrano all'interno delle parti solide ma ha un oddons (ne ha molti che si caricano quando servono) per controllare il 3D per le stampanti.

marcellofanelli 22 dicembre 17 11:22

poiché ho iniziato ad usare CURA, che non conosco molto, che permette di visualizzare gli strati, ho notato che ingrandendo l'oggetto i fori diminuiscono: forse ho fatto il fasciame troppo fino.
Non posso visualizzarlo più di 20 cm; dovrei cominciare a decidere la divisione che farò finale che non potrà essere quella a mezza chiglia che vedete dalle foto, ma preferisco prima finire lo scafo con tutte le aperture e poi deciderò.

il_Zott 22 dicembre 17 12:36

Grande Marcello, seguo anche io con molto interesse :)


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk


Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 12:07.

Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002