Visualizza messaggio singolo
Vecchio 30 marzo 05, 11:23   #1 (permalink)  Top
fai4602
User super Plus
 
L'avatar di fai4602
 
Data registr.: 22-07-2003
Residenza: La Piccola Patria del Friuli
Messaggi: 20.726
Avendo ricevuto richieste di chiarimento dopo la pubblicazione di un mio allegato sulla Stabilità, richieste riguardanti la definizione del "FUOCO" di un profilo, rispondo per comodità in maniera visibile a tutti .

Per fare ciò mi avvalgo di una risposta ad analoga domanda che tempo addietro mi pose un caro Amico e mi auguro che non se la prenda a male per l'estensione al Forum.

Pertanto, cosa è il fuoco di un profilo ?
Sappiamo che il Centro di Pressione, ovvero il punto di applicazione della risultante aerodinamica
( e in fin dei conti della portanza) non sta fermo lungo la corda con il variare della incidenza (tranne nel caso del profilo simmetrico) ma si muove lungo di essa.
Risulterebbe pertanto difficile fare dei calcoli prendendolo come riferimento e confrontarli fra di loro.
Quindi per tali calcoli viene fatto riferimento al Fuoco che è un punto fisso e che viene posizionato convenzionalmente al 25% della corda, anche per i calcoli interessanti le costruzioni aeronautiche.
Se per ogni diversa incidenza determiniamo il rispettivo valore della risultante aerodinamica vedremo che la sua grandezza diminuisce con l’aumentare della distanza del CP dal Fuoco.
Il prodotto ottenuto moltiplicando il valore della risultante per questa distanza è un Momento.
Che si chiami come si chiama od in altro modo ora non ci interessa.
Ma quello che interessa salta subito agli occhi : il valore di questo Momento è costante.
Cioè il valore della risultante è inversamente proporzionale alla distanza dal Fuoco.
Se tracciamo una curva che inviluppi i valori delle linee di azione della risultante aerodinamica teorica alle varie incidenze otteniamo una parabola, detta curva metacentrica ( non chiedetemi il perché ed il percome, che dovrei attrezzarmi di corda doppia e avventurarmi nel sottosuolo della mia cantina alla ricerca del primo dei cinque volumi di disegno tecnico e dedicato alla geometria descrittiva. Ma se la discesa potrà essere tranquilla non lo sarà certamente la salita, alquanto affannante) nella quale il suo centro è comune ed è posto ad una distanza tale da ogni punto di applicazione che ogni momento corrispondente è costante
Questo punto è chiamato Fuoco.
E può anche essere esterno al profilo ma, per convenzione viene considerata la sua proiezione sulla corda del profilo.

Mi auguro che la mia spiegazione sia comprensibilmente decente, ma se non lo è troverò certamente conforto nell'aiuto di Franco C.
__________________
Mi son responsabile de quel che scrivo no de quel che ti te lesi.

L'aeromodellismo insegna la pazienza perché nell' aeromodellismo la fretta è portatrice di guai.

Al'è inutil insegnà al mus.....si piard timp e in plui si infastidis la bestie !

fai4602 non è collegato   Rispondi citando