Visualizza messaggio singolo
Vecchio 24 aprile 23, 06:45   #3 (permalink)  Top
Clabe
User
 
L'avatar di Clabe
 
Data registr.: 16-08-2007
Residenza: Perugia
Messaggi: 3.291
Citazione:
Originalmente inviato da Creative Visualizza messaggio
Salve a tutti.

In questi giorni ho avuto modo di collaudare un piccolo Piper J3 Cub della 3D Labprint che a corredo ha anche un paio di scarponi per decollo dall'acqua.

Orbene, ho deciso di stamparli e dopo averli assemblati, li ho impermeabilizzati passandoci svariate mani di smalto acrilico trasparente in bomboletta spray.

Qui un piccolo video del collaudo:

[YOUTUBE]https://www.youtube.com/watch?v=O-C1..._channel=Zanis[/YOUTUBE]

Dunque, premesso che in fatto di idrovolanti sono principiante, che questo collaudo poteva finire mooolto peggio dato che il fosso era stretto, c'erano detriti sull'acqua, era una giornata ventosa e la visibilità era limitata dalle piante sulle sponde sono felice di aver riportato a casa il modello.

Ho però delle perplessità:

1) Come in ogni collaudo cerco sempre di tenere il baricentro leggermente avanzato ma mi sembra di capire che farlo con gli idrovolanti comporti dei problemi di avanzamento, ossia che la punta degli scarponi si infili nell'acqua. E' cosi oppure questo fenomeno ha altre spiegazioni?

2) Come si vede dal video il modello fatica a prendere velocità e quando si stacca dall'acqua lo fa in maniera repentina. Non so perché si comporti cosi però ho notato che sebbene siano passati quattro giorni dalla stesura della vernice, quando appoggio il modello su di una tovaglia in plastica è come se si incollasse per un attimo ad essa. Forse la vernice è troppo scarsa?

3) Quando ho tolto il modello dall'acqua sembra come incollato ad essa... E' normale? Se dovessi passare sopra gli scarponi della cera da automobile migliorerebbe il fenomeno sopracitato? E' una stupidata?

Grazie a chiunque voglia aiutarmi.
Il baricentro deve essere giusto e non avanzato perché non é mai un vantaggio.
Oltre alla posizione del cg va verificata l'incidenza degli scarponi rispetto all'ala.
L'assetto di planata ottimale degli scarponi deve corrispondere all'assetto ottimale dell'ala che si dovrebbe raggiungere con il piano di coda a zero.
Dico "dovrebbe" perché capita spesso di avere un assetto coda/ala non ottimale.
Quindi prima di tutto la linea di planata degli scarponi deve corrispondere alla linea di volo del modello.
Ammesso che il CG sia giusto una volta in acqua il piano di coda deve stare in bolla. Se questo non avviene vanno spostati gli scarponi piú avanti o piú indietro affinché il CG del modello cada sul CG ottimale degli scarponi in modo che sia rispettata la loro linea di galleggiamento. In poche parole gli scarponi "volano" in acqua e devono farlo quando l'ala vola in aria.
Claudio
__________________
"Il tempo non conta... conta quello che fai,
se lo fai bene!"
Clabe non è collegato   Rispondi citando