Discussione: Scelta profilo tip
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 15 novembre 20, 18:22   #78 (permalink)  Top
mattafla
User
 
L'avatar di mattafla
 
Data registr.: 19-07-2016
Messaggi: 157
Citazione:
Originalmente inviato da giocavik Visualizza messaggio
Il volo di un modello, anche per le competizioni, non e' solo efficienza o velocità di caduta...ma dipende da cosa chiede il regolamento...
Per il profilo di estremità...quando nella prima pagina di questo thread, suggerivo un simmetrico all'estremità...intendevo, ovviamente, che era da trimmare a cabrare, non tutto il profilo (..cosa che sarebbe insulsa..), ma l'elevone di estremità. Quindi con incidenza-torsione-svergolamento nullo, che sarebbe stato compensato dal 'cabra' che avrebbe fornito il momento stabilizzante.
Credo tutt'ora che sia la ricetta migliore tra prestazioni, facilità di costruzione, lavoro di progettazione, e garanzia di funzionamento per tutt'ala a freccia tipo tzagi...
Scegliere un profilo non neutro all'estremità, che debba stabilizzare in virtù delle sue proprietà aerodinamiche..o per qche immaginato svergolamento..e' solo tirare a indovinare...
Io non capisco perché la ..cosa sarebbe insulsa..
Forse una tip con biconvesso simmetrico a zero e poi trimmato alla giusta incidenza per la stabilità potrebbe essere facile da costruire, ma io vedo meglio la tip tutta "svergolata" all'angolo giusto per planare diritto, riservando la funzione "elevon" per effettuare le manovre di volo, intendendo che l'elevon potrebbe divenire fors'anche un alettone per virare, risparmiando servocomandi.
Non saprei quale sia la miglior regolazione RC e la distribuzione più indicata per gli elevons/ailerons, ma Personal Jesus ha suggerito una posizione al 70% della semiapertura.
Lascio ad aeromodellisti più esperti di me studiare tutti i comandi differenziali che servono per beccheggiare o virare decentemente con soli 2 elevons.
Certo un atterraggio di precisione sarebbe problematico, ma aggiungendo 2 diruttori forse si potrebbe risolvere, per rispettare il regolamento.

Tu hai scritto : "Scegliere un profilo non neutro all'estremità, che debba stabilizzare in virtù delle sue proprietà aerodinamiche..o per qche immaginato svergolamento..e' solo tirare a indovinare..."
Basta indovinare bene, magari dopo aver letto il messaggio n° 77 di Manubrio, sorvolando sui di lui fraterni rimbrotti.

Nel messaggio n°76 penso che tu abbia tirato ad indovinare, scrivendo: "Suggerirei clarky per la sezione centrale e clarky capovolto all'estremità, tenendo la 'pancia' piatta a zero per entrambe..."
Non so con quali efficienze aerodinamiche, tuttavia per la stabilità i 2 Clarc Y accoppiati capovolti potrebbero funzionare, ma dovresti precisarci l'angolo di freccia, la rastremazione o comunque la forma in pianta dell'ala ed il punto della semiala dove avverrebbe il capovolgimento dei profili, presumo meglio con gradualità progressiva.
Cioè occorre definire il rapporto tra la superficie centrale portante dell'ala e le superfici esterne deportanti delle tips, tenendo conto di un'evoluzione graduale.
Presumo anche che occorra precisare se il capovolgimento inizia dal bordo d'entrata, dalla linea focale o dal bordo d'uscita, per finire ai bordi opposti all'inizio, bordi più esterni del punto di inizio, oppure per finire all'infinito nel caso di svergolamento attorno alla linea focale della semiala.
Nella pagina Tuttala a svergolamento anteriore regolabile? ho chiamato i 2 casi in diagonale svergolamento anteriore e svergolamento posteriore, diagonale che comporta una variazione conseguenziale della freccia delle tips, rispetto alla freccia della parte centrale dell'ala.
mattafla non è collegato   Rispondi citando