Visualizza messaggio singolo
Vecchio 27 agosto 19, 15:27   #10 (permalink)  Top
dooling
User
 
L'avatar di dooling
 
Data registr.: 22-08-2007
Residenza: Portofino - Rapallo
Messaggi: 3.892
Complimenti!!!! Chi non muore, si rivede...

Dalle foto vedo che l'astuccio dell'asse portaelica, esce sotto allo scafo, questo mi porta pensare che si tratti di elica immersa, in questo caso puoi evitare di usare il flessibile, basta un tondino inox da 5mm con giunto a sfera lato motore, e "trascinatore" o drive dog lato elica entrambi alesati a 5mm, a finire dado autobloccante.

Boccole in bronzo ( da boccole) oppure in "ertacetal" quest'ultimo autolubrificante.

Se l'elica è di superficie, l'astuccio deve uscire tra lo specchio di poppa e la carena, in questo caso, è quasi necessario il flessibile, ti scrivo "quasi", perché nel mio catamarano, monterò l'elica di superficie ma con l'asse rigido utilizzando due giunti omocinetici che sono montati nelle automobili che utilizzano il motore Zenoah 26cc, lo stesso che si monta sugli scafi ma marinizzato= Zenoah 260 PUM.

Di seguito qualche immagine di marinizzazioni fatte in casa.





L'ultima foto è relativa al Rossi che, essendo utilizzato esclusivamente in mare, necessitava di continua manutenzione, per cui ho sostituito le viti della testa con i "prigionieri" inox per evitare di sforzare inutilmente le sedi filettate.

Direi che la posizione degli accessori debba essere cercata in vasca per un perfetto assetto.

Una domanda: quelli della dogana, sono dediti ad alcool e stupefacenti?

Quindi ubriachi e stupe-fatti?



PS: le prime due foto sono del Mc Coy .29
__________________
Never forget it.

Ultima modifica di dooling : 27 agosto 19 alle ore 15:30 Motivo: ...........
dooling non è collegato   Rispondi citando