Visualizza messaggio singolo
Vecchio 26 marzo 07, 16:27   #6 (permalink)  Top
Gene57
User
 
L'avatar di Gene57
 
Data registr.: 18-08-2006
Residenza: Cremona
Messaggi: 1.949
Citazione:
Originalmente inviato da ask21
Sapete spiegarmi,oltre che nella forma ovviamente,in cosa differiscono i piani di coda a "V" da quelli "convenzionali"??? :
ciao
negli alianti da termica da competizione (categoria F3J) il piano di coda a V viene utilizzato per risparmiare peso
un piano a V rispetto ad un piano di coda tradizionale permette di ridurre il peso di circa 150/200 grammi (in un modello che pesa intorno ai 2 kg)
la maggior parte dei modelli da F3J utilizza solitamente i piani a V
bisogna pero' dire che ultimamente (diciamo negli ultimi due anni) c'e' stato un ritorno delle code a croce tradizionali, questo grazie a migliori tecnologie costruttive che consentono di "stare leggeri" anche in un piano a croce

da un punto di vista estetico :
il piano a croce fa piu' "aereo"
il piano a V fa piu' "manico da scopa"

da un punto di vista prestazionale in linea di massima il piano a Croce dovrebbe essere piu' efficiente; in genere il modello con i piani a croce sente meglio la "deriva"
il piano a croce nei nosti modelli e' generalmente tutto mobile e pertanto puo' permettere di giocare sulla modifica del diedro longitudiale
la cosa puo' pero' essere anche controproducente qualora, in mancanza di riferimenti precisi o di cattivo ritorno al centro del servo di profondita' , il DL non si venga a modificare fra un volo e l'altro

poi dipende un po' dai modelli
mio figlio ha usato ad esempio per i primi due anni di gare un modello (Sharon Pro 370) con piani a croce
poi e' passato ad usare lo stesso modello con i piani a V
da due anni a questa parte usa solo la versione a V : dice che sente meglio la "deriva" ; questo anche perche' la versione a croce ha una deriva non eccessivamente grande e con un movimento limitato

saluti
giuseppe generali
Gene57 non รจ collegato   Rispondi citando