Visualizza messaggio singolo
Vecchio 19 aprile 09, 18:20   #2 (permalink)  Top
Doctortreno
User
 
L'avatar di Doctortreno
 
Data registr.: 01-03-2009
Residenza: Vallecrosia
Messaggi: 882
Citazione:
Originalmente inviato da capotrenogio' Visualizza messaggio
L'argomento che propongo sono i vari tipi di binari HO.
All'apparenza tutti uguali nascondono delle differenze.
Cio' che li contraddistingue e' la differente altezza dell'astina metallica posta sulla traversine nere di plastica.
So che ci sono 3 altezze, che corrispondono a tre codici
codice 100
codice 83
codice 75

La prima altezza e' quella dei binari Lima anni 70, ad esempio il mio plastico ha queste rotaie, e mi sembra anche quello del doc.
Su queste rotaie corrono sia i trenini vecchi che quelli recenti.
La seconda altezza, (piu' bassa della precedente) forse da gia' qualche problema ai trenini piu' vecchi, ma vorrei che me lo confermaste.
La terza altezza da alla rotaia un aspetto piu' realistico, credo siano quelle usate da tutti i club ferroamatoriali, ma da anche problemi con il materiale piu' vecchio.
Vorrei sapere le vostre esperienze e che rotaie usate.
Io ad esempio uso e unisco indistintamente rotaie Lima anni 70 con nuove Hornby comprate l'anno scorso a Novegro, quindi deduco che quelle con codice 100 siano ancora in produzione e vadano per la maggiore.

Un saluto a tutti, e senz'altro grazie a Voi non mi arrampichero' piu' su questo muretto. CIAO

Tutto esatto quello che hai scritto, e ti confermo la presenza delle codice 100 sul mio impianto, sono regolarmente in produzione e sono ancora oggi le più diffuse ed apprezzate, le rotaie cosiddette "di altezza esatta" vogliono solo ruote con bordini ribassati, (io le odio, sviano sempre, e appena posso le sostituisco con vecchie Lima o RR) altrimenti i bordini toccano nelle traversine, sono usate dai fanatici perfezionisti, fanno viaggiare i treni a velocità perfettamente in scala e non succede niente, sono tutte cose che io evito come la peste, ritengo contro ogni logica andare a crearsi grattacapi là dove se ne può fare a meno...
Doctortreno non è collegato   Rispondi citando