Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Elimodellismo > Elimodellismo Motore Elettrico
Registrazione Gallery FAQ Lista utenti Calendario Cerca I messaggi di oggi Segna forums come letti

Rispondi
 
Strumenti discussione Cerca nella discussione Visualizzazione
Vecchio 13 ottobre 07, 13:14   #1 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di enriconnection
 
Data registr.: 17-08-2005
Residenza: Perugia
Messaggi: 1.321
Immagini: 21
Exclamation Toroide si o toroide no?

Domanda da un milione di dollari!!!!!! Ma secondo voi lo devo mettere un toroide sul cavo del Castle creation Hv85 che va alla ricevente? Premetto che il regolatore e' Dual Opto ma mi e' venuto il dubbio visto che su quello originale align del trex 600 il toroide c'era......che dite?

Ciao a tutti.

Enrico.
enriconnection is offline   Rispondi citando
Vecchio 13 ottobre 07, 13:37   #2 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di flash70
 
Data registr.: 22-01-2005
Residenza: Palermo
Messaggi: 2.376
Invia un messaggio via MSN a flash70
Toroide si!!!
Io lo uso su un castle 45 dove gli ho praticato 3 giri prima di mandarlo alla ricevente, ti assicuro che in un T-Rex 450 si nota la differenza, se il telaio è in carbonio ancora di più.
__________________
Basta con le liste degli elicotteri che possediamo, che ogni volta che crashiamo tocca cancellarli.
flash70 is offline   Rispondi citando
Vecchio 13 ottobre 07, 14:02   #3 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 06-01-2006
Messaggi: 648
non ho potuto notare differenze ma su castle ph 45 lo ho messo anch'io ..
kontronik c'è align 35x c'è ( forse quindi servirà!!)


dalla spesa cmq ci si sbaglia di poco
roberto_1974 is offline   Rispondi citando
Vecchio 13 ottobre 07, 14:07   #4 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di enriconnection
 
Data registr.: 17-08-2005
Residenza: Perugia
Messaggi: 1.321
Immagini: 21
Si...sul 450 l'ho messo anche io.....ma forse mi sono spiegato male.....il CC HV85 e' un ESC senza BEC ed in piu' e' optoisolato.....volevo sapere se sugli opto va messo comnque.....voi mi parlate di regolatori con bec invece......giusto??
enriconnection is offline   Rispondi citando
Vecchio 13 ottobre 07, 16:44   #5 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 06-01-2006
Messaggi: 648
ha scusa non avevo considerato senza bec, mi spiace ma non ho fatto prove così.
roberto_1974 is offline   Rispondi citando
Vecchio 13 ottobre 07, 20:03   #6 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di roscor61
 
Data registr.: 27-08-2007
Residenza: Roma
Messaggi: 294
Red face Il toro serve... non solo per le sue corna!

Allora,

parlo da elettronico e non da modellista, questa volta.

I toroidi, come filtri antidisturbo sulle linee di segnale non bilanciate (nel nostro caso i servo, le alimentazioni, praticamente tutto) non fanno mai male, al massimo, se il "sistema" da proteggere è già immune da disturbi, la presenza del filtro (il toro nel nostro caso) non sortisce alcun effetto (nel nostro caso solo peso).

Un po' di teoria.
Esistono due casi ben distinti:

il cavo su cui aggiungo il filtro (ripeto, per noi è il semplice, banale ma efficace e pesante toro) genera disturbi: con il toro riduco l'emissione in radiofrequenza di quel cavo a favore degli altri componenti del sistema.

il cavo su cui aggiungo il filtro potrebbe ricevere disturbi: con il toro su questo cavo attenuo eventuali segnali parassiti captati.


E' ovvio, come tutte le cose nella realtà, che esiste un terzo caso più complesso: il cavo su cui aggiungo il toro è connesso ad un dispositivo che è sì sensibile alle interferenze, ma contemporaneamente ne emette delle altre a cui altre apparecchiature sono sensibili.

es.: un servo digitale potrebbe convogliare sul suo cavo una serie di segnali parassiti dovuti alla freq. di clock del microprocessore impiegato nel servo, e questi segnali potrebbero infastidire la ricevente.

Allora, mi direte, che si fa?

La rnorma è che quasi tutti i dispositivi sono costruiti per essere radioimmuni, tranne.... la ricevente!!
Deve ricevere onde radio, per definizione, come fa ad essere radioimmune.

Ecco allora le varie forme di conversione, PCM ed altre che conoscete bene, che aiutano a scindere nella ricevente il segnale proprio dal segnale disturbante, non solo quello irradiato in etere dalle altre radio, dal traliccio dell'alta tensione o dal radioamatore con 2KW in antenna a 3km dal campo.

Nel caso probante dell'ESC con BEC o senza BEC, la sua logica ce l'ha.
L'ESC è un dispositivo che interpreta il segnale PPM inviato dalla ricevente (filo bianco, giallo o arancione della spinetta del servo) in impulsi PWM al motore (usando il polo negativo come comune (cavo nero della spinetta). Contemporaneamente, riduce la tensione della lipo a 5~6V per alimentare la rx (ancora il negativo, cavo nero in comune).
Quindi, gli ESC con BEC incorporato sono più "intrusivi" sul fattore disturbo di un ESC senza BEC. Qui il toro è necessario. Negli altri casi? E' sempre consigliabile.

Un mio parere? Se il toro non rappresenta un problema di peso, male non fa, ed io ce lo metterei sempre. Anzi, ne servirebbero sempre due, alle estremità del cavo il più vicino possibile agli oggetti interconnessi.

Fateci caso, sui monitor dei PC, sui cavi di alimentazione dei pc portatili a valle dell'alimentatore (ti credo, è switching, funziona come un ESC, sono proprio parenti come circuitazione, a parte le differenti tensioni in gioco), anche sui cavetti di linea di un lettore MP3 (es. Creative) c'è sempre un toroide.

Nulla vieta che, una buona radio (non è il prezzo o la marca il problema), un buon ESC e dei buoni servo (aggiungo un po' di fortuna) funzionano benissimo senza problemi senza alcun toro.

Poi càpita, come ad un mio conoscente qualche decennio fa', al ritorno da Maranello con una Ferrari nuova fiammante, che gli si è rotto il filo dell'acceleratore ed è rimasto a piedi!! Quando la sfortuna ci si mette....


scusate la dissertazione, ma mi sono fatto prendere la mano.

ciao
Rosario



p.s.
l'unico caso dove il toro è veramente inutile è sulle linee bilanciate (due conduttori di segnale avvolti da un terzo conduttore, una calza metallica che funge da schermatura. La linea bilanciata, più costosa e complessa, nasce proprio per ridurre le reizioni di modo comune, ed è progettata apposta per questo, per essere immune dai disturbi.

Es. di linea bilanciata: microfoni per uso professionale, trasmissioni di segnale audio su linea bilanciata (come pensate che siano collegati i mixer di banco di un concerto a 70 mt. dal palco per non avere rumori di fondo?), trasmissioni digitali su linea bilanciata, amplificatori e sensori per elettrobiomedicali con sensibilità nell'ordine del microvolt (immaginate di fare un elettrocardiogramma mentre il telefonino del dottore riceve un sms, con quella sensibilità, altro che il servo che vibra), etc.
roscor61 is offline   Rispondi citando
Vecchio 14 ottobre 07, 09:28   #7 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di enriconnection
 
Data registr.: 17-08-2005
Residenza: Perugia
Messaggi: 1.321
Immagini: 21
Citazione:
Originalmente inviato da roscor61
Allora,

parlo da elettronico e non da modellista, questa volta.

I toroidi, come filtri antidisturbo sulle linee di segnale non bilanciate (nel nostro caso i servo, le alimentazioni, praticamente tutto) non fanno mai male, al massimo, se il "sistema" da proteggere è già immune da disturbi, la presenza del filtro (il toro nel nostro caso) non sortisce alcun effetto (nel nostro caso solo peso).

Un po' di teoria.
Esistono due casi ben distinti:

il cavo su cui aggiungo il filtro (ripeto, per noi è il semplice, banale ma efficace e pesante toro) genera disturbi: con il toro riduco l'emissione in radiofrequenza di quel cavo a favore degli altri componenti del sistema.

il cavo su cui aggiungo il filtro potrebbe ricevere disturbi: con il toro su questo cavo attenuo eventuali segnali parassiti captati.


E' ovvio, come tutte le cose nella realtà, che esiste un terzo caso più complesso: il cavo su cui aggiungo il toro è connesso ad un dispositivo che è sì sensibile alle interferenze, ma contemporaneamente ne emette delle altre a cui altre apparecchiature sono sensibili.

es.: un servo digitale potrebbe convogliare sul suo cavo una serie di segnali parassiti dovuti alla freq. di clock del microprocessore impiegato nel servo, e questi segnali potrebbero infastidire la ricevente.

Allora, mi direte, che si fa?

La rnorma è che quasi tutti i dispositivi sono costruiti per essere radioimmuni, tranne.... la ricevente!!
Deve ricevere onde radio, per definizione, come fa ad essere radioimmune.

Ecco allora le varie forme di conversione, PCM ed altre che conoscete bene, che aiutano a scindere nella ricevente il segnale proprio dal segnale disturbante, non solo quello irradiato in etere dalle altre radio, dal traliccio dell'alta tensione o dal radioamatore con 2KW in antenna a 3km dal campo.

Nel caso probante dell'ESC con BEC o senza BEC, la sua logica ce l'ha.
L'ESC è un dispositivo che interpreta il segnale PPM inviato dalla ricevente (filo bianco, giallo o arancione della spinetta del servo) in impulsi PWM al motore (usando il polo negativo come comune (cavo nero della spinetta). Contemporaneamente, riduce la tensione della lipo a 5~6V per alimentare la rx (ancora il negativo, cavo nero in comune).
Quindi, gli ESC con BEC incorporato sono più "intrusivi" sul fattore disturbo di un ESC senza BEC. Qui il toro è necessario. Negli altri casi? E' sempre consigliabile.

Un mio parere? Se il toro non rappresenta un problema di peso, male non fa, ed io ce lo metterei sempre. Anzi, ne servirebbero sempre due, alle estremità del cavo il più vicino possibile agli oggetti interconnessi.

Fateci caso, sui monitor dei PC, sui cavi di alimentazione dei pc portatili a valle dell'alimentatore (ti credo, è switching, funziona come un ESC, sono proprio parenti come circuitazione, a parte le differenti tensioni in gioco), anche sui cavetti di linea di un lettore MP3 (es. Creative) c'è sempre un toroide.

Nulla vieta che, una buona radio (non è il prezzo o la marca il problema), un buon ESC e dei buoni servo (aggiungo un po' di fortuna) funzionano benissimo senza problemi senza alcun toro.

Poi càpita, come ad un mio conoscente qualche decennio fa', al ritorno da Maranello con una Ferrari nuova fiammante, che gli si è rotto il filo dell'acceleratore ed è rimasto a piedi!! Quando la sfortuna ci si mette....


scusate la dissertazione, ma mi sono fatto prendere la mano.

ciao
Rosario



p.s.
l'unico caso dove il toro è veramente inutile è sulle linee bilanciate (due conduttori di segnale avvolti da un terzo conduttore, una calza metallica che funge da schermatura. La linea bilanciata, più costosa e complessa, nasce proprio per ridurre le reizioni di modo comune, ed è progettata apposta per questo, per essere immune dai disturbi.

Es. di linea bilanciata: microfoni per uso professionale, trasmissioni di segnale audio su linea bilanciata (come pensate che siano collegati i mixer di banco di un concerto a 70 mt. dal palco per non avere rumori di fondo?), trasmissioni digitali su linea bilanciata, amplificatori e sensori per elettrobiomedicali con sensibilità nell'ordine del microvolt (immaginate di fare un elettrocardiogramma mentre il telefonino del dottore riceve un sms, con quella sensibilità, altro che il servo che vibra), etc.
Grazie Rosario......

La spiegazione e' super tecnica e dettagliata ma non ho capito ancora cosa migliora un toroide su un optoisolato premettendo che male non gli fa'........


Comunque c'e' qualcuno di voi che ha su un'opto e mi dice se lo usa con o senza toroide?
enriconnection is offline   Rispondi citando
Vecchio 14 ottobre 07, 10:45   #8 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di roscor61
 
Data registr.: 27-08-2007
Residenza: Roma
Messaggi: 294
Citazione:
Originalmente inviato da enriconnection
Grazie Rosario......

La spiegazione e' super tecnica e dettagliata ma non ho capito ancora cosa migliora un toroide su un optoisolato premettendo che male non gli fa'........


Comunque c'e' qualcuno di voi che ha su un'opto e mi dice se lo usa con o senza toroide?

Si, hai ragione, non ho considerato i sistemi optoisolati.

I sistemi optoisolati hanno un grande vantaggio: quello di disaccoppiare otticamente un circuito dall'altro, evitando loop di massa e problemi di eventuali cariche elettrostatiche.
Il disaccoppiamento ottico, ovviamente, avviene nell'ESC con un... optoaccoppiatore; tutto quello che è a valle dell'optoaccoppiatore (optoisolatore è lo stesso) è il filo con la spinetta che esce dall'ESC e va alla ricevente. Beh, a quel punto il toro è proprio inutile.
Avevo detto che alcuni oggetti sono radioimmuni per costruzione no, il tuo ESC è uno di questi.

Rosario


P.S. Leggo talvolta su questo forum "provo a mettere il toro e vedere che effetto fa".
Non fa nessun effetto!!! L'elicottero non va meglio, peggio, cala di giri, non cala di giri. Il toro vi risolve (attenua) eventuali problemi di interferenze, se ne avete. Se non ne avete, ed è la maggior parte dei casi, è tutto ok ed il toro non vi serve.
Semmai, io comprerei una mucca, almeno ci si fa un po' di latte.
roscor61 is offline   Rispondi citando
Vecchio 14 ottobre 07, 11:51   #9 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di enriconnection
 
Data registr.: 17-08-2005
Residenza: Perugia
Messaggi: 1.321
Immagini: 21
Citazione:
Originalmente inviato da roscor61
Si, hai ragione, non ho considerato i sistemi optoisolati.

I sistemi optoisolati hanno un grande vantaggio: quello di disaccoppiare otticamente un circuito dall'altro, evitando loop di massa e problemi di eventuali cariche elettrostatiche.
Il disaccoppiamento ottico, ovviamente, avviene nell'ESC con un... optoaccoppiatore; tutto quello che è a valle dell'optoaccoppiatore (optoisolatore è lo stesso) è il filo con la spinetta che esce dall'ESC e va alla ricevente. Beh, a quel punto il toro è proprio inutile.
Avevo detto che alcuni oggetti sono radioimmuni per costruzione no, il tuo ESC è uno di questi.

Rosario


P.S. Leggo talvolta su questo forum "provo a mettere il toro e vedere che effetto fa".
Non fa nessun effetto!!! L'elicottero non va meglio, peggio, cala di giri, non cala di giri. Il toro vi risolve (attenua) eventuali problemi di interferenze, se ne avete. Se non ne avete, ed è la maggior parte dei casi, è tutto ok ed il toro non vi serve.
Semmai, io comprerei una mucca, almeno ci si fa un po' di latte.
Grazie Rosario...volevo proprio un'assoluzione del genere per stare in pace con me stesso!!!! Vado dritto senza Toro....il mio e' pure Dual opto!!!
enriconnection is offline   Rispondi citando
Vecchio 14 ottobre 07, 12:16   #10 (permalink)  Top
durone
Guest
 
Messaggi: n/a
Complimenti per i post, Rosario, veramente chiari ed utili!

Io per risolvere un problema simile in presenza di BEC esterno all'esc ho dovuto disconnettere anche il filo nero tra ESC e Rx ed aggiungere il toro sul bec, solo una di queste precauzioni attenuava il problema ma non lo risolveva.
Credo che con il filo nero collegato tra ESC e Rx si creasse un anello di massa, la portata della RX (PCM) si riduceva ad un 50ina di metri.
  Rispondi citando
Rispondi



Strumenti discussione Cerca nella discussione
Cerca nella discussione:

Ricerca avanzata
Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Messaggio
dove metto il toroide? toti Aeromodellismo 102 16 giugno 07 00:48
dove va posizionato il toroide alex92005 Elimodellismo Motore Elettrico 2 29 maggio 07 15:32



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 20:14.

Basato su: vBulletin versione 3.6.12
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
SEO by vBSEO
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2014 - K-Bits P.I. 09395831002