Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Aeromodellismo > Aeromodellismo Categorie


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 24 marzo 17, 00:36   #1 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 3.923
Modelli Autonomy F5J 2017

Ho pensato di aprire questa discussione in cui inserire le novità dei modelli per la Autonomy F5J del 2017.

Molte di queste foto sono tratte dalla galleria della prima di campionato Autonomy F5J disputatasi a Pozzolo Formigaro lo scorso 12 marzo.

Primo tra tutti, il più semplice visto ultimamente che, alla gara di apertura, ha anche vinto.
Si tratta del Termiketor di Renzo Razzi.



Renzo ha fatto circolare il trittico con le info principali del suo modello.



Superficie alare circa 69 dm2 e peso in volo 1050 grammi con un peso della l'ala di circa 470 grammi.
Profilo spessino, Eppler 392, comandi sui 2 assi e basta , senza nemmeno gli Aerofreni. Costruzione in balsa sia per l'ala, sia per il pod della fusoliera con trave di coda da canna da pesca (poco pregiata): il tutto è concepito per essere il più leggero possibile, ma non fa uso di materiali sofisticati.

Le altre caratteristiche si possono leggere nella tabella riepilogativa dei modelli in gara a questo link http://www.autonomy-f5j.it/w/wp-cont...rm-12-3-17.pdf

Le condizioni di Pozzolo, senza vento e con termiche vicine, erano molto favorevoli alla tipologia di "attrezzo", in quanto spesso bisognava girare delle piccole bolle o delle diffuse deboli a poca distanza dai punti di lancio: comunque il modello si è difeso bene e non ha mostrato problemi anche con un po' d'aria.

Sicuramente, se si ha voglia di giocare a costruire un aliante facile, a costo ridotto e termicoso, può essere un buono spunto.
Il regolamento della Autonomy F5J, offre prerogative per cui non servono strutture sofisticate e anche modelli con poca velocità o non incredibilmente efficienti possono primeggiare.

Infatti, in caso di bisogno, il motore si riaccende a piacimento e permette non solo di spostarsi velocemente alla ricerca della termica, ma anche di rientrare da sottovento se si hanno problemi di avanzamento.
Basta regolare la motorizzazione in modo da avere un'elica con un po' di passo e si può sfruttare molto facilmente il motore per veloci spostamenti senza salire.
Con i 10 minuti di autonomia e 1200 metri di quota disponibili a regolamento, basta tarare la salita del modello tra i 3-4 metri al secondo e si avranno a disposizione dai 2 ai 5 minuti di motore per gli "spostamenti" senza particolare penalizzazione della performance finale.
Così anche un modello stile "vecchio RCV" può ancora dare delle belle soddisfazioni: potrebbe essere l'occasione buona, per chi ne ha qualcuno dimenticato in casa... di tirarlo fuori dall'armadio in cui riposa da qualche anno e divertirsi di nuovo a girare qualche bella termica.
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 31 marzo 17, 19:14   #2 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 3.923
Il Bitlau di Carlo Varetto

Ecco il terzo Biplano autonomista nato questa volta dalle ceneri di due modelli da volo libero ad opera di Carlo Varetto dell'AGO Torino












I dati sommari sono: peso ali 160 grammi e superficie 29 dm2, il peso totale è circa 900 grammi odv.


Così ci scrive Carlo


Citazione:
"Ho sempre amato" velegia e biplani" e con il BITLAU ho realizzato il sogno (per giunta elettrico.)...ed anche con un minimo di lavoro. Ho utilizzato ali e fuso (ho però dovuto rifare T.O e T.V) dei modelli con i quali ho partecipato ai Campionati del Mondo Volo Libero nel 1971 (6° classificato) il TLAUZAPANTECUTLY Campione italiano 1968 e l'ULTIMO TLAU. Stamane con il caro amico Eugenio a cui il BITLAU deve molto, l'abbiamo volato ....alternandosi al pilotaggio e ad un certo punto ha detto "è una macchina da guerra......" altre prove seguiranno....

p.s. Tlauzapantecutly è il nome di un dio Atzeco ....

Carlo Varetto 30-3-2017 "
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 14 aprile 17, 16:33   #3 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 3.923
Long Pulsar 3.2 accorciato Autonomy F5J e mercatino sul sito Autonomy F5J

Continua la carrellata di Modelli per la Autonomy F5j per il 2017.
Qui di seguito il mio modello di riserva, un Pulsar 3.2 di F5Models rivisitato e corretto per la Autonomy.

Per montare una motorizzazione ultralight il muso è stato allungato di 100 mm e nel contempo il trave di coda è stato reso smontabile per ridurre gli ingombri.
L'ala è stata ridotta a 3000 dai 3220 di AA originale
Il motore è un Viper 1020 14T 4450rpm/V con riduttore Reisenauer 5:1 e usa per ora un'elica 12x8 in 2 s

Il peso ODV è circa quello dichiarato, circa 1350 grammi con 67,5 dm2 di superficie corrispondenti a circa 20gdm2


Il modello con ala originale a 3,2 metri



e con ala accorciata a 3 metri


La galleria completa delle immagini con descritte le varie modifiche e le farsi della costruzione la trovate qui: Long Fulsar Autonomy F5J


Saluti a tutti

p.s. se qualcuno degli autonomysti postasse anche qualcosa dei suoi modelli


p.s.2

News sul sito dell'Autonomy-F5J

Per facilitare gli scambi tra modellisti e di modelli/parti per la categoria Autonomy F5J è di nuovo operativa la pagina del mercatino dedicata sul sito a questo indirizzo diretto: Mercatino – Autonomy F5J
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 15 aprile 17, 19:35   #4 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di TaxiDriver
 
Data registr.: 05-11-2007
Residenza: Tuscan hills (Ar)
Messaggi: 951
Ecco il mio giocattolo, assemblato lo scorso anno ma messo in volo solo recentemente a causa di un serio problema di salute fortunatamente risolto che ha avuto mia moglie.

L'ala e la coda e del Marabù Topmodel cz, la Fuso dell' High Aspect glider.

Pesa 1050 in odv in volo mi piace ma sono molto arrugginito dalla lunga sosta.

Antonio
Icone allegate
Modelli  Autonomy F5J 2017-a_002.jpg  
__________________
MAI PIU' T.I.M.
TaxiDriver non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 16 aprile 17, 18:13   #5 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di TermicOne
 
Data registr.: 02-01-2004
Residenza: Vicino a Saronno
Messaggi: 6.870
Il mio modello per il 2017 é INTRODUCTION F5J del quale ho fatto un sintetico build log qui sul barone:

[Build Log] Introduction F5J by GRÜNER CNC-Service

Dai primi voli mi sembra un modello interessante. Con i suoi 16gr/dm2 è molto lento e senza alettoni è un po' sordo alla deriva. Segna molto bene le termiche e si riesce a spiralare bene. Essendo molto lento è particolarmente sensibile alle discendenze e se non si scappa subito a motore in pochi secondi si sprofonda nel nulla.

Devo ancora prenderci confidenza ma mi sembra promettere bene...


__________________
TermicOne su youtube

Ultima modifica di TermicOne : 16 aprile 17 alle ore 18:17
TermicOne è collegato   Rispondi citando
Vecchio 20 aprile 17, 18:35   #6 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di pave 52
 
Data registr.: 07-09-2010
Residenza: Rovereto (Trento)
Messaggi: 567
Sfumata la prospettiva di ricevere un'ala "stile volo libero" dall'Ucraina per il modello leggero, mi sono concentrato su come riuscire ad alleggerire l'Xplo.zip con cui ho vinto l'anno scorso.
Su ala e fusoliera le possibilità erano nulle, al contrario i piani di coda originali del mio X2 potevano essere alleggeriti realizzandoli ex novo in struttura.
Ho dapprima realizzato, stampandola sopra il bordo d'entrata del piano originale preventivamente protetto con Domopak, una pelle in tessuto di carbonio da 160 gr/mq per realizzare un D-box cui aggiungere la struttura.
Dopo aver opportunamente rifilato il guscio ho, con molta pazienza, costruito la parte in struttura, sia della parte fissa che di quella mobile, rivestendo alla fine con Oralight Indoor da 17 gr/dmq.
Il piano originale pesa 55 gr, il nuovo è arrivato a 37!
L'amico Dappo conoscendo la mia intenzione di rifare anche la deriva mi ha offerto e prontamente spedito un "moncone" completo di attacco di un verticale di un X2 ed attorno a questo, integrando con un "cimino" di canna da pesca e piattine di carbonio di adeguata sezione ha preso forma, sempre con tanta pazienza, il nuovo verticale del peso finale di 18 gr, rispetto ai 43 dell'originale.
A questo punto, con una riduzione totale di 44 gr in coda ho potuto andare a togliere peso in punta come segue:
-12 gr piombo
-45 gr ogiva in ottone
-10 gr sostituzione 3S da 1000 con 3S da 850
-9 gr sostituzione portapale elica
Riduzione peso totale 120 gr
Peso finale in odv 1655 con carico alare di 19.7 rispetto ai 21.1 iniziali!
Questa sera metto un po' di foto che spiegano meglio delle parole il lavoro svolto.
__________________
pave 52
pave 52 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 20 aprile 17, 21:40   #7 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di pave 52
 
Data registr.: 07-09-2010
Residenza: Rovereto (Trento)
Messaggi: 567
ecco alcune foto
Icone allegate
Modelli  Autonomy F5J 2017-stampata.jpg   Modelli  Autonomy F5J 2017-d-box.jpg   Modelli  Autonomy F5J 2017-orizz.-nuovo.jpg   Modelli  Autonomy F5J 2017-verticale-nuovo.jpg  
__________________
pave 52
pave 52 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 20 aprile 17, 21:42   #8 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di pave 52
 
Data registr.: 07-09-2010
Residenza: Rovereto (Trento)
Messaggi: 567
Confronto finale
Icone allegate
Modelli  Autonomy F5J 2017-piani-vecchi.jpg   Modelli  Autonomy F5J 2017-piani-nuovi.jpg  
__________________
pave 52
pave 52 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 21 aprile 17, 11:29   #9 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Edima
 
Data registr.: 19-12-2009
Residenza: Turriaco (GO)
Messaggi: 823
Bravo Paolo, si vede la mano del vololiberista, bel lavoro.
Edi
Edima non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 21 aprile 17, 12:19   #10 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di pave 52
 
Data registr.: 07-09-2010
Residenza: Rovereto (Trento)
Messaggi: 567
Citazione:
Originalmente inviato da Edima Visualizza messaggio
Bravo Paolo, si vede la mano del vololiberista, bel lavoro.
Edi
Ciao Edi!
Appunto, sarebbe una categoria ideale anche per te!
In effetti stanno arrivando parecchi vololiberisti, specialmente toscani.
La nuova formula ha reso la categoria ancor più bella ed interessante e il fatto che il 90% dei modelli sia autocostruito è una realtà rara e preziosa con una varietà di soluzioni e "scuole di pensiero" ormai introvabile!
Prova ad organizzarti per fare un giro a Caprino Veronese ad ottobre!
__________________
pave 52
pave 52 non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Una nuova categoria dopo Autonomy, F5J, FXJ, F5J con altimetro, 2M Electro J!!! Pampa Aeromodellismo Categorie 29 11 gennaio 14 15:36
F5B, F5J, F5J-Autonomy, ALES: Allungate i musi... Pampa Aeromodellismo Categorie 21 10 agosto 12 19:57
Modelli adatti alle nuove FXJ, F5J, 2MRES, AUTONOMY pikemax Aeromodellismo Categorie 51 31 gennaio 12 17:02
AUTONOMY F5J per il 2008 e AUTONOMY by E-MAIL (postale) claudio v Aeromodellismo Categorie 17 17 dicembre 07 09:00



Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 09:03.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2017 - K-Bits P.I. 09395831002