BaroneRosso.it - Forum Modellismo

BaroneRosso.it - Forum Modellismo (https://www.baronerosso.it/forum/)
-   Aeromodellismo Categorie (https://www.baronerosso.it/forum/aeromodellismo-categorie/)
-   -   Nuova formula 2016 Autonomy (https://www.baronerosso.it/forum/aeromodellismo-categorie/348319-nuova-formula-2016-autonomy.html)

Indoor 26 ottobre 15 09:46

Nuova formula 2016 Autonomy
 
I Padri Fondatori mi hanno invitato a pubblicare queste notizie:

Dopo la garetta di Cremona i presenti si sono riuniti per esaminare e discutere le nuove regole per il 2016.
Di seguito le decisioni condivise all’unanimità.

La formula anche per il 2016 si chiamerà sempre AUTONOMY, conservando quel nome inventato dai Padri Fondatori che si adatta anche alle nuove regole: lunga vita dunque all’Autonomy anche per i prossimi anni.

Tutte le regole, le comunicazioni, i calendari, le foto e le classifiche continueranno ad essere inserire nell’attuale sito Autonomy (AUTONOMY F5J)

I Padri Fondatori, con l’aiuto di Luca Aprato, hanno contattato la RC Electronics la quale, dietro pagamento, realizzerà un nuovo firmware che potrà essere caricato sull’attuale logger Multi 2, che avrà le seguenti caratteristiche.

- Arrestare il motore ad una quota (esempio 1200 m) ed un tempo stabilito (esempio 10 minuti).
- Questi limiti sono dati dalla somma di tutte le riaccensioni del motore.

Lo spegnimento automatico del motore avverrà al raggiungimento del primo di questi valori.
I dati dovranno restare in memoria, anche senza alimentazione, finchè non si procederà al reset.
Il Firmware sarà pubblico e si chiederà alla RC Electronics di caricarlo sul suo sito in modo che chiunque possa utilizzarlo e si chiederà di chiamarlo “AUTONOMY”
Una forma quindi per cercare di far apprezzare la formula innovativa di gara non solo per competizioni in Italia, ma anche in altri Paesi e questo sarà un onore e un piacere per tutti.

Tutti i piloti avranno la stessa quota a disposizione senza limiti e senza controlli.

Il pieno rimane come oggi a 6 minuti e sarà permesso azionare il motore quando si vuole.
Atterraggio sempre in un cerchio di 10 metri di diametro.

Ogni volo di almeno 6’ con centro, varrà 10 punti e 9 punti se fuori centro. I voli inferiori a 6’ non saranno conteggiati, nemmeno l’ultimo. L’atterraggio oltre i 75 metri, renderà il volo nullo.

La classifica sarà fatta dalla somma dei punteggi .
In caso di parità sarà fatto un lancio in simultanea con arresto del motore a 100 metri e vincerà chi atterrerà per ultimo. (il logger sarà fornito dalla direzione di gara)
Durata della gara di 3 ore e mezza.

Questa dunque sarà una formula di gara che utilizza veramente il motore elettrico, al contrario della F5J o AVOT, dove il motore ha un’unica funzione: portare per ogni volo in quota il modello e poi non essere più utilizzato.

La velocità di salita del modello non potrà superare i 5 mt/sec e il dato potrà essere controllato esaminando il logger.

La batteria potrà essere cambiata a piacimento.

Dopo ampia discussione si è deciso di limitare la partecipazione ai modelli dell’attuale classe “S”, cioè modelli con apertura alare massima di mm. 3000 .
L’ala del modello non potrà essere realizzata in stampo.
Vi sarà perciò un’unica classifica.

Questa decisione, votata all’unanimità, vuole valorizzare ed incoraggiare i modellisti che amano realizzare il proprio modello partendo da kit o addirittura progettandolo ex novo.

A breve nel sito Autonomy sarà pubblicata la bozza, definitiva, salvo piccoli aggiustamenti, del regolamento 2016.

Paolo Dapporto

danielep 26 ottobre 15 11:04

Avete di sicuro perso 10-15 piloti della L
vi auguro di trovarne altrettanti o di più nella nuova S

Saluti Daniele

Pampa 26 ottobre 15 12:20

Citazione:

Originalmente inviato da Indoor (Messaggio 4759277)
Dopo ampia discussione si è deciso di limitare la partecipazione ai modelli dell’attuale classe “S”, cioè modelli con apertura alare massima di mm. 3000 .
L’ala del modello non potrà essere realizzata in stampo.
Paolo Dapporto

Io questa demonizzazione delle ali in stampo non l'ho mai capita e continuo a non capirla.
Un'ala in schiuma e fibra fatta bene non è aerodinamicamente molto diversa da un'ala in stampo.
Qualcuno si ricorda come sono fatti i modelli di Mark Drela?
Mark Drela's Supra 3.4m
Il Supra originale non è fatto in stampo.
L'hanno successivamente realizzato in stampo "solo" per un fatto di industrializzazione e di ripetibilità (se devo sostituire un terminale è meglio avere un pezzo standard).
Andatevi a vedere i video di Phil Barnes "Vacuum Bagging Made Easy" e ditemi se il risultato finale è molto diverso da un'ala in stampo.
Boh...

pikemax 26 ottobre 15 14:30

Citazione:

Originalmente inviato da Pampa (Messaggio 4759395)
Io questa demonizzazione delle ali in stampo non l'ho mai capita e continuo a non capirla.
Un'ala in schiuma e fibra fatta bene non è aerodinamicamente molto diversa da un'ala in stampo.
Qualcuno si ricorda come sono fatti i modelli di Mark Drela?
Mark Drela's Supra 3.4m
Il Supra originale non è fatto in stampo.
L'hanno successivamente realizzato in stampo "solo" per un fatto di industrializzazione e di ripetibilità (se devo sostituire un terminale è meglio avere un pezzo standard).
Andatevi a vedere i video di Phil Barnes "Vacuum Bagging Made Easy" e ditemi se il risultato finale è molto diverso da un'ala in stampo.
Boh...

No, non è diverso, anzi per un modello che non deve correre tanto è come minimo equivalente, fatto sta che è una tecnica raffinata e che richiede competenze specifiche.
La formula nuova è molto bella e mantiene il concetto di limitare il "carburante", ma in questo caso lo fa a posteriori limitando il risultato (quota e tempo).

bruno 26 ottobre 15 18:25

Mi dispiace non esserci stato in questo periodo le ore macchina mi pesano, ad ogni modo:

1) La nuova formula mi piace.
2) Concordo con Pampa che un'ala poli tagliata a cnc +rivestimento fibra sottovuoto è eguale ad un'ala in stampo (c'è più di qualcuno dei Padovani che la usa già da anni); non mi sembra sia vincente di base, fiuto ed il pollice valgono molto di più.
3) Scettico sul no agli oltre 3 mt, era l'occasione buona per unificare la categoria con parametri tempo-quota diversi, ma son sicuro che è una scelta più che ragionata per cui ok.


Ciao

TaxiDriver 26 ottobre 15 18:37

Citazione:

Originalmente inviato da Pampa (Messaggio 4759395)
Io questa demonizzazione delle ali in stampo non l'ho mai capita e continuo a non capirla.
Un'ala in schiuma e fibra fatta bene non è aerodinamicamente molto diversa da un'ala in stampo.
Qualcuno si ricorda come sono fatti i modelli di Mark Drela?
Mark Drela's Supra 3.4m
Il Supra originale non è fatto in stampo.
L'hanno successivamente realizzato in stampo "solo" per un fatto di industrializzazione e di ripetibilità (se devo sostituire un terminale è meglio avere un pezzo standard).
Andatevi a vedere i video di Phil Barnes "Vacuum Bagging Made Easy" e ditemi se il risultato finale è molto diverso da un'ala in stampo.
Boh...

Più facili da dirsi che a farsi.

Pampa 26 ottobre 15 18:42

Citazione:

Originalmente inviato da pikemax (Messaggio 4759528)
No, non è diverso, anzi per un modello che non deve correre tanto è come minimo equivalente, fatto sta che è una tecnica raffinata e che richiede competenze specifiche.

Si, ma anche no.
C'è gente che è più a proprio agio con i compositi che con i "legnetti". :wink:

Citazione:

Originalmente inviato da pikemax (Messaggio 4759528)
La formula nuova è molto bella e mantiene il concetto di limitare il "carburante", ma in questo caso lo fa a posteriori limitando il risultato (quota e tempo).

La limitazione di carburante non c'è se si permette di cambiare la batteria.
Il concetto pregnante dell'Autonomy era quello di massimizzare i voli con un una quantità di energia data. In altre parole l'obiettivo era l'efficienza massima dell'insieme modello-batteria-motore-elica.
Certo, devi controllare la capacità delle batterie, verificare che non ci sia una batteria nascosta nel modello (:rolleyes: :D), che qualcuno non ricarichi nelle pause :lol: o che faccia rifornimenti in volo (:o:).
Con il nuovo regolamento, se non ho capito male, tutto questo viene meno.
Si misura l'altezza con l'altimetro e il tempo col cronometro.
Più semplice ma, dal mio punto di vista, meno affascinante.
Comunque sono curioso di leggere il nuovo regolamento. E di venire a fare qualche gara, salute permettendo.

pikemax 26 ottobre 15 18:56

Citazione:

Originalmente inviato da bruno (Messaggio 4759762)
Mi dispiace non esserci stato in questo periodo le ore macchina mi pesano, ad ogni modo:

1) La nuova formula mi piace.
2) Concordo con Pampa che un'ala poli tagliata a cnc +rivestimento fibra sottovuoto è eguale ad un'ala in stampo (c'è più di qualcuno dei Padovani che la usa già da anni); non mi sembra sia vincente di base, fiuto ed il pollice valgono molto di più.
3) Scettico sul no agli oltre 3 mt, era l'occasione buona per unificare la categoria con parametri tempo-quota diversi, ma son sicuro che è una scelta più che ragionata per cui ok.


Ciao

Sono perfettamente allineato, per fortuna lo hai scritto tu..
Grazie.

Scirocco1 26 ottobre 15 19:03

Ho partecipato a poche gare di Autonomy all'inizio della formula, ho smesso perchè la preparazione richiesta e le capacità necessarie per non arrivare sempre ultimo erano al di fuori della mia portata. Ho continuato a segure le gare, affascinato dai risultati che i Padri Fondatori e tutti gli altri sono riusciti ad ottenere , sinceramente ammirato dalla capacità tecnico scientifica sviluppata in questi anni. Fuori dalla mia portata , poco tempo per prepararmi, desiderio di volare con qualcosa di autocostruito, pollice scarsissimo , fuori dalla mia portata.
Sono stato attratto dalla lettura della prima formula proposta da Paolo, mi è apparsa semplice , "per tutti" ,per quelli che volevano provare l'emeozione della gara capendo nel contempo che avrebbe scontentato tutti quelli che hanno profuso energie (e denaro) per raggiungere i livelli di cui sopra. Le gare , per definizione , sono un test di eccelenza e cosi vanno prese. Ma la prima formula di Paolo aveva il fascino della semplicità , di mettere tutti in condizione di fare tutti i lanci , anche quelli un pò (molto) brocchi come il sottoscritto o tutti quelli che non si possono permettere tanto tempo per prove ed allenamenti ;si , certo , si può sempre stare a casa (io lo ho fatto) ma con un pò di dispiacere. Si perchè è piacevole stare insieme , fare una gara , anche avendo la certezza di non fare un gran risultato ma avendo il piacere di stare assieme ad altri , di partire ad armi pari anche se si riveleranno impari subito ,al primo lancio. La nuova formula , corretta, mi sembra un pò una forzatura di compromesso , probabilmente non accontenta quelli che speravano in una evoluzione più scientifica (come la misura dell'energia) e certamente è piu complessa della prima originale proposta , veramente semplice ed attrattiva , quasi come le gare che facevo da ragazzo , veleggiatori sport , mai arrivato sotto il 14 posto e di solito eravamo in 20. Un cordiale saluto a tutti

Pojana 26 ottobre 15 19:04

Citazione:

Originalmente inviato da danielep (Messaggio 4759335)
Avete di sicuro perso 10-15 piloti della L
vi auguro di trovarne altrettanti o di più nella nuova S

Saluti Daniele

Ma avete guardato le classifiche della L dell'ultimo anno ?
Non mi pare proprio.
Lucio


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 19:13.

Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002