Visualizza messaggio singolo
Vecchio 10 dicembre 20, 22:40   #5 (permalink)  Top
quenda
User
 
L'avatar di quenda
 
Data registr.: 22-05-2006
Residenza: Piacenza
Messaggi: 1.539
Anzitutto grazie per i consigli.
La faccenda sta diventando molto interessante….almeno per me.

Ho provato a inserire alcuni dati nei due fogli di calcolo; quello di Panknin mi risulta più semplice da capire e inoltre nel foglio di Irv Culver, se inserisco un’apertura alare di 55”, alcuni campi segnalano un errore (#NUM!). Forse il mio Excel 2008 per Mac ha dei problemi...

Purtroppo nei campi….

- Angolo di portanza nulla al centro
- Angolo di portanza nulla estremita'
- Coeff.di momento al centro
- Coeff.di momento all'estremita'

….non so quali dati inserire ma vedrò di studiare un po’.

Questo è il disegno di una delle prime versioni dello “Scarpone”; era più elegante di adesso ma purtroppo il modello non sarebbe stato dentro alla mia macchina.
Inoltre avevo tenuto i galleggianti attaccati all’ala ma in questo modo il bordo d’entrata si sarebbe trovato a soli 8 ÷ 12 cm dall’acqua: troppo rischioso.



Questa immagine mostra invece l’ala del Flying Boot (3ª versione), come risulta inserendo in DevWing 3 i profili CLARK YH 14% alla radice e il NACA 0014 all’estremità, con uno svergolamento lineare di 8 gradi al bordo d’uscita.




La tentazione di farlo tutto centinato invece che in estruso è forte, ma voglio resistere!

Come dice PJ, lavorando con il filo a caldo, fare prima un modello di test senza motore non sarebbe un gran lavoro. Poi si potrebbe trainarlo come si fece con l’Erwa 8 per vedere come vola.

Un’altra ipotesi (una vera e propria scorciatoia…), potrebbe essere acquistare un Maxi Swift per poi metterci ventola e galleggianti.

https://shop.jonathan.it/it/223224-m...pace-racer-epp

Sarebbe comunque necessario modificare gli elevoni e aggiungere due servi. Ci penso.

Parlando di pesi, questa è la mia “lista della spesa”:



Restare sotto i 3 Kg. sarebbe un buon risultato.

Di idrovolanti a ventola non ne ho mai visti ma sono sicuro che per decollare dall’acqua servirà parecchia potenza, vale a dire non meno di 400W/Kg. e 2 Kg. di spinta, che forse sono addirittura pochi.

Detto questo, temporaneamente, metto da parte le questioni aerodinamiche e provo a costruire i due galleggianti. Non ho mai fatto niente di simile e sono curioso di vedere cosa viene fuori….alla peggio ho buttato via 6 euro di depron.

ettore
quenda non è collegato   Rispondi citando