Visualizza messaggio singolo
Vecchio 18 agosto 20, 03:42   #81 (permalink)  Top
giocavik
User
 
Data registr.: 14-02-2006
Residenza: provincia VT
Messaggi: 1.950
La prima volta che lessi di tale
progetto, (era un testo inglese
sugli aerei segreti tedeschi della
fine della guerra) non riuscii a
immaginare come potesse fare
a funzionare, e neanche come
fosse fatto...Anni dopo quando
su web vidi le prime illustrazioni
capii subito che era lui...Da li
però ebbi il primo grande dubbio
che al riguardo ancora resiste e
che mi fa sempre da sospetto
delle informazioni che viaggiano
su web...
Il profilo di missione scritto sul
libro inglese (roba degli anni 70
come prima edizione..) era che
la rotazione iniziale del rotore
del Triebflugel rappresentava
una ingegnosa soluzione tecnica
per avviare e usare la spinta di
motori semplicissimi come gli
autoreattori.Una volta partito e
raggiunta la velocità traslatoria
sufficiente al funzionamento dei
motori, il pilota metteva il rotore
in 'bandiera', cioè a zero gradi,
e proseguiva il volo col rotore
non più rotante, ma come ala,
che veniva bloccata in posizione
predeterminata meccanicamente.
La velocità di 'innesco' di quei
motori sarebbe stata tra i 250
e i 500 Km/h.Questo implica
che il rotore/ala non potesse
essere svergolato, ma diritto
il che penalizza in atterraggio
e decollo, ma e' l'unica soluzione
per il volo ad 'ala' bloccata.La
prima cosa che mi sono chiesto
e' quale potesse essere questa
posizione...ma anche li la solu
zione sembra unica e cioè con
le 'ali' a V positiva e il terzo
braccio verticale sotto, altrimenti
l'unica altra soluzione simmetrica
implicherebbe l'esatto opposto
ma vi figurate un tale diedro
negativo in un aereo della 2nda
guerra mondiale..?
giocavik non è collegato   Rispondi citando