Discussione: Motore Zenoah 260 PUM
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 06 gennaio 18, 21:10   #37 (permalink)  Top
style90.me
User
 
L'avatar di style90.me
 
Data registr.: 03-10-2008
Residenza: Messina
Messaggi: 2.824
Immagini: 19
Citazione:
Originalmente inviato da dooling Visualizza messaggio
Scusate il ritardo.
Ho commesso l'errore nel determinare la fase di aspirazione, avrei dovuto rendermi conto che la fase è simmetrica, ma forse ero distratto dalla televisione.
Rifarò le misurazioni con il motore, ho tenuto in buon conto le vostre osservazioni e, ne farò tesoro perché ho bisogno di HP e giri, mi riguarderò anche quanto riportato nei miei libri.
Lo scafo è un catamarano postato all'inizio della discussione; sono scafi molto veloci per loro natura, leggermente inferiori a quelli conosciuti come "tre punti", ma più stabili, dipende dalla potenza installata.
Il cat monta un'elica di superficie, nel mio caso una bipala, quindi con una pala immersa ed una in aria, naturalmente con un passo molto lungo.
Nel mio caso, oltre all'elica, vi è anche il timone immerso che fa anche da presa d'acqua.
In quelli 1:1 dove ho avuto occasione di salirvi, hanno un altro genere di trasmissione.
Eccola: Trasmissioni di superficie Arneson – TWIN DISC
Per l'accelerazione si può mettere in pratica un piccolo artificio; allungare tramite servo dedicato, lo scarico per mantenerlo accordato, poi accorciare man mano che prende i giri.
Per gli scafi con elica immersa, lo stesso artificio e non solo, sempre con servo dedicato, immettere davanti all'elica bollicine di gas (non troppo), per farla entrare in cavitazione ed alleggerire il carico al motore.
Quando salgono i giri, si eliminano le bollicine.
Sempre per migliorare il rendimento meccanico, invece della trasmissione con flessibile, utilizzerò asse rigido con giunti omocinetici.
Una bella scommessa.
Negli anni 70 mi sono dilettato per un pò con un Dart motorizzato Ops 40 da 24.000 rpm. Ricordo che avevo adottato un piccolo particolare per lubrificare continuamente le due boccole in bronzo su cui girava l'albero dentro un astuccio: avevo fatto due buchi sull'astuccio e messo due prese di pressione. Una delle due l'avevo collegata ad un'altra presa di pressione sullo scarico ( pipa a risonanza). Quindi una piccola parte dell'olio espulso dal motore assieme allo scarico, garantiva la costante lubrificazione delle due Bronzine. Analoga soluzione adottai su una Tecno Racing (auto 1/8) che aveva il difetto di fabbrica di grippare il cuscinetto sul pignone (aveva una trasmissione molto particolare, ed il cuscinetto, montato direttamente sul pignone, quindi con gli stessi giri del motore, dopo circa 10 min.di gara tendeva a grippare; con questo piccolo escamotage riuscivo a fare i 30 minuti della finale, vincendo alcune gare di campionato regionale). Non so se questa soluzione ti possa essere utile. Quanto alla possibilità di allungamento e accorciamento dello scarico accordato, certamente è una soluzione interessante, usata anche appunto nel campo nautico, ma nel tuo caso è piuttosto difficile da realizzare. Non so se il gioco, alla fine, valga la candela, perché, guardando alcuni filmati, mi sembra di capire che il motore stia quasi sempre ai massimi regimi, con piccoli e brevissimi cali solo nelle virate; quindi ininfluenti soluzioni atte a privilegiare i bassi e medi.
__________________
Extra 300 S con Supertigre G 90 gasser # TRex 600 con OS-ASP 52 gasser # con ASP 91HR gasser # con TT 53 RL gasser # MG53 con DLE 20 # PS14 CON FOX78 http://www.youtube.com/user/Solobenza. Placido.
style90.me non è collegato   Rispondi citando