Discussione: LiPo, note per l'uso.
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 08 marzo 10, 13:29   #1 (permalink)  Top
Naraj
User
 
L'avatar di Naraj
 
Data registr.: 25-07-2004
Residenza: Trieste
Messaggi: 5.445
LiPo, note per l'uso.

Per chi ne avesse bisogno, ho scritto queste brevi note sull'uso delle LiPo.

Naraj.




Brevi note per chi si avvicina alla motorizzazione elettrica

Accumulatori LiPo

Prendiamo ad esempio l'etichetta di una batteria LiPo di tipo generico:

"3S 2200 mAh 20C continui e 35C per 15 secondi ”


Descrizione delle sigle:

0 – La tensione nominale di una cella LiPo è di 3,7 Volt.
1 – “S” = celle in Serie 3S = 3 celle in serie (1S = 3,7 Volt - 3S = 3,7*3 = 11,1 Volt )
2 – “2200 mAh” = capacità della batteria ( 2200 mAh = 2,2 Ah )
3 – La corrente di scarica massima si descrive in numero di “C “ ( es. 20C – 35C ).
4 – “C” = corrente capacità batteria 1C = 2,2 A 20C = 2,2*20 = 44 A 35C = 2,2*35 = 77 A
5 – 20C continui = 44 A La batteria può sopportare la scarica di 44 A in modo continuo.
6 – 35C per 15 secondi = 77 A La batteria può sopportare la scarica di 77 A per solo 15 secondi.



Carica e scarica di una cella Lipo

7 – Le LiPo, hanno bisogno di molta attenzione nella loro carica e nella loro scarica.
8 – Devono essere caricate solo con i caricatori predisposti per celle LiPo.
9 – La carica avviene prima a Corrente Costante e Tensione Variabile, poi, a Tens. Cost. e Corr. Var.
10 – I caricatori per LiPo sono automatici, si imposta solo la corrente di carica e il numero delle celle.
11 – Durante la carica, è consigliato l'uso di un equalizzatore di celle.
12 – L'equalizzatore serve a portare tutte le celle alla stessa tensione.
13 – Normalmente, la carica delle celle LiPo, viene fatta con una corrente pari a 1C.
14 – Nella batteria presa come esempio 1C = 2,2 Ampere.
15 – Le celle non devono essere caricate a più di 4,2 Volt/cella. ( 3celle = 12,6 Volt )
16 – Le LiPo non devono essere scaricate a meno di 2,7 Volt/cella. ( 3 celle = 8,1 Volt )
17 – Le singole celle della batteria, se scaricate sotto i 2,7 Volt, tendono a gonfiarsi.
18 – Con celle collegate in serie, è consigliato portare la tensione minima di scarica a 3 Volt/Cella.
19 – Se la batteria si gonfia, è sconsigliato il suo uso.
20 – Se le celle vengono sovraccaricate o si richiede troppa corrente in scarica, tendono ad incendiarsi.
21 – Hanno un involucro molto delicato.
22 – Non sopportano urti violenti.
23 – Non sopportano temperature superiori ai 60°C.
24 – Se usate a temperature basse (sotto i 5°), il loro rendimento diminuisce notevolmente.
25 – Qualora si dovesse stoccare una LiPo per un lungo periodo, portare la sua tensione a 3,7 Volt/cella.
26 – Tutte le celle, hanno una resistenza interna che influisce sulla loro tensione di uscita.
27 – La resistenza interna delle celle, durante la loro scarica, produce una caduta di tensione della batteria.
28 – La resistenza interna delle celle, si nota sopratutto, quando si richiede forti correnti di scarica.
29 – Tra batterie con la stessa Capacità e “C“ di scarica, quella con minore resistenza interna è la migliore.



Collegamento di batterie in serie e in parallelo.

30 – Le celle si possono collegare in Serie, in Parallelo oppure in combinazione di Serie e Parallelo.
31 – Nelle descrizioni delle caratteristiche, può comparire ad esempio: “ 2200 mAh 3S 2P ”.
32 – Una batteria 3S 2P è formata da 2 pacchi di 3 celle in serie (3S) collegati in parallelo (2P).
33 – Nel collegamento serie 3S, la tensione delle singole celle si sommano ( 3S = 3,7*3 = 11,1 Volt ).
34 – Nel collegamento serie la capacità della batteria rimane la stessa delle singole celle ( 2200 mAh ).
35 – Nel parallelo di due batterie (2P), si somma la capacità delle singole batterie ( 4400 mAh ).
36 – Nel collegamento parallelo, la tensione complessiva è quella del singolo pacco ( 11,1 Volt ).
37 – Per la serie o il parallelo, di devono usare solo celle della stessa marca e capacità.

Ultima modifica di FrancoC. : 08 marzo 10 alle ore 19:39
Naraj non è collegato   Rispondi citando