Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Navimodellismo > Navimodellismo a Vela


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 23 febbraio 13, 21:27   #1 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di SeanTiago
 
Data registr.: 08-10-2012
Residenza: Torino
Messaggi: 420
L'olandese Volante - Easy Footy II - Cantieri Navali Vigada & C.

Visto che ormai manca solo più timone e ricevente (entrambi saranno montati a giorni), ho deciso di riportare qui tutti i miei 'appunti di viaggio' di questa bella avventura che è stata la costruzione del mio primo footy in depron sul progetto di Claudio & Camillo.



Innanzitutto i disclaimerz: la mia footy è stata fatta su un progetto che è stato rivisto e corretto più volte. Oltretutto è quasi interamente opera di Claudio che si è occupato non solo di produrre il kit ma anche di eseguire tutti i passaggi più delicati, lasciandomi iniziare con le cose più semplici e qualche compitino a casa. Non avrei potuto avere docente migliore credo, Grand Maestr D'asc' Figl di putt e Ing ad Honorem . Per cui per tutte le info del caso sull'Easy Footy III visionate questo 3D Easy Footy III - Depron - il 3D Definitivo e chiedete direttamente a Claudio & Camillo per tutte le delucidazioni del caso. Loro sanno!

Poi una nota per i neofiti (e anche meno). Se vi appassiona il modellismo nautico a vela... bhè PROVATECI! Certo detto da me che ho avuto un punto di vista privilegiato ed ho potuto osservare tutti (o quasi i passaggi) fatti da mani esperte, sarà facile dite voi... bhè in realtà lo è. Ed è studiato anche in modo che, considerati i materiali utilizzati, se quando chiudete lo scafo vi accorgete che avete fatto male bhè... riutilizzate le dime e rifate il tutto. Avrete comunque sprecato un foglio di depron dal costo irrisorio.

Questo il link del mio primissimo incontro col Vigada non lo riporto qui che è un po lungo ma rileggendolo mi ha fatto sorridere, allora non pensavo nemmeno se l'avrei poi fatto questo piccolo footy: RC Kanidabranco: Urca!

Il resto sono solo i miei appunti sull'esperienza vissuta che spero mi servano da promemoria per la prossima che farò.

Buona lettura e grazie a tutti i ragazzi che hanno in qualunque modo e misura partecipato e collaborato all'Easy Footy Kit Madaffakka
__________________
WWW.FOOTY-ITALIA.IT - Il sito italiano per le footy RC!
SeanTiago non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 febbraio 13, 21:44   #2 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di SeanTiago
 
Data registr.: 08-10-2012
Residenza: Torino
Messaggi: 420
La primissima volta. L'inizio. Fine gennaio 2013



Finalmente mi trovo col kit in mano e mi appresto a cominciare questa prima avventura col modellismo navale a vela, rigorosamente rc ma non tanto per bimbi minkia .

In realtà mancavano i tagli dell'albero ma in quattro e quattrotto sfruttando una piccola morsa, un dremel, dei tubicini in carbonio immagino utilizzati nell'aeromodellismo, avendo come ovvio le misure esatte... et voilà i pezzi del RIG sono belli che pronti. Si inizia incollando il sostegno in alto della vela, il buttafuori, all'"albero" stesso alla cui estremità è stata precedentemente fatta un'incisione, giusto giusto la dimensione del tubicino più piccolo che viene incollato se non ricordo male con cianoacrilato in gel, rispettando le angolazioni date dal disegno in scala 1:1, utilizzando il piano per ottenere l'allineamento (utilizzare un piccolo spessore che il tubicino del buttafuori è un pelo + piccolo) bastano pochi secondi per ottenere la stabilità dei due pezzi con l'ausilio di un accellerante e dopo qualche minuto si può passare al rinforzo.

Il tipo di filo utilizzato per il riforzo è particolare, sembra quasi aprirsi se lo si muove un po col dito, ma quando in tensione pare abbia buone doti di resistenza, leggasi Dacron in buona sostanza lo si pinza su se stesso e lo si gira diverse volte incrociandolo sempre su se stesso a formare un gomito cicciotto la dove si è precedentemente incollato l'albero al sostegno e si spalma ben bene con cianoacrilato fluido. A questo punto all'albero stesso dall'altro capo, viene incollato inserendolo nel tubicino un asticina in acciaio ad 's' anche questa modellata sulla base del disegno, piegandola semplicemente con le mani e cercando di calcarne l'esatta copia, (utilizzate sempre il disegno per avere l'angolazione giusta ed il piano perchè sia piatto).

Il boma (sempre un tubicino in carbonio) e qui vien da ridere è letteralmente appoggiato sopra il sostegno d'acciaio incollato in piano (sempre ciano gel) e rinforzato col sistema del filo di Dacron di cui sopra. Operazioni delicate ma non impossibili. E' che si fa fatica a crederci.



L'albero, il boma ed il sostegno in acciaio che entrerà nello scafo sono belli che pronti, si può dunque passare all'assemblaggio dello scafo. Depron è la parola magica, dei fogli di 3 mm, utilizzati in edilizia come isolanti parecchio in uso nell'aeromodellismo ricorda il polistirolo ma molto più fine e compatto, leggero come pochi e galleggiante, ha un costo irrisorio, ma soprattutto è facile da modellare e consente ampio margine di correzione. Un po delicato va comunque fatta attenzione fino a quando il tutto non è ben chiuso.

L'idea, che secondo me ha anche qui del geniale, è quella di creare uno scafo dal fondo piatto partendo semplicemente da un foglio di depron....dai disegni... forme facilmente replicabili rendendo l'assemblaggio dello scafo quanto di più facile e veloce sia possibile fare mantenendo inalterate le necessarie qualità che lo scafo stesso dovrà avere.

Si parte incollando le striscette che faranno da battuta per il fondo e la coperta (prima foto in alto) seguendo la traccia che avrete sui fianchi. Utilizzate la Uhu Por, mettetene un filino non serve abbondare, e fate seguire piano piano modellandola la striscetta al fianco. (attenzione: la por va messa così spalmatene il giusto su un pezzo, poi la fate aderire spostandola un po sulla zona da incollare, poi lasciate asciugare un po, quanod sembra quasi asciutta ma non completamente fate aderire i due pezzi che a questo punto s'incolleranno quasi all'istante! occhio)

Poi si incollano i fianchi al fondo prima uno poi l'altro. Il depron si piega discretamente seguendo la linea del fondo e con un po di scotch di carta si aiuta il mantenimento della forma. La prima traversa (ricordate sempre soprattutto quando gli allineamente sono importanti di 'presentare' prima il pezzo da fissare in modo da verificare sia tutto ok), ed in pochi semplici passi si può vedere lo scafo già formato a cui mancano



ancora i sostegni per l'albero, tutti gli acetati di rinforzo (cioè intendo dire proprio gli acetati che si comprano in cartoleria trasparenti per le copiature), come sono in depron tutti gli altri rinforzi e lo specchio di poppa.

Insomma un'inizio produttivo dove ho avuto modo di vedere e mettere un minimo mano garantendomi comunque tutti i passaggi delicati da mani esperte .

E' stato bello vedere un piano lavoro così fornito ed un lavoro così ben fatto in così poco tempo. Sinceramente anche con l'ausilio di un buon manuale d'assemblaggio sarebbe stato fuori dalla mia portata. Almeno per ora.
Ma visto da un punto di vista così privilegiato non è detto non si possa replicare.

__________________
WWW.FOOTY-ITALIA.IT - Il sito italiano per le footy RC!
SeanTiago non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 24 febbraio 13, 12:49   #3 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di SeanTiago
 
Data registr.: 08-10-2012
Residenza: Torino
Messaggi: 420
Primi di febbraio 2013 - Secondo incontro.

Proseguo con il resoconto dei lavori del barchino in polisti... ehm depron.

Breve riassunto fotografico, mi spiace di non avere un step by step ma sono foto fatte col cell nei momenti di pausini... ps: fate riferimento a questo 3d x disegni, foto ed indicazioni corrette direttamente da chi le ha progettate. Easy Footy III - Kit Depron

Sandwich in depron acetato con i tubicini dell'alloggiamento dell'albero montati dentro post incollaggio:



Bisogna attaccare il distanzialino (spessore) in depron tra i due tubicini, facendo attenzione sia centrale ai tubicini stessi, sempre con la Por, dopo di chè si possono incollare i pezzi di sandwich che irrobustiranno la struttura stessa ai lati, ed ecco bello che fatto il nostro panino, fatto questo si posiziona il sandwich stesso all'interno dello scafo e si aggiunge la traversa precedentemente bucata, si 'presenta' il tutto per sincerarsi che sia ben allineato ed infine si procede all'incollaggio (Por) all'inerno dello scafo. Ora non ricordo con esattitudine dove vadano gli acetati di rinforzo, di sicuro al fondo del sandwich per dare una battuta restistente sul fondo dello scafo stesso e prob ai lati. A tutto ciò vanno aggiunti i 'trapezi' in alto a battere sulla traversa ed in basso a battere sul fondo che irrobustiranno ulteriormente il sandwich.

Incollaggio della traversa del timone a poppa :



la struttura qui è un po più semplice del sandwich di cui sopra ma l'allineamento è un po sbattimentoso, il tubicino in plastica passante che conterrà l'asta del timone sarà inclinato, aiutatevi con le segnature sul depron e presentate il pezzo le volte necessarie a garantirvi un buon incollaggio. Anche qui acetati di riforzo sulla traversa e sul fondo se non ricordo male.

Verifica squadra tra lo scafo ed il timone e, con un righello, della parallelitudine dello scafo con piano di lavoro:



Inserite dunque il timone nel suo alloggiamento, posizionate la barca sul piano e verificate prima ad occhio se può sembrare suppergiù una cosa dritta , aiutatevi con un righello posizionato sulla coperta (NON incollate la coperta va fatto tra le ultimissime cose) e prendete la distanza dal piano in due punti (sx dx) equidistanti, oppure scomodate una bolla

Taglio depron e inserimento della deriva:



La deriva è composta da due pezzi di lamina di alluminio (versione deriva in alluminio da 0,5 mm) piuttosto sottili con un tubicino di carbonio da 3 passante. Il laminatino va prima grattato un po per dare presa alla colla (epoxi 5 minuti).
Ad ogni moto pronta la deriva tagliate il depron dal fondo e inserite con molta cautelitudine e delicatezza. La mia deriva è passante sull'ordinata, per cui cè lo sbatto in più di dover tagliare anche quella ma sull' Easy Footy III (vedi link di cui sopra) è stata semplificata lasciandola poggiante sulla stessa. Il montaggio dovrebbe risultare molto più semplice.

Isolamento scafo:



Qui si usa la PU monocomponente: Bisogna spalamarla dappertutto sulle giunzioni lasciarla riposare tranquilla per un po, lei si insinua in tutti i pertugi che trova, fa un po di schiumetta quando è bella solida, aiutatevi con un coltello o similare per spalmarla bene su tutti gli angoli interni della barca e anche per isolare la poppa dalla prua. Questo consentirà in caso di buchi accidentali di permettere alla vostra footy di galleggiare non affondando immediatamente.

Montaggio strallo di poppa (vabbè ci siamo capiti):



Il filo è un banalissimo filo con cui stringete e cucinate l'arrosto ( non lo so in realtà ma è cmq comunissimo filo) la parte bella è come viene realizzata la regolazione dello strallo stesso (consente 'tirando' il buttafuori e avvicinandolo verso il boma di spanciare o intesire la vela a seconda del vento presente). Scusate questo continuo stupore ma sono come un bambino di 2 anni davanti ad un laser la prima volta tipo.

Dunque prendete una vecchia carta tipo bancomat (o usate la carta di credito funzionante di qualcuno che vi sta sul cu** lol) e ritagliatene un pezzettino di circa 3mm x 6mm (indicativo vado a memoria controllate sul 3d di Claudio) smussatelo un po sugli angoli se vi pare e praticate 3 foretti piccini (ci deve passare giusto il filo - io ho usato la punta buca-scocca auto ed è andata benissimo) equidistanti. A questo punto dopo aver fissato bene il capo di filo attaccandolo al buttafuori fate passare il filo nel primo buco in alto del vs regolatore appena fatto e (dall'altro lato ovvio a fare una esse) nel buco centrale... fatto questo date prima un giro del filo che penzola libero al boma per prendere le misure di massima e ripassate il filo nell'ultimo buco in basso questa volta facendo un nodo in modo che non possa più uscire. Et voilà avete una regolazione di lunghezza in miniatura fatta con materiali di recupero ed anche caruccia da vedere. Difficile vero? (cit. Vigadiana)

Stuccatura bulbo/i:



Qui vi rimando al 3D dove Claudio (spero di non ricordare male) da le indicazioni per come produrli, in sostanza una colata di piombo in due stampi che poi vanno incollati, stuccati (con stucco x metalli) e rifiniti ed infine il bulbo va bucato..

[continua...]
__________________
WWW.FOOTY-ITALIA.IT - Il sito italiano per le footy RC!

Ultima modifica di claudio v : 24 febbraio 13 alle ore 18:16 Motivo: corretto errore
SeanTiago non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 25 febbraio 13, 14:16   #4 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di SeanTiago
 
Data registr.: 08-10-2012
Residenza: Torino
Messaggi: 420
Metà febbraio - Prove di galleggiamento.



Preparazione e montaggio dei due servetti (circa 25 neuri) quello più grosso delle vele non aveva una seconda rotella più piccola (spesso presente) andando a toccare al pelo il braccetto del servo del timone. Andrà smussata la rotellona del servo delle vele, e utilizzando dei pezzetti in legno da adattare, incollati tra il depron e le alette di serraggio del servo stesso, si potranno poi fissare in solido con il tappo di coperta che chiude diciamo il pozzetto.





Test dei servetti. Funzionano ... fiuuuu...



Il bulbo... dopo lo stuccaggio va limato bene bene possibilmente sotto l'acqua con un tampone cartavetrato stondato. Dopo di che si può passare prima al collaudo in acqua agganciando con scotch all'altezza giusta il bulbo alla deriva, attenzionare la linea di galleggiamento che dev'essere quanto più vicina al disegno, ed infine si può bucare (molto ma molto con delicatitudine) il bulbo per incollarlo in ultimo sulla deriva stessa con della resina e del tutto ad occhio. -.-







__________________
WWW.FOOTY-ITALIA.IT - Il sito italiano per le footy RC!
SeanTiago non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 26 febbraio 13, 10:38   #5 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di SeanTiago
 
Data registr.: 08-10-2012
Residenza: Torino
Messaggi: 420
Metà Febbraio - Assegnazione Numero Velico

Se vi interesserà regatare potete richiedere un numero velico univoco al sito Footy.it | Sito della classe Footy
C'è un form semplice da compilare e di li a breve (a me è arrivato in 48h circa ma potreste dover aspettare di più) vi verrà assegnato un numero velico (numero + 3 lettere x lo stato), che resterà poi vostro per eventuali regate.





Per disegnare la vela col suddetto utilizzate il tratto marker. Se è trasparente (la vela) potete sovrapporre la stessa alla stampa di numeri e simbolo (ricordate che il piedino - possibilmente più piccolo di quel che ho fatto io - va messo in cima alla vela), diversamente ritagliate numeri lettere e simbolo e tracciate i contorni da sopra.
__________________
WWW.FOOTY-ITALIA.IT - Il sito italiano per le footy RC!
SeanTiago non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 26 febbraio 13, 17:56   #6 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di eupon
 
Data registr.: 07-04-2010
Residenza: Roma
Messaggi: 949
lo so che ci arriverai dopo, ma potresti illustrarmi come hai fatto a mettere il rivestimento in pvc, soprattutto avendo stondato i bordi?
__________________
ciao, Eugenio
www.ac100.eu
eupon non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 26 febbraio 13, 18:53   #7 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di SeanTiago
 
Data registr.: 08-10-2012
Residenza: Torino
Messaggi: 420
Citazione:
Originalmente inviato da eupon Visualizza messaggio
lo so che ci arriverai dopo, ma potresti illustrarmi come hai fatto a mettere il rivestimento in pvc, soprattutto avendo stondato i bordi?
foto-step non ne ho, ma posso provare a spiegartelo:

Per le fiancate: ritagli 1 pezzo di pvc ricavandolo dalla dima aumentata di circa 1 cm per bordo, sfogli la protezione a prua di qualche cm e la ripieghi bene sotto in modo che non dia fastidio, poi sistemi il pvc per 'centrarlo' sulla fiancata, fissi con una mano e con l'altra attacchi il pezzo di pvc con la colla a cui hai tolto la protezione poco prima.
Ora hai fissato la prua diciamo e non ti resta che venire giù a poppa massaggiando e spingendo il pvc mentre lo svolgi dalla carta protettiva per evitare al massimo bolle e affini. Quando hai steso tutto ti resta il circa 1 cm da ripiegare bene, la parte più difficile.

In questa foto vedi a dx come ha fatto Claudio e a sx come ho fatto io con le evidenti differenze :



Per ottenere zero pieghe bisogna prima massaggiare il cm che avanza da dove è già attaccato verso l'inizio della raggiatura seguendo l'angolo che fa lo scafo tra fiancata e coperta, per chiuderlo poi (sulla coperta e sul fondo) con la dovuta calma ma spingendo bene con dito, bisogna, scaldare con un fon senza esagerare ma in modo da ammorbidirlo il pezzo che esce e non è ancora attaccato e RIGOROSAMENTE PARTENDO DAL CENTRO DELLA FIANCATA (circa baglio massimo) massaggiare stendendo il pvc verso l'esterno a poppa e della prua (da centro a poppa e da centro a prua) attenzionando le ondine che inevitabilmente farà. Quelle piano piano le si appiattisce sempre col dito spingendo sempre da centro verso esterno.

Se usi l'alluminio adesivo il processo è simile ma NON va scaldato per nessun motivo e puoi aiutarti a schiacciare le increspature con un legnetto poco più grosso di una matita e quadrato per dire, l'alluminio ha il pregio di appiattirsi meglio del pvc quando ti trovi le inevitabili increspature.

__________________
WWW.FOOTY-ITALIA.IT - Il sito italiano per le footy RC!
SeanTiago non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 26 febbraio 13, 19:28   #8 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di eupon
 
Data registr.: 07-04-2010
Residenza: Roma
Messaggi: 949
scusami non credo di aver capito per la prua...cosa intendi per sfogliare?
__________________
ciao, Eugenio
www.ac100.eu
eupon non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 26 febbraio 13, 19:46   #9 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di SeanTiago
 
Data registr.: 08-10-2012
Residenza: Torino
Messaggi: 420
Gli angoli che restano a prua e a poppa, dopo aver fatto aderire bene sulla coperta e sul fondo li puoi tagliare con una forbice per sovrapporli e tirarne via un po per invitare meglio e togliere il sovrappiù.

Il rivestimento della seconda fiancata io l'ho fatta più corta sia a prua che a poppa per evitare almeno in quel caso un'ulteriore sovrapposizione mentre sulla coperta e sul fondo devi ripetere l'operazione di cui al post precedente per avere bordi simmetrici.

Per il fondo ho trovato conveniente, dopo aver ritagliato la dima, dividerlo in due pezzi e attaccarli separatamente facendo l'invito sulla deriva (tagli una rientranza larga quanto la deriva e profonda pochi mm) in modo che poi quando li sovrapponi chiudi il tutto con una sola linea longitudinale, io l'ho coperta con una strisciolina nera ma sul fondo si vede ben poco.

Per la coperta invece ho tagliato il pvc dalla dima e ho segnato i punti da forare posizionandola sopra e schiacciando col dito in modo da lasciare l'orma dei due buchetti per l'albero e per il pezzo di deriva che esce. Quelli vanno tagliati (un colpo di cutter che va da buco e buco e due colpetti a fare 2 x in concomitanza con le ormette). Poi speli la prua dalla carta protettiva centri il tutto e inizi ad incollare da li massaggiando mentre sfili la protettiva.

Il bulbo è no sclero da uscirci matti. Consiglio l'alluminio adesivo... quello mal che vada lo schiacci ben bene anche se sarriccia.

La cosa che resta fondamentale comunque è che per piegare le eccedenze senza arricciare, dopo aver posato bene la parte piatta s'intende, massaggi dal centro verso gli esterni e mai viceversa (che arriccia in un'attimo e fai la schifezza di cui sopra) piano piano ma inesorabilmente (togli la cera metti la cera ).
__________________
WWW.FOOTY-ITALIA.IT - Il sito italiano per le footy RC!
SeanTiago non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 26 febbraio 13, 19:47   #10 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di SeanTiago
 
Data registr.: 08-10-2012
Residenza: Torino
Messaggi: 420
Citazione:
Originalmente inviato da eupon Visualizza messaggio
scusami non credo di aver capito per la prua...cosa intendi per sfogliare?
si detto così un si capisce ...

intendevo togli la protezione dal ritaglio di pvc partendo dalla parte di prua.

__________________
WWW.FOOTY-ITALIA.IT - Il sito italiano per le footy RC!
SeanTiago non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Easy Footy in depron claudio v Navimodellismo a Vela 867 07 maggio 22 14:52
Prossima regata Footy ad Avigliana l'11 settembre e Urca footy 2 claudio v Navimodellismo a Vela 45 30 settembre 11 23:35
battaglie navali frene Navimodellismo Riproduzioni 8 21 dicembre 10 19:44
E'morta la Footy evviva la Footy!!! sprint Navimodellismo a Vela 5 25 settembre 10 20:05



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 09:34.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002