BaroneRosso.it - Forum Modellismo

BaroneRosso.it - Forum Modellismo (https://www.baronerosso.it/forum/)
-   L'uovo di Colombo (https://www.baronerosso.it/forum/luovo-di-colombo/)
-   -   Alcune note sulle candele glow. (https://www.baronerosso.it/forum/luovo-di-colombo/9188-alcune-note-sulle-candele-glow.html)

fai4602 14 giugno 05 18:33

Prima di tutto è doverosa una precisazione, cioè cosa si intende per candela calda o candela fredda.
Viene definita candela calda quella candela che meno smaltisce il calore dei gas combusti, mentre candela fredda è la candela che più smaltisce il calore dei gas combusti.
La gradazione indicativamente corrisponde al grado termico della candela e pertanto alla minore o maggiore capacità di smaltimento del calore prodotto dalla combustione.
Una candela più è calda e più anticipa il processo di combustione mentre più è fredda e più ritarda tale processo.
E qui casca l’asino.
Nel senso che il processo di combustione è più o meno favorito da altre condizioni quali il rapporto di compressione ( e pertanto l’ “anticipo”) del motore, infatti comprimendo di più il motore si riduce il volume della camera e conseguentemente, velocizzando la propagazione della fiamma, si riduce la durata della combustione; la composizione della miscela, aumentando la percentuale di nitro si accelera il processo di combustione.
Alla fine, se non si vogliono fare esperimenti magari deleteri con il nostro motore, abbiamo sotto gli
occhi alcuni aspetti fondamentali.
L’aggiunta di nitro alla miscela comporta la necessità di utilizzare candele fredde, o più fredde, per evitare una accensione anticipata e la bruciatura della candela.
Se aumentiamo in maniera eccessiva la quantità di nitro l’accensione troppo anticipata della miscela potrà comportare un danno lieve, cioè la bruciatura della candela, o un danno grave come la rottura della biella. Pertanto sarà opportuno ridurre il rapporto di compressione spessorando sottotesta ed aumentando di conseguenza il volume della camera di scoppio cercando di avvicinarsi il più possibile al miglior rapporto di compressione.
Quali sono i parametri che fondamentalmente definiscono il grado termico:
-Lo spessore del filo è il parametro che maggiormente influisce sul grado termico: maggiore è lo spessore è minore è il grado termico, viceversa minore lo spessore e maggiore è il grado termico.
-Analogamente per quanto riguarda la lunghezza del filo.
-Le dimensioni della cava nella quale è inserito il filamento: maggiori sono le sue dimensioni e più grande sarà la quantità della miscela che bagnerà il filamento raffreddandolo.
-Com’è posizionato il filamento all’interno della cava : più è all’interno è minore è il grado termico. Viceversa più è esterno, cioè nella camera di combustione, e più il grado termico aumenta. Il ponticello ( ricordate la Supertigre Oro ?) aumenta il grado termico impedendo alla miscela di entrare nella cava e raffreddare il filamento.
-Il diametro della spiralina normalmente non influisce sul grado termico, come non influisce il materiale con il quale è fatto il filamento: questo è solitamente platino con una certa percentuale di iridio od altri componenti, ma questo influisce più che altro sull’assorbimento di corrente.


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 19:21.

Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002