Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria altre specialità modellistiche. > Ferromodellismo


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 27 novembre 16, 10:37   #21 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 15-05-2006
Residenza: Chiasso - Svizzera
Messaggi: 732
Piccolo aggiornamento: la loco ha ricevuto una bella schedina per natale. Ora non h più problemi, quindi direi risolto anche se, rimango dell'opinione che il problema fosse proprio la schedina elettronica (commutatore).

Grazie comunque a tutti per gli interventi

Daniele
LeLe83 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 28 novembre 16, 11:09   #22 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 22-11-2014
Residenza: Catania
Messaggi: 662
Bene!!! Si è pure imparato qualcosa!!!!!
Ciao!!!!
Bayard non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 28 novembre 16, 15:12   #23 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 15-05-2006
Residenza: Chiasso - Svizzera
Messaggi: 732
Diciamo che é un mezzo risultato, ossia ho messo una scheda digitale e relativo nuovo statore (kit 60670). Quindi ancora non ho la certezza che il problema fosse la schedina, perché ho cambiato lo statore del motore. Però ritengo che sia la stessa responsabile al 99% perché come detto ad inizio post, lo statore era stato appena sostituito.

Pazienza, rimane un po' di mistero ;)

Daniele
LeLe83 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 20 dicembre 21, 08:59   #24 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 20-12-2021
Residenza: rieti
Messaggi: 4
3319... è come la mia??

Buongiorno a tutti! Cercando sulla Rete mi sono imbattuto per caso in questo post!! Poiche'.. io una 3319 che ha esattamente lo stesso problema!!!
Aprendola ho trovato lo statore pasticciato da brutte saldature, ma il venditore gentilissimo mi ha subito fornito uno statore nuovo, gratuitamente. In tale occasione ho smontato e rimontato il motore, tutto è in ottimo stato, direi praticamente come nuova. MA.. il problema è esattamente lo stesso.. dopo un po' la loco va in "sforzo" con un rumore strano e velocità ridotta. La prova successiva sarà alimentarla direttamente escludendo la schedina di inversione elettronica!!!
Non credo sia la stessa loco, quindi potrebbe essere un difetto "comune"...
A presto!
ftigli non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 21 dicembre 21, 04:50   #25 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di giocavik
 
Data registr.: 14-02-2006
Residenza: provincia VT
Messaggi: 2.977
I sintomi sono caratteristici della saldatura fredda/andata...ovvero soprattutto su roba elettronica dove girano frequenze alternate, alcune zone sottoposte a carico sono soggette a cedimenti dell'integrita' della saldatura.La schedina andrebbe esaminata minuziosamente per poi ripassare e/o irrobustire a stagno le zone sospette.
Alternativa puo' essere qche condensatore che non condensa piu'..tanto bene..
Prima di tutto sarebbe opportuno inserire foto, non pesanti, della scheda o di qualunque cosa induca sospetti.
Per lo statore pastcciato, se lo avevi fotografato, si potrebbe dare un'occhiata anche a quello...
giocavik non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 27 dicembre 21, 09:34   #26 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 20-12-2021
Residenza: rieti
Messaggi: 4
Grazie!!

Grazie per i suggerimenti! Da una prima ispezione la schedina sembrava in buone condizioni, forse un condensatore "sfondato" potrebbe essere... devo fare la prova a alimentare direttamente il motore, cosi' da escludere problemi a questa parte. Intanto in allegato la foto dello statore che ho dovuto sostituire (il nuovo me lo ha inviato il venditore)
se il motore è ok, credo convenga digitalizzarla piuttosto che sostituire la scheda di inversione ...
Saluti!
Icone allegate
richiesta consiglio per Locomotiva Märklin 3319-img_20210301_105130.jpg  
ftigli non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 28 dicembre 21, 05:15   #27 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di giocavik
 
Data registr.: 14-02-2006
Residenza: provincia VT
Messaggi: 2.977
..Dunque..a guardare la foto, ci si rende conto che quei motori sono di una tecnologia (..e raffinatezza..) superiore...(..indicazione ulteriore la fornirebbe la dimensione del traferro..ma, per ora, lasciamo stare..)
E' vivamente sconsigliato cercare di farli funzionare con metodi diversi da quelli previsti dal costruttore...
La modalita' di funzionamento e' insito nella scheda elettronica e bisogna esaminarla attentamente per cercare di valutare la cosa, per cui sarebbe opportuno postarne foto.
Con l'elettronica moderna, potrebbe risultare non comprensibile, per cui forse bisognera' ricorrere alla storia di come andavano i modelli precedenti all'elettronica moderna...oppure a forum e blog al riguardo di quei motori/marca, per cercare di ricavarne conoscenza/informazioni.
Per inquadrare la questione sarebbe opportuno approfondire letture riguardo i 'motori elettrici in corrente continua eccitazione serie' e 'motori elettrici in corrente continua eccitazione mista' e 'motori elettrici in corrente continua eccitazione derivazione'

(..quello in questione potrebbe essere ad eccitazione mista..ma chi lo sa..?..)
giocavik non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 28 dicembre 21, 23:38   #28 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 22-11-2014
Residenza: Catania
Messaggi: 662
Attenzione io sono un ignorante in materia. Ne approfitto per capire di più questi motori. Non sono a magnete permanente ma hanno uno statore. E' possibile mettere il controllo digitale (quello dei motori in continua a magnete permanente) solo al rotore e lasciare lo statore ad alimentazione fissa?
Grazie a tutti!!
Bayard non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 29 dicembre 21, 07:38   #29 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di giocavik
 
Data registr.: 14-02-2006
Residenza: provincia VT
Messaggi: 2.977
Si...ma in primis va distinto il controllo elettronico digitale del plastico da quello inerente il motore della locomotiva...che dovrebbero essere due cose ben distinte, ed eventualmente compatibili tra loro..
Inoltre per alimentare costantemente lo statore bisognerebbe trovare la tensione/corrente massima che si puo' fornirgli con continuita', senza che ne risenta per il riscaldamento dell'indotto, cosa non scontata.
(..se si e' fortunati, potrebbe essere quella di alimentazione dai binari..ma non e' detto..)
Nell'ottica di eventuali modifiche, una volta appurato che il gruppo collettore/spazzole lo renda possibile, sarebbe molto piu' facile apporvi dei magneti permanenti al neodimio e rendere il motore a magneti permanenti.
Con la grande potenza dei magneti attuali, di sicuro si manda il circuito magnetico dello statore in saturazione, (..viste le dimensioni minimali dello statore in ferro..) e quindi lo si farebbe funzionare con caratteristiche ben superiori di quelle che il costruttore avrebbe mai potuto sognare...
Il modo/punto piu' semplice sarebbe di disporre la coppia di magneti all'esterno dei due lati dove in mezzo vi si inserisce il rotore.
Ce ne sono alcuni a barretta, che potrebbero avere lo stesso spessore del pacco di lamelle di ferro, oppure se il montaggio/incassamento del motore nella locomotiva, non dovesse dare problemi per motivi di spazio, anche uno a disco/bottone per ogni lato dovrebbe andar bene (..ultimamente ne ho visti in vendita nei negozi cinesi piu' comuni a prezzi irrisori, tipo 10 magneti a disco da 10mmx1 di spessore ad 1 euro...)
Ci sono osservazioni di cui tener conto...
-I magneti permanenti andrebbero montati coi poli che vanno a toccare il ferro, che siano opposti (..cioe' si devono attirare tra loro..) e la loro disposizione influisce sul senso di rotazione, quindi, prima di un eventuale incollaggio piu' solido, bisogna appurare che la rotazione sia nel verso desiderato..
-E' molto probabile, che, aumentando l'induzione magnetica che investe il rotore,
a parita' di tensione di alimentazione, il numero di giri risulti minore rispetto a come era in origine, risultando in una minore velocita' della locomotiva...(..e la coppia del motore dovrebbe risultare molto maggiore...)
..In tal caso bisognerebbe fare delle prove per ridurre eventualmente la forza magnetica
(..spezzando i magneti..oppure montandone di piu' piccoli, oppure distanziarli dal ferro spessorando con plastica/legno/cartone/sughero...)..oppure modificando il rapporto di trasmissione degli ingranaggi...
..Insomma ce n'e' per non annoiarsi durante i giorni di festa...

Ultima modifica di giocavik : 29 dicembre 21 alle ore 07:47
giocavik non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 29 dicembre 21, 17:08   #30 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 22-11-2014
Residenza: Catania
Messaggi: 662
Un pensiero! Prelevo l'alimentazione dello statore dai binari (nel sistema digitale è un'onda quadra bidirezionale (alternata) a 16 volt mi pare), e metto nella macchina ponte diodi, filtro livellatore e stabilizzatore!
Se è una boiata, vagliare accettare le mie scuse!!!!
Bayard non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Richiesta consiglio Luca119 Categoria F3K 7 21 marzo 16 10:27
Richiesta consiglio Luca119 Categoria F3K 13 10 novembre 14 14:26
Richiesta consiglio dedox1 Aeromodellismo Volo 3D 14 30 settembre 13 08:24
Richiesta consiglio unzinside Radiocomandi 4 05 marzo 12 14:54
Richiesta consiglio CoRmA Aeromodellismo Volo Elettrico 3 22 febbraio 06 21:04



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 19:39.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002