Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Aeromodellismo > Aeromodellismo Volo a Scoppio


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 26 giugno 11, 23:14   #811 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di andykaw1
 
Data registr.: 29-07-2005
Residenza: In cima alle Alpi
Messaggi: 1.205
Le flange?

Citazione:
Originalmente inviato da imer.VB Visualizza messaggio
Io direi arduino e un bel display , se vuoi si può montare un connettore per delle memorie SD cosi ti rimangono memorizzate le misure.

Con arduino si può comunicare anche via USB ma preferisco usare una semplice SD e salvarci i dati , conoscendomi scaricati nel PC per mè è molto semplice perderli.




Questo è quello che ho fatto fino ad ora , praticamente legge la posizione del gas in % , giri , tensione e corrente , poi ho già guardato per la cella di carico , ma per il momento sono decisamente arenato.

Adesso non conosco le dimensioni del tuo banco , ma se ti serve un freno ad acqua ho un amico che ne fabbrica di piccoli , li usa per verificare le marmitte che costruisce per i motori zenoha 25 c.c.

Mi permetto di farti una domanda , La flangia per la misura della portata come hai fatto per la taratura ?


CIao IMer
I dischi calibrati li ho molto semplicemente comprati.
Sono confrontati e tarati uno ad uno con una flangia master, di riferimento, che è flussata con un flussometro del tipo venturi (flusso laminare), di una nota casa automobilistica, da persona di fiducia.
Facendo le prove con quella da 200 CFM (ad esempio) mi fornisce 199,7-199,6 CFM a 28" H2O di pressione ....direi che mi posso fidare.
Il mio banco tira fino 20" H2O, anche qualcosa di più ma è sempre relativo alla parte sulla quale si lavora.


Per il freno: io in futuro, lo vorrei realizzare a correnti parassite, ne ho avuto uno idraulico, della Stuska (USA) da 90 HP, ma anni fa l'ho barattato con 3 scooter....
Andava molto bene, ma ormai è acqua passata.

Io ancora non mi sono imbarcato con Arduino, e magari per l'uso al flussometro per le temperature potrebbe venire buono.... tu hai già fatto prove utilizzando gli LM35 e Arduino?

saluti,
Andrea
__________________
Jamara LX One S.E. powered SH Engine, ported by MaGu LRP S8BX Team Edition, powered by MaGu Engine E gli altri stanno a guardare....
andykaw1 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 27 giugno 11, 09:51   #812 (permalink)  Top
lucareds7
Guest
 
Messaggi: n/a
Citazione:
Originalmente inviato da FAI6710 Visualizza messaggio
Per la lettura delle temperature vi consiglio questo "attrezzo".....

TC-08 Thermocouple Data Logger - the inexpensive way to measure temperature

si collega ad un computer e vi da 8 canali con grafici ed altro...........
Io, per lavoro, lo uso con le K .......le PT100 sono troppo lente.
I terminali delle K è sufficiente attorcigliarli alle estremità senza necessità di saldature...........
Il controllo delle letture si può farlo immergendo le etremità in acqua in continua ebollizione ed inserire i correttivi per leggere i 100°C

Buon lavoro............
Alla faccia dell'inexpensive... 250 GBP + spedizione! poi le termocoppie - come detto in precedenza - a temperatura relativamente bassa non sono il top (sempre che ti riferissi alle necessità di Andykaw di misurare le temperature dell'aria)

Gli LM35 costano 50 cent, Arduino una trentina compresa la spedizione... aggiungi una piastra millefori od una breadboard e siamo comunque sotto i 40 neuri! il problema è che non ne leggi più di 6, a meno di non passare a convertitori A/D per sfruttare gli ingressi digitali

poi se uno ha un buon multimetro digitale (ottimi i Fluke, Andykaw hai il palato fino!) o un millivoltmetro e una breadboard si può rinunciare ad Arduino, la noia è che rilevi una temperatura alla volta!

Per quello che riguarda l'aspetto pratico, l'LM35 ha una risoluzione di 10 mV /°C per cui a T ambiente eroga 0,25V. Arduino legge l'analogico discretizzandolo in 10 bit, per cui 5/1024 sono circa 0,005 V di risoluzione.

Il codice per la lettura della temperatura è temperature = (5.0 * val * 100.0)/1024.0;

In soldoni, la risoluzione massima che riesco a leggere con Arduino è di 0,5 °C... a meno di non utilizzare un amplificatore di segnale, tipo un operazionale INA125 o LM358, ma la faccenda si complica e i costi salgono (l'INA125 dovrebbe costare 6-7 euro, l'LM358 molto meno, tipicamente 1-2 euro
Rimane l'indubbio vantaggio di acquisire più segnali SIMULTANEAMENTE e con il datalogging in tempo reale, mentre con un multimetro si è comunque legati alla cara, vecchia, analogica carta e penna! a meno che non abbiate un multimetro con connessione al PC...

datasheet dell'LM35 http://cache.national.com/ds/LM/LM35.pdf
  Rispondi citando
Vecchio 27 giugno 11, 11:46   #813 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di nikarlo
 
Data registr.: 26-07-2006
Residenza: Lanciano (ch)
Messaggi: 352
Citazione:
Originalmente inviato da lucareds7 Visualizza messaggio
Alla faccia dell'inexpensive... 250 GBP + spedizione! poi le termocoppie - come detto in precedenza - a temperatura relativamente bassa non sono il top (sempre che ti riferissi alle necessità di Andykaw di misurare le temperature dell'aria)

Gli LM35 costano 50 cent, Arduino una trentina compresa la spedizione... aggiungi una piastra millefori od una breadboard e siamo comunque sotto i 40 neuri! il problema è che non ne leggi più di 6, a meno di non passare a convertitori A/D per sfruttare gli ingressi digitali

Secondo me in quello scatolotto (e in molti altri è così) c'è un arduino...

Comunque ci sono anche le schede di espansione:
Arduino Emartee Mega Sensor Shield V1.0 - emartee.com


Analog Input Arduino Shield: 48 analog inputs for Arduino

nikarlo è collegato   Rispondi citando
Vecchio 27 giugno 11, 12:03   #814 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 17-03-2010
Residenza: Verbania
Messaggi: 330
L'arduino puoi spostare la tensione di riferimento da 5 V a 1.1V tanto se misura le temperature del venturi non credo che superino i 100 gradi e di consegnuenza la definizione la migliori di 5 volte circa.
Per glli ingressi analogici o li multiplexi o passi al mega che non costa molto di piu.

Ciao IMer
imer.VB non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 27 giugno 11, 12:04   #815 (permalink)  Top
lucareds7
Guest
 
Messaggi: n/a
Citazione:
Originalmente inviato da nikarlo Visualizza messaggio
Secondo me in quello scatolotto (e in molti altri è così) c'è un arduino...

Comunque ci sono anche le schede di espansione:
Arduino Emartee Mega Sensor Shield V1.0 - emartee.com


Analog Input Arduino Shield: 48 analog inputs for Arduino

Grazie Carlo! non avevo visto che c'era la possibilità di espandere gli ingressi...

Posto un'immagine del lavoro (concettuale) del weekend. Non ricordo chi è che fa i supporti in miniatura, i Koyo UCP 201 sono decisamente troppo grandi! Quelli nell'immagine sono circa in scala 1:2 rispetto ai suddetti, e sono comunque grandi!

Sul telaio c'è un Fora 2001, avevo anche il modello 3D di un PAW .15 TBR ma non volevo far infuriare Milan...

Ultima modifica di lucareds7 : 03 dicembre 12 alle ore 15:29
  Rispondi citando
Vecchio 30 giugno 11, 23:54   #816 (permalink)  Top
lucareds7
Guest
 
Messaggi: n/a
Acquisizione dati da seriale in excel

Senza disturbare nessuno, googolando in qua e in là...

PLX-DAQ Data Acquisition tool

con questo software gratuito si trasforma il flusso di dati seriali in un flusso dati di excel. Per fortuna Arduino sfrutta la porta USB come COM (sul mio PC COM18, ma non credo l'indirizzo sia fisso)

Ieri sera ho approfittato dell'assenza della moglie per sviluppare la parte hardware e software del contagiri mediante led UV e fototransistor, chi aveva scritto il tutorial aveva cannato completamente le connessioni del fototransistor!

Per chi ci stesse provando, l'anodo del fototransistor (il positivo, il reoforo lungo) va collegato ai +5V, al catodo (negativo, reoforo corto) si collega una resistenza da 220 ohm e con questa si entra nel pin analogico desiderato. Parlo di anodo e catodo anche se sarebbe più corretto parlare di base, emettitore e collettore, ma esteticamente somiglia talmente tanto ad un LED... se mi sente un elettronico mi spara su un piede o quattro spanne più in sù
  Rispondi citando
Vecchio 03 luglio 11, 18:57   #817 (permalink)  Top
lucareds7
Guest
 
Messaggi: n/a
Citazione:
Originalmente inviato da imer.VB Visualizza messaggio
Io avevo fatto un banco di circa 100.000 microfarad , ma le variabili in gioco sono 2 tensione e capacita , quindi devi fare qualche tentativo per trovare la tensione e la capacita corretta.
Quando usavo questo banco , potevo inserire a piacimento le capacita come potevo variare la tensione di carica , ora sarà 4/5 anni che non lo uso e non ricordo più il valore corretto.

Di sicuro se becchi i parametri corretti la fusione è tale che si forma una pallina , se la temperatura è bassa come tiri si staccano , quindi è abbastanza facile capire se il lavoro è corretto.



Per misure di temperature ambiente io uso LM35 costa veramente poco puoi leggere la temperatura direttamente con un millivotmetro , se hai un FLuke sei a posto , sono 10 mV/grado.
L'unico problema se allunghi troppo i cavi di connessione perchè oscilla ma con un condensatore risolvi il problema.
Qui forse è dove li paghi più cari:
| Semiconduttori | Sensori e trasduttori | Sensori di temperatura | Sensori di temperatura |LM35DZ/NOPB

Se cerchi il datasheet vedrai che è specificato il valore del condensatore da usare e come collegarlo.

Ciao IMer
Allora, ho fatto alcune ricerche sulle saldatrici per termocoppie. I valori più accreditati di energia di scarica sono tra i 50 e i 250J (vedi DCC Corp. - HotSpot I & II Thermocouple Welders - Compare Items - occhio che le unità di misura le hanno cannate alla grande! misurano l'energia in Watt! I watt sono potenza, ossia energia/tempo, ossia J/s)

Supponiamo per comodità un valore medio di 100 J e una tensione di alimentazione di 24V DC (tensione industriale di sicurezza). L'energia immagazzinata da un condensatore è E=1/2CV², da cui la formula inversa C=2E/V² = 2*100/24² = 350 mF, che è circa 4 volte la capacità del banco di IMer (ed i conti tornano, lui lavora a tensione circa doppia che per il rapporto elevato al quadrato dà appunto quattro).

Nei negozi di Hi-Fi e autoricambi si trovano condensatori da 500 mF 24V che sembrano fatti proprio per questo scopo... prezzi a partire dai 25-30 euro, tipo questo CONDENSATORE supercap - 0.5 FARAD - 15% | eBay

L'unico dubbio che ho è a proposito della scarica diretta senza resistenza intermedia, la corrente raggiunge valori elevatissimi e si rischia la perforazione del dielettrico. Qui sevirebbe il parere di un esperto per capire se ci sia o meno la possibilità che si verifichi questa evenienza!

Ultima modifica di lucareds7 : 03 luglio 11 alle ore 19:03
  Rispondi citando
Vecchio 06 luglio 11, 19:57   #818 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di pieromuzio
 
Data registr.: 14-06-2011
Residenza: milano
Messaggi: 958
La sala giochi di ANDYKAW 1

Ma dove diavolo l'hai piazzata questa bella "sala giochi"?

Proprio in cima alle Alpi ? mi piace vedere e toccare con mano ! Per questo non amo l'elettronica che sfugge sempre....... non si sa dove.

Ho cercato il costruttore del banco inerziale. Abbi pazienza, prima o dopo lo trovo e ti farò sapere. La mia mail è pieromuzio@alice.it

Saluti Piero
pieromuzio è collegato   Rispondi citando
Vecchio 06 luglio 11, 21:20   #819 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di pellikano
 
Data registr.: 22-03-2008
Residenza: Foligno
Messaggi: 3.005
Perché non sto capendo un'acca di quello che dite?
__________________
...quello che noi chiamiamo "passione" altri dicono "mania". Dev'essere un bacillo veramente resistente che quando entra nel sangue non molla più. (Ninetto Ridenti) Arch. Cristiano Giustozzi FAI 10694. Tel. 393 9772747
pellikano non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 06 luglio 11, 21:26   #820 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di pieromuzio
 
Data registr.: 14-06-2011
Residenza: milano
Messaggi: 958
Citazione:
Originalmente inviato da dooling Visualizza messaggio
Se può esservi utile:





Questo a seguire è di un genio che si chiama Peppe Tortora:






Dooling,
il banco mi pare quello con il motore di Tortora che aveva Alberto Dall'Oglio a Modena, perlomeno quello che si vede collegato al banco del 4 cilindri, però io non riesco a vedere nulla nelle immagini che non si ingrandiscono. Anche gli album di foto-motori si fa fatica a vederli.
Parlavo di te con Giorgio Fabbri domenica alla gara di GIP46 e G20 a Lugo di Romagna chiedendo se i tuoi motori sono visibili o li tieni in un bunker nelle colline Liguri !

Circa il motto come velocista U.C. o V.V.C. (ed anche amante dei Dooling) correggo:

VOLA ALTO ( ma non troppo ! )
Comunque non sopra i 3 metri ( ma una volta Porcu a Milano Ambrosiane '64 o '65 mi squalificò perchè feci tutti i giri della base e non , oltre 20 giri , sotto il fatidico 1mt , circa 0,75 cm in verità ! La cosa fu una sorpresa perchè nessuno si ricordava questa regola quando annunciò "base compiuta ! velocità - zero - , volo fuori quota "
PICCHIA ASSAI (totalmente negativo !) ci pensano loro i modelli a scendere sempre troppo o troppo velocemente.....
E GIAMMAI TI PENTIRAI ..... quanti pentimenti invece, se avessi fatto o non avessi fatto ecc. ecc.
Comunque i pochi motori dei quali sono riuscito a vedere le foto sono molto belli !
Saluti

Piero Muzio
pieromuzio è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
motori scoppio zianicasia Modellismo 2 06 febbraio 08 23:18
motori a scoppio moffetta Aeromodellismo Volo a Scoppio 3 18 luglio 07 19:14
motori a scoppio ratto Aeromodellismo 6 25 gennaio 07 22:24
ELABORIAMO l easy glider I parte nathan Aeromodellismo Volo Elettrico 0 07 luglio 06 22:24
Motori a scoppio vmax Aeromodellismo Progettazione e Costruzione 4 30 marzo 05 21:58



Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 14:23.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002