Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Aeromodellismo > Aeromodellismo Progettazione e Costruzione


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 23 ottobre 22, 20:13   #151 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Personal Jesus
 
Data registr.: 21-05-2009
Messaggi: 2.767
Citazione:
Originalmente inviato da quenda Visualizza messaggio
A volte ho l'impressione che gli Amici che danno suggerimenti (e che ringrazio in ogni modo), non leggano i vari "post" e non guardino nemmeno foto e video.

Ribadisco quindi che:
1) con 4 ruote il modello non riesce a decollare perchè non riesce ad andare dritto.

2) il modello è già notevolmente sottopotenziato e aggiungere RUOTE E GALLEGGIANTI vorrebbe dire aumentare ancora il peso che è già troppo alto.
Bisogna TOGLIERE.......non AGGIUNGERE!

3) Per quanto scritto al punto 2 il modello non ha la potenza necessaria per decollare dall'acqua e perciò è inutile aggiungere i galleggianti per volare solo su terra.....

4) Impossibile installare delle ruote in 2 galleggianti vuoti in modo che non entri acqua attraverso le inevitabili fessure.

Riassumendo voglio dire che questo Scarpone Volante è un modello che farei meglio a portare in cantina (o alla discarica)......ma per il famigerato "Effetto Geppetto", mi sono affezionato e continuo a lavorarci sopra.

ettore
Allora ha ragione il capo: segaci quello che spunta verso il basso degli attacchi degli scarponi/attacco ruote, attaccalo ad una fionda e sparalo in cielo così: se la ventola è sufficiente per tenerlo in aria bene, se no poi cerchi di planare dove puoi e poi lo zippo può essere sempre a portata di mano.
Personal Jesus non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 24 ottobre 22, 23:50   #152 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di double68
 
Data registr.: 27-05-2009
Residenza: Piacenza
Messaggi: 461
Ettore rimane scettico, ma io sono convinto che con due ruote e un carrellino o una semplice flangia posteriore anche il buon Flying Boot possa spiccare il suo volo.
A mio giudizio la potenza per un decollo da terra sembra non mancare.
Ovviamente tutto, tempo permettendo visto che il nostro Quenda è ultimamente molto impegnato.

Corrado
double68 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 25 ottobre 22, 01:54   #153 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Trinacria
 
Data registr.: 06-02-2013
Messaggi: 3.500
Citazione:
Originalmente inviato da double68 Visualizza messaggio
Ettore rimane scettico, ma io sono convinto che con due ruote e un carrellino o una semplice flangia posteriore anche il buon Flying Boot possa spiccare il suo volo.
A mio giudizio la potenza per un decollo da terra sembra non mancare.
Ovviamente tutto, tempo permettendo visto che il nostro Quenda è ultimamente molto impegnato.

Corrado
Digli di fare altri video del Pogo, un aereo realmente esistito con tanto di video del suo collaudo!!
__________________
Trinacria non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 25 ottobre 22, 10:34   #154 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di quenda
 
Data registr.: 22-05-2006
Residenza: Piacenza
Messaggi: 1.485
Citazione:
Originalmente inviato da Trinacria Visualizza messaggio
Digli di fare altri video del Pogo, un aereo realmente esistito con tanto di video del suo collaudo!!
Mi piacerebbe tantissimo. Il modello è smontato ma in perfette condizioni. Purtroppo riuscire a far coincidere una giornata con vento ZERO e la presenza del pilota Giangi Mazzari è quasi impossibile.
....ma comunque, prima o poi lo riportiamo in volo.

ettore
quenda non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 06 novembre 22, 12:48   #155 (permalink)  Top
Gran Decapo
 
L'avatar di Ehstìkatzi
 
Data registr.: 18-03-2007
Messaggi: 14.258
Girovagando sulla rete mi sono imbattuto in questo.

Ehstìkatzi è collegato   Rispondi citando
Vecchio 06 novembre 22, 14:57   #156 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di quenda
 
Data registr.: 22-05-2006
Residenza: Piacenza
Messaggi: 1.485
Citazione:
Originalmente inviato da Ehstìkatzi Visualizza messaggio
Girovagando sulla rete mi sono imbattuto in questo.

Grazie.
Non conoscevo questo Hydravion Hémiptère (M.123 oppure M.190H…?)
L’idea in effetti ha varii punti in comune con il mio Flying Boot.

Il disegno mostra alcuni particolari interessanti:
- Le due derive all’estremità delle ali.
- Il diedro (che è inusuale nei tuttala).
- L’asse di trazione del motore che pare essere parallelo, o quasi, all’asse dei galleggianti.

A livello progettuale mi pare che i due galleggianti siano molto, troppo, vicini tra loro.

Ho fatto una veloce ricerca con Google ma non vedo foto dell’areo vero; sarà stato costruito? Avrà volato?

ettore
quenda non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 06 novembre 22, 16:15   #157 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Clabe
 
Data registr.: 16-08-2007
Residenza: Perugia
Messaggi: 2.930
Citazione:
Originalmente inviato da quenda Visualizza messaggio
A volte ho l'impressione che gli Amici che danno suggerimenti (e che ringrazio in ogni modo), non leggano i vari "post" e non guardino nemmeno foto e video.

Ribadisco quindi che:
1) con 4 ruote il modello non riesce a decollare perchè non riesce ad andare dritto.

2) il modello è già notevolmente sottopotenziato e aggiungere RUOTE E GALLEGGIANTI vorrebbe dire aumentare ancora il peso che è già troppo alto.
Bisogna TOGLIERE.......non AGGIUNGERE!

3) Per quanto scritto al punto 2 il modello non ha la potenza necessaria per decollare dall'acqua e perciò è inutile aggiungere i galleggianti per volare solo su terra.....

4) Impossibile installare delle ruote in 2 galleggianti vuoti in modo che non entri acqua attraverso le inevitabili fessure.

Riassumendo voglio dire che questo Scarpone Volante è un modello che farei meglio a portare in cantina (o alla discarica)......ma per il famigerato "Effetto Geppetto", mi sono affezionato e continuo a lavorarci sopra.

ettore
Ma visto che lo hai messo, perché non usi il direzionale? In nessun tentativo di decollo hai contrastato con il comando. Premesso che il direzionale li sarebbe comunque sordissimo per l'assenza di un braccio di leva sufficiente peró avrebbe direzionato il flusso della ventola (...potrebbe essere questa la soluzione?). La potenza secondo me é sufficiente non lo sono le derive laterali, troppo piccole. Quelle delle ruote non servono a nulla in quanto sono sul baricentro e non hanno nessun braccio di leva per contrastare le imbardate. Io toglierei le derive sotto mettendo solo dei normali carrelli pure piú bassi tanto non hai problemi con un elica che tocca a terra. Ruote piú piccole o lenticolari. Per quanto riguarda il video in acqua sono errati gli scarponi; affondano troppo e la chiglia raccoglie acqua invece di tagliarla. Forse l'errore é stato voler provare troppe cose nuove tutte insieme. Un normale schumino due canali con la ventola avrebbe volato benissimo, si trattava solo di provare ad aggiungere prima le ruote e poi gli scarponi.
Claudio
https://www.youtube.com/watch?v=oOFC7m-cUJg
__________________
"Il tempo non conta... conta quello che fai,
se lo fai bene!"

Ultima modifica di Clabe : 06 novembre 22 alle ore 16:20
Clabe non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 12 novembre 22, 13:13   #158 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di quenda
 
Data registr.: 22-05-2006
Residenza: Piacenza
Messaggi: 1.485
Sono molto impegnato con le riprese e i montaggi video del Piacenza Jazz Fest 2022 e solo adesso trovo il tempo per rispondere.
Citazione:
Originalmente inviato da Clabe Visualizza messaggio
Ma visto che lo hai messo, perché non usi il direzionale? In nessun tentativo di decollo hai contrastato con il comando.
Premesso che il direzionale li sarebbe comunque sordissimo per l'assenza di un braccio di leva sufficiente peró avrebbe direzionato il flusso della ventola (...potrebbe essere questa la soluzione?).
La tua è una domanda strana.
Come fai a dire che Fausto (il pilota) non ha usato il direzionale? Eri presente durante le prove? Forse eri nascosto e ci osservavi da lontano…..
Comunque sia il caro Fausto il direzionale lo ha usato eccome! Il che è confermato dalla prova in acqua fatta il 13 Maggio: come è possibile che il modello, privo di deriva in acqua, riesca a girare a destra e a sinistra senza difficoltà? Ovviamente con il direzionale che in pratica funziona egregiamente.
Rimane il fatto che sull’asfalto, raggiunta una certa velocità, il modello imbarda improvvisamente a destra o a sinistra e anche con il direzionale non si riesce a mantenere il modello in traettoria rettilinea.
Il fenomeno è identico a quello che succede con qualsiasi modello con carrello biciclo: l’aereo tende a ruotare sulla pista fino a che il ruotino di coda non si è sollevato da terra. Questo problema si presenta in maniera notevole quando il ruotino è totalmente libero di ruotare e invece si riduce quando quest’ultimo è collegato al direzionale oppure è fissato rigidamente alla coda.
In conclusione: il direzionale dello Scarpone Volante funziona alla perfezione….ma non può fare miracoli e perciò è necessario modificare in qualche modo il modello.

Citazione:
Originalmente inviato da Clabe Visualizza messaggio
La potenza secondo me é sufficiente non lo sono le derive laterali, troppo piccole.
Anche in questo caso non mi trovi d’accordo.
Il modello è molto sottopotenziato (2,3 Kg. di spinta per 4Kg. di peso) e infatti ho pensato anche di installare una seconda ventola ma prima mi sarebbe piaciuto vedere se lo Scarpone riusciva a volare anche con una sola.
Per realizzare le due winglet d’estremità non ho fatto calcoli e ho solo copiato quelle del Canadair CL-215/415. Se il “Flying Boot” fosse un tuttala puro avrei installato derive d’estremità più grandi ma considerata la presenza della deriva centrale alta 25 cm. e soprattutto le flange inferiori, sono sicuro che il problema di stabilità sull’asse di imbardata non esiste.

Citazione:
Originalmente inviato da Clabe Visualizza messaggio
Quelle delle ruote non servono a nulla in quanto sono sul baricentro e non hanno nessun braccio di leva per contrastare le imbardate.
Nessuna delle due coppie di ruote è sul baricentro, anzi, come vedi da questo disegno il perno delle ruote anteriori è a 192 mm. davanti al baricentro mentre il perno delle ruote posteriori è a 236 mm. dietro al baricentro.



Come si vede nel video, i tentativi di decollo N. 4, 5 e 6 sono stati fatti spostando le ruote posteriori a 48 mm. dietro al baricentro, ma anche in questo modo non ci sono stati miglioramenti.
A tal proposito, tra i molti consigli gratuiti che ho ricevuto e per i quali ringrazio, è interessante quello dell’amico Gianmaria il quale suggerisce di spostare la coppia di ruote anteriori a circa 10 mm. davanti al baricentro e di sostituire le ruote posteriori con un ruotino di coda fisso o sterzante.

Citazione:
Originalmente inviato da Clabe Visualizza messaggio
Io toglierei le derive sotto mettendo solo dei normali carrelli pure piú bassi tanto non hai problemi con un elica che tocca a terra. Ruote piú piccole o lenticolari.
Lo “Scarpone” è nato per verificare l’effetto “Ekranoplano” prodotto dall’aria incanalata sotto l’ala e tra le flange; un tuttala a ventola con carrello basso e ruote piccole l’ho già fatto, è l’Arado E.555.



Citazione:
Originalmente inviato da Clabe Visualizza messaggio
Per quanto riguarda il video in acqua sono errati gli scarponi; affondano troppo e la chiglia raccoglie acqua invece di tagliarla.
E’ vero e infatti avevo pensato di realizzare scarponi di maggior volume (lavoro fattibile in tempi abbastanza brevi) ma PRIMA volevo vedere se il modello riusciva a decollare da terra.

Citazione:
Originalmente inviato da Clabe Visualizza messaggio
Forse l'errore é stato voler provare troppe cose nuove tutte insieme. Un normale schumino due canali con la ventola avrebbe volato benissimo, si trattava solo di provare ad aggiungere prima le ruote e poi gli scarponi.
Anche questo è vero.
Va detto che il già citato “effetto Ekranoplano” si verifica solo in certe condizioni e quindi il mio “Scarpone Volante” doveva essere di maggiori dimensioni (non più piccolo….).
In questo modo la superficie alare avrebbe consentito un carico alare ridotto anche con 2 ventole da 90 mm. e relative batterie.
Infatti, ipotizzando un modello come questo ma con apertura alare di 3 metri, la superficie alare sarebbe di circa 240 dmq., il che permette di portare in volo un modello di oltre 8 Kg. mantenendo il carico alare sotto i 35 gr/dmq.. Due ventole da 90 mm. con batterie a 6 celle garantiscono una spinta di quasi 8 Kg. e quindi nessun problema di potenza.
Ma costruire un mostro del genere mi avrebbe costretto a investire troppo tempo e denaro.

Ciao!

ettore
quenda non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 13 novembre 22, 08:43   #159 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Clabe
 
Data registr.: 16-08-2007
Residenza: Perugia
Messaggi: 2.930
Citazione:
Originalmente inviato da quenda Visualizza messaggio
Sono molto impegnato con le riprese e i montaggi video del Piacenza Jazz Fest 2022 e solo adesso trovo il tempo per rispondere.

La tua è una domanda strana.
Come fai a dire che Fausto (il pilota) non ha usato il direzionale? Eri presente durante le prove? Forse eri nascosto e ci osservavi da lontano…..
Comunque sia il caro Fausto il direzionale lo ha usato eccome! Il che è confermato dalla prova in acqua fatta il 13 Maggio: come è possibile che il modello, privo di deriva in acqua, riesca a girare a destra e a sinistra senza difficoltà? Ovviamente con il direzionale che in pratica funziona egregiamente.
Rimane il fatto che sull’asfalto, raggiunta una certa velocità, il modello imbarda improvvisamente a destra o a sinistra e anche con il direzionale non si riesce a mantenere il modello in traettoria rettilinea.
Il fenomeno è identico a quello che succede con qualsiasi modello con carrello biciclo: l’aereo tende a ruotare sulla pista fino a che il ruotino di coda non si è sollevato da terra. Questo problema si presenta in maniera notevole quando il ruotino è totalmente libero di ruotare e invece si riduce quando quest’ultimo è collegato al direzionale oppure è fissato rigidamente alla coda.
In conclusione: il direzionale dello Scarpone Volante funziona alla perfezione….ma non può fare miracoli e perciò è necessario modificare in qualche modo il modello.



Anche in questo caso non mi trovi d’accordo.
Il modello è molto sottopotenziato (2,3 Kg. di spinta per 4Kg. di peso) e infatti ho pensato anche di installare una seconda ventola ma prima mi sarebbe piaciuto vedere se lo Scarpone riusciva a volare anche con una sola.
Per realizzare le due winglet d’estremità non ho fatto calcoli e ho solo copiato quelle del Canadair CL-215/415. Se il “Flying Boot” fosse un tuttala puro avrei installato derive d’estremità più grandi ma considerata la presenza della deriva centrale alta 25 cm. e soprattutto le flange inferiori, sono sicuro che il problema di stabilità sull’asse di imbardata non esiste.



Nessuna delle due coppie di ruote è sul baricentro, anzi, come vedi da questo disegno il perno delle ruote anteriori è a 192 mm. davanti al baricentro mentre il perno delle ruote posteriori è a 236 mm. dietro al baricentro.



Come si vede nel video, i tentativi di decollo N. 4, 5 e 6 sono stati fatti spostando le ruote posteriori a 48 mm. dietro al baricentro, ma anche in questo modo non ci sono stati miglioramenti.
A tal proposito, tra i molti consigli gratuiti che ho ricevuto e per i quali ringrazio, è interessante quello dell’amico Gianmaria il quale suggerisce di spostare la coppia di ruote anteriori a circa 10 mm. davanti al baricentro e di sostituire le ruote posteriori con un ruotino di coda fisso o sterzante.



Lo “Scarpone” è nato per verificare l’effetto “Ekranoplano” prodotto dall’aria incanalata sotto l’ala e tra le flange; un tuttala a ventola con carrello basso e ruote piccole l’ho già fatto, è l’Arado E.555.





E’ vero e infatti avevo pensato di realizzare scarponi di maggior volume (lavoro fattibile in tempi abbastanza brevi) ma PRIMA volevo vedere se il modello riusciva a decollare da terra.



Anche questo è vero.
Va detto che il già citato “effetto Ekranoplano” si verifica solo in certe condizioni e quindi il mio “Scarpone Volante” doveva essere di maggiori dimensioni (non più piccolo….).
In questo modo la superficie alare avrebbe consentito un carico alare ridotto anche con 2 ventole da 90 mm. e relative batterie.
Infatti, ipotizzando un modello come questo ma con apertura alare di 3 metri, la superficie alare sarebbe di circa 240 dmq., il che permette di portare in volo un modello di oltre 8 Kg. mantenendo il carico alare sotto i 35 gr/dmq.. Due ventole da 90 mm. con batterie a 6 celle garantiscono una spinta di quasi 8 Kg. e quindi nessun problema di potenza.
Ma costruire un mostro del genere mi avrebbe costretto a investire troppo tempo e denaro.

Ciao!

ettore
Nel video non si vede nessun comando del direzionale e quando va in quel modo a destra si doveva vedere il direzionale tutto a sinistra!
Comunque lo hai detto tu stesso: privo di derive gira senza difficoltá. Direi anche privo delle quattro ruote.
L'Arado che hai fatto, vola senza problemi senza le pinne, perché non pensi che siano proprio quelle che danno problemi?
Sicuramente un ruotino sterzante ti permetterebbe di controllare a terra il modello quando ancora non ha velocitá e di compensare una differenza di attrito tra una ruota e l'altra.
Con quella configurazione si potrebbe essere verificata anche un'altra cosa: il gioco delle ruote sui mozzi fa si che quando dai direzionale si spostano nel mozzo e frenano dal lato opposto generando quel fenomeno improvviso.
Parlare di spinta con le ventole é sciocco perché rispetto ad un'elica hanno sempre poca trazione statica. Le ventole danno velocitá al flusso d'aria per cui in decollo hai bisogno di piú spazio cosa che é mancata perché non va dritto. Per come accellera per me gli basta per volare. Nel calcolo del carico alare hai tienuto conto che almeno un 25% della superficie di un tutt'ala fa da piano di coda e non sviluppa portanza?
Claudio
p.s. se vuoi fare un'offerta per i consigli manda un SMS al 45521
__________________
"Il tempo non conta... conta quello che fai,
se lo fai bene!"

Ultima modifica di Clabe : 13 novembre 22 alle ore 08:53
Clabe non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 23 novembre 22, 16:11   #160 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di mattafla
 
Data registr.: 19-07-2016
Messaggi: 159
Flying Boot.
Con le 4 ruote non orientabili non si può dirigere sulla pista il modello agendo sul timone della deriva, a meno che si faccia sollevare da terra un assale (2 ruote), agendo sugli elevons.
Ma appena un assale si solleva durante la corsa di decollo, l'aerodinamica assume prepotentemente il dominio totale della corsa.
Alcuni motivi per i quali lo "scarpone" potrebbe non decollare diritto, ma potrebbe poi anche subito precipitare per instabilità direzionale.

1) Deriva centrale troppo grande e troppo avanzata longitudinalmente, con diedro trasversale pressocchè nullo.
E' noto che una deriva troppo grande con un diedro troppo piccolo può generare un rischio di instabilità a spirale, per non dire vite.
Cioè la deriva eccessiva in rollio genererebbe un effetto picchiante in volo e, a mio parere, anche in decollo, quando si usasse il timone.
In decollo, sulla deriva timonata e forzata aerodinamicamente dal getto della ventola potrebbe generarsi una forza che, essendo tendente a far sollevare lateralmente la coda del tuttala, potrebbe far premere solo su una delle ruote anteriori, facendo sbandare il modello al raggiungimento di una condizione critica della pista, anche solo leggermente sassosa o disconnessa.

2) Le 4 pinne inferiori (lastre piane) reggiruote fino al suolo e troppo prominenti in avanti fanno da canali all'aria tra ala e pista in decollo, in un centro di pressione che temo sia addirittura davanti al CG, aiutando a far sbandare il modello in decollo, ad opera di un maligno effetto iniziale di ben 4 bandiere capovolte, non ostante che dal disegno di vista laterale il centro di superficie delle pinne appaia (poco) posteriore al CG.
Vero è che, durante lo sbandamento, il centro di pressione delle pinne si trasferirebbe indietro, a raggiungere benevolmente il loro centro di superficie, con un'azione stabilizzante da sommare all'azione del derivone e delle 2 piccole winglets, però a mio avviso c'è un effetto di stabilità direzionale globale inadeguato a contrastare forti sbandamenti laterali di imbardata, perché il derivone centrale è comunque troppo avanti e le winglets mi appaiono troppo piccole per fungere da derivette.

3) Per il castello ventola pure avanzato e sopraelevato, il centro di spinta laterale del modello potrebbe essere in posizione scorretta, cioè (invero pochissimo) davanti al CG.
Se così fosse, se si facesse decollare il modello con fionda, l'effetto "controbandiera" potrebbe essere disastroso in volo, ma non voglio gufare.

Rimedi possibili.

per punto 2) Ridurre la superficie anteriore delle 4 pinne; ho l'idea di ricavare una struttura a 8 gambe dalle pinne medesime (4 montanti anteriori + 4 derive posteriori).
Per ogni pinna adesso ci sono 6 montanti, o traverse diagonali. Si potrebbero togliere i 3 montanti centrali di ogni pinna, lasciando solo il montante anteriore a vista e 2 montanti posteriori ricoperti oracover.
Lasciando girare l'aria nelle 4 future finestre anteriori, risulteranno in totale 4 derive posteriori inferiori all'ala, derive ricavate dalla parte posteriore delle precedenti attuali pinne.
Le 4 derive, essendo spostate indietro, dovrebbero essere già sufficienti per la stabilità direzionale, anche senza il derivone centrale.

per punto 1) Togliere completamente il derivone centrale aerodinamicamente potrebbe essere un'ottima soluzione per il volo, salvo il problema del recupero dell'idrovolante dopo l'ammaraggio.
Io accantonerei l'idea di direzionare il modello tramite il getto sul derivone (funzione "idroscivolante"), però si potrebbe almeno dimezzare l'altezza del derivone, con un timone in dimensioni dimezzate.

In alternativa, nel caso si volesse mettere in futuro 2 turbine in parallelo, le 2 turbine sarebbero una miglior soluzione senza derivone centrale,
in quanto permetterebbero anche di direzionare l'idrovolante in aria ed in acqua, giocando sulla spinta differenziata delle 2 turbine.

Io tirerei via forse anche le 2 piccole winglets alle estremità alari.
La necessità delle winglets è assai aleatoria, soprattutto se viste come 2 derive, addizionali o sostitutive, meglio se il più possibile leggere ed arretrate, magari con opportuna freccia di ogni deriva, per accentuarne l'arretramento, già elevato per via della freccia alare.
mattafla non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Aliante tuttala Zulu con bordo d'entrata variabile quenda Aeromodellismo Alianti 14 04 ottobre 16 16:33
baratto ... con idrovolante contesr Compro 0 18 aprile 11 14:35
Ventola intuba per tuttala... carlino80 Aeromodellismo Ventole Intubate 49 21 novembre 08 22:42
tuttala con ventola fabiopanini Aeromodellismo Volo Elettrico 1 06 gennaio 05 16:31



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 20:11.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002