Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Aeromodellismo > Aeromodellismo Progettazione e Costruzione


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 10 dicembre 05, 16:53   #1 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Benji
 
Data registr.: 30-07-2004
Residenza: Trieste
Messaggi: 1.155
progetto da trittico

Di solito per autocostruire un aereo ho sempre usato progetti. Ora non trovo il progetto dalle dimensioni esatte per fare un dr1 triplano per fare combat ww1. Devo quindi tirarlo fiù dal trittico. Qualcuno mi spiega come si fa? Se vi può essere d'aiuto ecco qua il trittico
Files allegati
Tipo file: zip fokkerdr1windsock.zip‎ (1,74 MB, 220 visite)
Benji non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 dicembre 05, 17:05   #2 (permalink)  Top
Ciao Umberto vola anche per noi.
 
L'avatar di cadal
 
Data registr.: 27-10-2003
Residenza: Palermo
Messaggi: 6.541
Immagini: 14
E se invece facessi questo?
__________________
"Volo ergo sum"
Io sono il moderatore ..."fassista"

cadal non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 dicembre 05, 17:18   #3 (permalink)  Top
User super Plus
 
L'avatar di fai4602
 
Data registr.: 22-07-2003
Residenza: La Piccola Patria del Friuli
Messaggi: 20.726
Innanzitutto devi armarti di stecche, squadre, gomma, matita, curvilinee e possibilmente un bel tecnigrafo con un bel foglio di carta o lucido per disegno.
Come......roba da troglodita ?
Preferisci picchiettare sui tasti del piccì ?
De gustibus, ma il piacere di tracciare segni con la matita su di un bel foglio immacolato e di poter ammirare il frutto del tuo lavoro come deve venire con un unico colpo d'occhio, senza dover "scrollare" (brutta parola, io "scrollo" ben altro ) lo schermo ( sbatti, sbatti, che salta fuori ) e vedere a pezzi o troppo piccolo, fra l'altro su di un tenebroso sfondo nero, lineee in tenue giallino o rossino, per me vecchio e antiquato è gioia e poesia.
Dicevo che, dopo esserti armato del necessario a tuo gusto e piacere ed a "prescindere", devi decidere la scala, cioè in che ordine di grandezza vuoi riprodurre il velivolo.
Fatto questo puoi iniziare a tracciare il perimetro delle ali e la posizione delle centine. Quante ed a che distanza fra di loro lo devi decidere in base alla grandezza, oppure affidarti al disegno che possiedi, molto esplicativo al riguardo
Per il profilo è un'altro discorso.
Analogamente fai per i piani di coda.
La fusoliera ha bisogno di due viste, dall'alto e di lato, coincidenti per proiezione, in modo tale che la posizione delle ordinate determini la loro dimensione in larghezza ed altezza.
Ecco, questo, per sommi capi ed in linea di massima, ti dà la possibilità di iniziare a lavorarci.
Per le dimensione dei materiali ed eventuali verifiche alla prossima puntata.
Buon lavoro.
__________________
Mi son responsabile de quel che scrivo no de quel che ti te lesi.

L'aeromodellismo insegna la pazienza perché nell' aeromodellismo la fretta è portatrice di guai.

Al'è inutil insegnà al mus.....si piard timp e in plui si infastidis la bestie !

fai4602 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 dicembre 05, 17:33   #4 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Harley
 
Data registr.: 16-01-2005
Residenza: Bari
Messaggi: 1.299
Citazione:
Originalmente inviato da Benji
Di solito per autocostruire un aereo ho sempre usato progetti. Ora non trovo il progetto dalle dimensioni esatte per fare un dr1 triplano per fare combat ww1. Devo quindi tirarlo fiù dal trittico. Qualcuno mi spiega come si fa? Se vi può essere d'aiuto ecco qua il trittico
Niente di più facile per chi usa autocad. Io importo l'immagine come raster e ripasso tutto il progetto e lo metto in scala per le dimensioni che voglio ottenere.
Harley non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 dicembre 05, 20:03   #5 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Benji
 
Data registr.: 30-07-2004
Residenza: Trieste
Messaggi: 1.155
Gazie a tutti. userò il sistema di Fai(matita,...) che mi è il più familiare. per decidere la scala che in questo caso sarebbe 1:8 divido semplicemente le misure originali per otto?
Benji non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 dicembre 05, 21:28   #6 (permalink)  Top
User super Plus
 
L'avatar di fai4602
 
Data registr.: 22-07-2003
Residenza: La Piccola Patria del Friuli
Messaggi: 20.726
Certo che sì.

E quanto verrebbe dimensionalmente il modello ?
__________________
Mi son responsabile de quel che scrivo no de quel che ti te lesi.

L'aeromodellismo insegna la pazienza perché nell' aeromodellismo la fretta è portatrice di guai.

Al'è inutil insegnà al mus.....si piard timp e in plui si infastidis la bestie !

fai4602 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 dicembre 05, 22:40   #7 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di luca.masali
 
Data registr.: 15-11-2005
Residenza: Cadenabbia - Lago di Como
Messaggi: 16.812
Immagini: 5
Citazione:
Originalmente inviato da Benji
Gazie a tutti. userò il sistema di Fai(matita,...) che mi è il più familiare. per decidere la scala che in questo caso sarebbe 1:8 divido semplicemente le misure originali per otto?
Aoh, è esattamente la cosa che ho fatto io per il mio DR1 per le gare ww1!
il thread è qui da queste parti

http://www.baronerosso.it/forum/showthread.php?t=16320

Per esigenze familiari non potrò provarlo prima di Natale ma subito dopo se il tempo non è osceno ci provo e poi ti dico come va... non vorrei mai dare consigli per fare un modello che poi non vola!

Ti dico comunque come ho fatto io, senza alcuna garanzia che funzioni:

prima di tutto, ho aumentato di un 20% le dimensioni del timone di direzione, visto che senza pretese di scientificità a occhio mi pareva che quello del vero fosse un pò risicato.
Da vecchio vololiberista, secondo le mie abitudini poco scientifiche ho anche aumentato del 10% sia le dimensioni del piano di coda sia la corda alare.

Visto che bilanciare il Dr1 è un incubo, specie se è elettrico, ho anche aumentato di un paiodi centimetri la lunghezza del naso.

Per il momento, tengo a zero tutte le incidenze delle tre ali, che sono attaccate con elastici quella sopra e quella sotto, con una vite quella centrale; in questo modo, alla bisogna si potrà dare uno o due gradi di incidenza positiva.

Detto ciò:
1. ALI
Le ali del Dri sono semplicissime da fare, l'unica cosa che fa veramente girare le b... ehm, scatole, sono gli intagli da pipistrellaccio sul bordo d'uscita, un incubo da ricoprire. ma se ne esce vivi, dopo aver penato a sufficienza.

Essendo un combat, e soprattutto visto che la portanza basta di sicuro, con tre ali più il pianetto tra le ruote, ho scelto un profilo bello filante; nel mio caso, ho fatto fare i conti a Profile e poi ci ho messo del mio, modificando un profilo NACA sottile piano-convesso (il numero non me lo ricordo) per adattarlo al bordo d'entrata, d'uscita e ai longheroni che avevo sottomano.

per ragioni di peso, le mie ali non hanno cassoni in balsa, assomigliano a quelli degli alianti a volo libero del tempo che fu; la rigidità strutturale è affidata solo a una geodetica e ai montanti alari che legano tra loro le tre paia di ali e al generoso longherone; non so se basterà, tuttavia, ecco perché non mi sento tranquillo a dare consigli prima di provarlo.
Come noti dalle foto, la penultima centina dell'ala inferiore, la terzultima di quella mediana e la quartultima di quella superiore hanno una centina in balsa da 8 mm; questa elefantiasi è necessaria perché questa centina farà da ancoragio al montante alare, in legno duro e collegato con bulloncini a dei piloncini in compensato da 1 mm. (ti posterò la foto quando torno dal ponte).

Se è la prima volta che affronti una costruzione tradizionale in balsa, nota che ci sono molti metodi per tagliare le centine; personalmente, preferisco fare una madrecentina in compensato e usarla come dima per tagliare le altre col tagliabalsa, ho usato balsa da 1,5 mm per tutte le centine meno che per quelle alle estremità in balsa duro da 2 mm. Una volta che hai tutte le centine di un'ala (le mie sono spaziate tra loro di 5 cm) fanne un pacchetto, tienilo unito con gli spilli e scartavetra col blocchetto finché non sono tutte uguali tra loro.

Per aumentare la rigidità della costruzione, ho poi ricoperto lo spazio tra le due centine centrali dell'ala mediana e inferiore con una "pelle" di compensatino da 0,4 mm. Ho usato colla cellulosica (UHU Hart) per tutte le ali, salvo che per le parti più sollecitate dove ho usato EPOXY 5 minuti.
L'ala superiore invece che la pelle di compensato hanno un "pavimento" di balsa da 3 mm, sempre tra le due centine centrali e per soprammercato anche sulla coppia immediatamente a destra e a sinistra.
Lo stesso pavimentino c'è anche tra le due centine che sorreggono il servo (nel mio caso, due Hitech Hs 56 in karbonite).

CABANA
La cabana che tiene su l'ala di sopra è in compensato da 5 mm., rinforzato da filo d'acciaio da 3 mm. Qui sono incollati (e rinforzati con due ponti ricavati da un ritaglio di bordo d'uscita) i supporti per gli elastici che tengono su l'ala. La cabana è fissata alla fusoliera tramite:

1. Davanti: tubetto d'alluminio, dove all'interno è infilata e incollata con epoxy una barretta filettata che sporge di mezzo centimetro da entrambi i lati; qui si infileranno le due gambe anteriori della cabana e le si fissno con le viti.

2. Dietro: stessa barra di alluminio, ma filettata per inserire i bulloni che terranno le gambe di dietro. Il risultato di tutto ciò è che togliendo le viti di dietro la cabana può essere ribaltata, in modo da accedere senza fatica al bullone che tiene l'ala mediana e togliere la medesima senza smontare del tutto la cabana (accidenti, solo ora mi rendo conto di quanto sono pigrissimo).

Fusoliera:
La fusoliera è la cosa più semplice da farsi. è un semplicissimo traliccio di listelli di balsa nella parte posteriore, guance di balsa rinforzate opportunamente nella parte frontale. è un semplicissimo cassone, in sostanza, in cui davanti si incolla l'ordinata parafiamma, che è circolare (quasi circolare in quello vero, un cerchio senza una fettina di sotto). Io l'ho raccordata con semplici mezzi conetti di polistirolo, tagliati col filo caldo e ricoperti in balsa molto sottile (0,5 mm).
Per l'accesso alla batteria, ho reso asoprtabile il sopra del musetto. i servi e la batteria sono accessibiloi solo togliendo l'ala inferiore, poco elegante ma efficace.

Carrello:
Banalissimo filo d'acciaio, collegato alla struttura della fusoliera con epossidica 24H e cucitura. Ho allargato un pochino la carreggiata, visto che come tutti i tail dragger il Dr1 è complicato da far decollare.

Pianetto tra le ruote:
Nel mio caso è in polistirene, tagliato a filo caldo e rinforzato sull'intradosso in balsa da 1,5 mm.

Ruote:
Qui ci vuole culo
io ho trovato ottime ruote Graupner, un poco pesantucce ma bellissime, tutte bianche dal mio spacciatore di fiducia di roba modellistica (hobbypiù di Como, per la cronaca). Gli ho verniciato i cerchi in blu e ho lasciato le ruote bianche; fa un pò cadillac anni '50 ma mi piace così.

Timoni:
devono essere leggeri, visto che ilo Dr1 tende a essere sempre pesante sul sederino.

Oh, a grandi linee è così che ho fatto io. non è detto che io abbia avuto necessariamente idee geniali o anche solo buone; posterò comunque i risultati del volo di collaudo.

Ciao!
luca.masali non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 dicembre 05, 22:51   #8 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Benji
 
Data registr.: 30-07-2004
Residenza: Trieste
Messaggi: 1.155
grazie mille per l'esauriente risposta. Mi potresti dire le misure del tuto, tipo aperture alare e corda. dai calcoli che ho fatto ne vien fuori un microbo!Qualcosa tipo l'ala superiore vicino ai 60cm?Possibile?
Benji non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 dicembre 05, 22:55   #9 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Benji
 
Data registr.: 30-07-2004
Residenza: Trieste
Messaggi: 1.155
@fai il modello dovrebbe (se i miei calcoli son giusti) venire sui (più o meno) 60 cm di apertura, in scala 1:8 adatto ad un motore da 2.5cc
Benji non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 10 dicembre 05, 23:46   #10 (permalink)  Top
User super Plus
 
L'avatar di fai4602
 
Data registr.: 22-07-2003
Residenza: La Piccola Patria del Friuli
Messaggi: 20.726
Mi pare poco, mi pare, per un duemezzo,
Io varierei la scala e porterei le dimensioni attorno al metro e magari anche qualchecosa di più.
Ma poi dipende che ci vuoi fare, logicamente.
Dopo aver messo giù un po' di misure determina le superfici e verifica il K con l'opportuna formuletta od utilizzando il foglio di calcolo di Peppe46.
__________________
Mi son responsabile de quel che scrivo no de quel che ti te lesi.

L'aeromodellismo insegna la pazienza perché nell' aeromodellismo la fretta è portatrice di guai.

Al'è inutil insegnà al mus.....si piard timp e in plui si infastidis la bestie !

fai4602 non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Trittico mb339 Ste41 Aeromodellismo Ventole Intubate 11 27 agosto 07 12:54
trittico P40 curtiss zetabend Aeromodellismo Progettazione e Costruzione 3 12 aprile 06 02:05
Trittico ASW17 DoC Aeromodellismo Progettazione e Costruzione 7 15 marzo 05 13:01
Trittico del FLEET Aeromodellismo Progettazione e Costruzione 5 10 febbraio 05 21:45
trittico hacker Aeromodellismo 1 20 dicembre 02 16:33



Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 08:34.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002