Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Aeromodellismo > Aeromodellismo Categorie


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 13 febbraio 21, 17:59   #1 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.516
Autonomy-F5J: scelta e messa a punto modelli, tecnica di pilotaggio e condotta di gar

Negli ultimi tempi i modelli per Autonomy F5J hanno raggiunto uno sviluppo e una messa a punto notevoli, per certi versi impensabili fino a qualche anno fa-
Però, se guardiamo i modelli usati, non ci sono particolari e rivoluzionarie novità: a parte qualche modello totalmente auto costruito, modelli come l’introduction e l’inside sono tuttora molto competitivi con pochi accorgimenti.
Inoltre una gran varietà di modelli in kit CNC/Laser sono disponibili nella categoria 2mRes e potrebbero essere una ottima base di partenza già come sono: la riprova sono i risultati ottenuti con modelli tipo F5K che sono solo 1,5 metri di AA.
Un interessante assortimento di 2m Res si trova sul sito di Hoellein (oltre ai già noti Introduction e Inside) https://www.hoelleinshop.com/Planes-...12438&p=12438:
Ecco alcuni esempi:
Lo Slite V2, ala ellittica molto bella e peso ODV meno di 450 grammi
https://www.hoelleinshop.com/Planes-...01&c=171&p=171
Pures V2, simile allo slite, ma ala a rastremazione multipla
https://www.hoelleinshop.com/Planes-...=12438&p=12438
Il Purito, uno degli ultimi kit usciti sul mercato con alcune soluzioni costruttive interessanti
https://www.hoelleinshop.com/Planes-...=12327&p=12327




sul sito austriaco Zeller Modelbau, troviamo altri modelli ancora:
https://zeller-modellbau.com/zeller-...0.00%2C2176.00

Il Magic XL, il più leggero di tutti i 2mRes in kit: dichiarato circa 350 grammi OdV
https://zeller-modellbau.com/zeller-...2000-mm-tezel/



ma c’anche l’Impression:
https://zeller-modellbau.com/zeller-...00-mm-rs-aero/

o il Khrysalis
https://zeller-modellbau.com/zeller-...m-dj-aerotech/

Insomma, un gran assortimento di modelli pensati per termicare bene e facilmente, costruiti con la tecnica dei “tubi” di carbonio come longherone con dime e scaletti vari forniti nel kit e quindi di facile realizzazione entro pesi e carichi alari degni delle migliori costruzioni personali.

Però il problema è farli volare al meglio e quindi subentrano vari elementi, primo tra tutto la messa a punto e il centraggio e poi ilo pilotaggio.
Alcuni chiedono ragguagli, ma è difficile spiegare a chi già sa un tot di cose e non si può certo partire dall’A,B,C altrimenti non si finisce più

Dando per scontato che non esiste il modello "risolutivo", di solito conviene concentrarsi sul far funzionare bene quel che c'è capendo cosa fa bene e cosa è da migliorare
Questo è poi da compendiare con ciò che il suo pilota fa meglio e peggio.
L'ideale per migliorare velocemente è trovare compromessi in cui il modello aiuta i punti deboli del pilota e viceversa.

Per iniziare ognuno potrebbe fare un elenco di quelli che ritiene siano i suoi punti forti e soprattutto quelli deboli. Da questo dovrebbero scaturire le domande da fare per chiarire i propri dubbi. Già da questo esercizio si impara molto da soli.
Le risposte alle domande ne aggiungono un altro pezzo e così via.

La teoria “pure” però è nulla senza pratica, per cui, pandemia a parte, si potrebbe pensare in futuro di fare una pseudogara /raduno a coppie mettendo assieme i piloti migliori con quelli che hanno più problemi
Si inizia con 1 ora di sessione messa a punto modelli, perché credo che ci siano molto modelli ottimi, ma che non tutti siano settati per ottenere il miglior potenziale o la migliore pilotabilità

Poi si potrebbe fare una “mezza” gara AutonomyF5J con il più forte e il più debole insieme.,
La coppia conterebbe come un solo concorrente: si fa un volo a testa, ognuno con il proprio modello (o magari col modello di quello “meno forte”) e l'altro che aiuta o semplicemente guarda e cerca di capire.

Ma, se si pensa di dover imparare, occorre avere chiari quali sono i propri "lati forti” e quasi sono i “lati deboli". Avere coscienza di quel delle proprie debolezze e ammetterle è la via per risolverle: si inizia da quelle per procedere progressivamente.

Tornando alla parte teorica, ho provato a fare un elenco (sicuramente parziale) delle domande che ognuno si potrebbe porre per cercare di “capirsi” meglio e in funzione di quello cercare di migliorare.

Ad esempio, a proposito del modello, eccone alcune
1) il mio modello funziona “meccanicamente” in modo corretto e i comandi azzerano bene?
2) il centraggio e la messa a punto sono ottimizzati?
3) la risposta ai comandi è quella che vorremmo?
4) quando il modello incontra una termica, la evidenzia e come?
5) quando il modello è lontano, riusciamo a tenerlo in assetto al meglio?
6) se volessi migliorare il mio modello, che cosa vorrei ottimizzare?

E per il pilota :
1) sono in grado di centrare il modello e regolarlo?
2) se ho problemi al punto 1, ho qualcuno che mi aiuti? Posso trovarlo?
3) riesco a mantenere il modello in volo senza “sprecare”?
4) sul campo, riesco a immaginarmi la termica, il suo punto di stacco, lo scarroccio probabile?
5) se non riesco a salire è perché non trovo la termica o perché non riesco a starci dentro?
6) se sono in termica, salgo come gli altri, di più o di meno e capisco dove eccello e dove sbaglio?
7) esaminando il volo e poi le loggerate, mi rendo conto di quando salgo in maniera migliore o peggiore?

Poi se ne potrebbero aggiungere tante altre, ma tanto per iniziare…

Ultima modifica di claudio v : 13 febbraio 21 alle ore 18:06
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 13 febbraio 21, 18:28   #2 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Ste41
 
Data registr.: 27-04-2006
Residenza: Zanica (Bg)
Messaggi: 3.661
Citazione:
Originalmente inviato da claudio v Visualizza messaggio
Ecco alcuni esempi:
Lo Slite V2, ala ellittica molto bella e peso ODV meno di 450 grammi
https://www.hoelleinshop.com/Planes-...01&c=171&p=171
Lo slite se confrontato con altri kit hoellein ha un costo elevato....

Il perchè è questo, li mortacci suoi



Sono veramente molte parti, piccoli rinforzi ovunque, una miriade di mezze centine.

Bellissimi i tubi in carbonio con la tramatura a quadrettoni
__________________
Citazione:
Originalmente inviato da un mod Visualizza messaggio
Dire di essere in male fade equivale a minaccia...
Ste41 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 13 febbraio 21, 19:39   #3 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 13-06-2009
Residenza: In Volo
Messaggi: 1.375
Un ottima idea Claudio
__________________
Effettuo taglio polistirolo CNC ed anche piccoli quantitativi di centine ed ordinate in legno diverse essenze
Hotpower è collegato   Rispondi citando
Vecchio 13 febbraio 21, 20:47   #4 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di pikemax
 
Data registr.: 31-08-2004
Residenza: In termica....coi baffi.
Messaggi: 5.781
Claudio,

l'idea è buona e serve a tutti gli amanti del volo in termica.
Dal mio punto di vista un problema che ho incontrato cercando di dare una mano a diversi piloti è quello della scarsa conoscenza della programmazione della radio e spessisimo una realizzazione delle geometrie di comando impropria che poi si traduce in comportamenti bizzarri in volo e rispsote al comando non "sincere" e lineari.
Magari misuriamo al decimo di grado il DL, la posizione del cg alla perfezione e poi le geometrie di comando sono realizzate non tenendo conto della non linearità dovuta a problemi geometrici.
Ci sono delle diffuse abitudini che fanno danni enormi ma che sembrano inalienabili e intoccabili, spero che qualcuno ne parli in modo da poter fare un pò di chiarezza.
pikemax non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 13 febbraio 21, 21:23   #5 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di TermicOne
 
Data registr.: 02-01-2004
Residenza: Vicino a Saronno
Messaggi: 6.991
Ottimo argomento e grande idea Claudio!

Tutti i temi proposti sono utili per un check up al fine di evidenziare i punti di forza e di debolezza e condivido pienamente la metodologia.

Leggendo i temi ho faticato nel mio caso (ormai disperato ) a trovare ahimè punti di grande forza ma penso che i miei maggiori punti di debolezza riguardino:

- come trovare una termica (perchè io vado in giro a cercare le termiche mentre dai log dei più bravi si vede che loro salgono e iniziano subito a salire come se avessero intuito la termica ancora nella fase di salita sotto motore)

- come il setup del modello influisce sulla tendenza del modello a indicarti l'aria buona (perchè alcuni modelli indicano meglio le termiche? è merito/colpa del modello o del setup?)

- come imparare a mantenere correttamente il modello dentro la termica ottimizzando la virata senza smanettare sui comandi perdendo efficienza...e quota....e come il setup del modello influisce su questo aspetto del volo (perchè quando siamo in tanti in una termica io non riesco a mantenere il rateo di salita degli altri?)

A presto

Luciano
TermicOne non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 14 febbraio 21, 15:00   #6 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.516
Citazione:
Originalmente inviato da Ste41 Visualizza messaggio
Lo slite se confrontato con altri kit hoellein ha un costo elevato....

Il perchè è questo, li mortacci suoi
....

Sono veramente molte parti, piccoli rinforzi ovunque, una miriade di mezze centine.

Bellissimi i tubi in carbonio con la tramatura a quadrettoni
È davvero un bel puzzle

Ci puoi dare qualche info sui tubi in carbonio forniti: diametri, lunghezze, pesi etc.
Grazie anticipatamente
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 14 febbraio 21, 15:35   #7 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.516
Citazione:
Originalmente inviato da TermicOne Visualizza messaggio
....
Leggendo i temi ho faticato nel mio caso (ormai disperato ) a trovare ahimè punti di grande forza ma penso che i miei maggiori punti di debolezza riguardino:

- come trovare una termica (perchè io vado in giro a cercare le termiche mentre dai log dei più bravi si vede che loro salgono e iniziano subito a salire come se avessero intuito la termica ancora nella fase di salita sotto motore)
......

Luciano
Ciao Luciano, le tue domande prevedono risposte lunghe e articolate mirate anche alla sola Autonomy F5J.

Per ora ti posto alcuni link che, anche se datati, riassumono buona parte dei concetti principali del volo in termica e del set up base e sono tratti dal sito F3J ITALIA – F3J

Questo per il volato
Il fiume d'aria
http://www.f3j.it/wp-content/uploads/2016/12/Fiume.pdf
Tattica
http://www.f3j.it/wp-content/uploads...3J_Tattica.pdf

Questo per la messa a punto di base
Centraggio
http://www.f3j.it/wp-content/uploads...Centraggio.pdf
http://www.f3j.it/wp-content/uploads...traggio_II.pdf

Per ora consiglierei la lettura approfondita di questo e nei prossimi giorni preparerò una risposta più dettagliata punto per punto.
Un salutone
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 15 febbraio 21, 19:13   #8 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.516
Trovare una termica prima del lancio in Autonomy F5J

Ciao Luciano incomincio a risponderti da questo punto

Citazione:
Originalmente inviato da TermicOne Visualizza messaggio
- come trovare una termica (perchè io vado in giro a cercare le termiche mentre dai log dei più bravi si vede che loro salgono e iniziano subito a salire come se avessero intuito la termica ancora nella fase di salita sotto motore)
In aggiunta a quanto già presente nei link già postati sopra inerenti il "Fiume d’aria" e la conformazione del terreno, posso mettere alcune indicazioni che uso quando volo in Autonomy-F5J dove ci si ritrova spesso con altri modelli in volo e si può rilanciare quando si vuole nel tempo operativo.

Prima di tutto guardo molto gli altri, soprattutto nelle fasi finali del volo.
Mentre sono in discesa per l’atterraggio, se ho margine di quota passo l’ultimo minuto a fare un girocampo almeno con lo sguardo per vedere se ci sono indicazioni utili; se poi ho margine di quota/tempo, vado proprio con il modello a esplorare dove immagino possa esserci qualcosa.

In questo modo, dopo l’atterraggio ho già una idea riguardo dove rilanciare e dove probabilmente è meglio non andare.

Se invece non ho margine, mentre atterro faccio la massima attenzione alle variazioni di brezza/galleggiamento del modello nella fase di atterraggio e poi cerco di fare un rapido girocampo con lo sguardo per individuare un minimo segnale utile o una analogia con quanto già visto nei voli precedenti; ho scritto utile perechè anche un segnale di “buca” può servire… ad andare da un’altra parte o, se i cicli sono brevi, a ricercare qualcosa lì qualche minuto dopo perchè la “buca” spesso segue al termica e viceversa.

In caso di brezza non stabile, ogni sua variazione normalmente è legata a un punto di sgancio teorico e la termica si trova di solito seguendo “ sottovento” la “brezza del momento” .

Invece, con brezza abbastanza costante, una sua momentanea assenza al punto di lancio, è quasi sempre indicatrice di una termica sopravento che fa da “muro” .

Queste sono le prime indicazioni che mi sono venute in mente riguardo al prima di lanciare, ma sicuramente c’è molto da aggiungere.

Poi c'è la parte riguardante il "come" gestire la prima salita dopo il lancio e la ricerca iniziale della termica con il modello in volo

Alle prossime puntate
Ciaooo
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 18 febbraio 21, 00:44   #9 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Ste41
 
Data registr.: 27-04-2006
Residenza: Zanica (Bg)
Messaggi: 3.661
Citazione:
Originalmente inviato da claudio v Visualizza messaggio
È davvero un bel puzzle

Ci puoi dare qualche info sui tubi in carbonio forniti: diametri, lunghezze, pesi etc.
Grazie anticipatamente
Leggo solo ora...
Si, ma non del centrale che è assemblato.
Appena riesco misuro e riferisco
__________________
Citazione:
Originalmente inviato da un mod Visualizza messaggio
Dire di essere in male fade equivale a minaccia...
Ste41 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 18 febbraio 21, 17:55   #10 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Ste41
 
Data registr.: 27-04-2006
Residenza: Zanica (Bg)
Messaggi: 3.661
Citazione:
Originalmente inviato da Ste41 Visualizza messaggio
Leggo solo ora...
Si, ma non del centrale che è assemblato.
Appena riesco misuro e riferisco
Trave di coda, già con i suoi scassi belli e fatti




Peso trave di coda, 70cm




Peso longherone estremità alari, 100cm da dividere in due



Il centrale è quasi finito, quindi niente peso longherone che ha un diametro maggiore
__________________
Citazione:
Originalmente inviato da un mod Visualizza messaggio
Dire di essere in male fade equivale a minaccia...
Ste41 non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Costruzione ali per alianti Autonomy / F5J in poli + fibra con tecnica "Dapporto" Edima Aeromodellismo Categorie 14 06 settembre 19 18:32
Modelli Autonomy F5J 2017 claudio v Aeromodellismo Categorie 10 21 aprile 17 12:44
Modelli adatti alle nuove FXJ, F5J, 2MRES, AUTONOMY pikemax Aeromodellismo Categorie 51 31 gennaio 12 17:02



Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 19:16.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002