Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Aeromodellismo > Aeromodellismo Categorie


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 06 febbraio 20, 19:26   #1 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.486
AGO 20: una evoluzione del 18 per la stagione Autonomy F5J 2020

Anno nuovo, modello nuovo ma non troppo.
Se nella fine del 2017 abbiamo sviluppato e poi nel 2018 realizzato l’AGO 18 (https://www.baronerosso.it/forum/aer...onomy-f5j.html), nel 2019, non avendo idee ben chiare per fare miglioramenti su un nuovo modello, abbiamo provato a testare a fondo la base che avevamo per trovare nuove soluzioni e fare verifiche per individuare qualche ottimizzazione.

Da una parte si è andati ad indagare le forme delle fusoliere con vari esperimenti per comprendere quanto l’ala influisse sul flusso a monte e valle, dall’altra parte ho fatto prove con il “riserva Serghey” dotato di flap che, al prezzo di qualche complicazione di pilotaggio e messa a punto, sembravano offrire interessanti spunti di manovrabilità a bassa velocità per centrare le termiche in spazi ridotti.
Nel contempo lo sviluppo del Picares Autonomy ha consolidato in me l’idea che l’allungamento non è detto che “giochi” a favore” nei nostri modelli da 3 metri artigianali sia dal punto di vista prestazionale sia per quanto riguarda la visibilità in distanza che, almeno con la mia vista ce non è certo da aquila, spesso gioca un ruolo determinante per trovare e centrare una termica difficile.
Nel contempo mi ha “aperto il mondo” di che cosa potrebbe permettere una realizzazione con fresa/taglio laser in termini di risparmio di tempo e ripetibilità del modello.

Quindi, da questo mix di idee è nato il nuovo AGO 20.

La fusoliera, di cui si sono anticipate già delle immagini nell'altra topic, è figlia dei test fatti lo scorso anno con i rilevatori di angolo di flusso per le forme generali.
vedi: https://www.baronerosso.it/forum/aer...ml#post5132879




Ed è quindi nata con il “naso basso” di qualche grado e una forma ovoidale per ridurre l’effetto del flusso fuori asse

Dal disegno di Serghey del 2017


Alle prime bozze del design attuale qui confrontate con l'AGO 18



Poi, grazie alla collaborazione dell'amico Stefano, si è passati ai modelli 3D per guardarla meglio.



Oltre alla forma diversa, per comodità di cambio rapido batterie e, ora che ci sono i multi 3 con il visore, anche di rapida lettura logger, ha una capottina.

La sezione laterale anteriore all’ala è cresciuta leggermente nella speranza di migliorare la già buona efficacia del direzionale e la tenuta in spirale.

Dai disegni derivati dal mio modello del 2017 alla realizzazione dello stampo ci è voluto un po’, ma qui si vede il confronto con l’attuale dell’AGO 18, cioè il solito ed efficace pod Art Hobby.



Fatto lo stampo, mi sono laminato il primo esemplare di test usando quello che avevo in casa.



Poi, grazie all’interessamento di Rover, si è attivata una simpatica collaborazione con Maurizio Cangini che ha sopperito al mio scarsissimo tempo libero: ora abbiamo anche le prime fusoliere nuove in vetro carbonio e Kevlar carbonio fatte da una mano sicuramente più esperta ed allenata della mia.

Qui la versione Kevlar carbonio che mi arriverà a giorni.



Per l’ala non ci sono grosse novità, profilo e pianta cambiano ben poco, ma c’è stato qualche affinamento di materiali e tecnica costruttiva… ma questo, alla prossima puntata.
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 06 febbraio 20, 19:38   #2 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Edima
 
Data registr.: 19-12-2009
Residenza: Turriaco (GO)
Messaggi: 1.172
Ciao Claudio
Che profilo?
Edi
Edima non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 07 febbraio 20, 17:09   #3 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 18-08-2007
Residenza: Forlì
Messaggi: 707
Smile

Io lo so ma non te li dico...

Citazione:
Originalmente inviato da Edima Visualizza messaggio
Ciao Claudio
Che profilo?
Edi
rovermer non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 19 febbraio 20, 23:36   #4 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.486
Ala AGO 20

Citazione:
Originalmente inviato da Edima Visualizza messaggio
Ciao Claudio
Che profilo?
Edi
I profili di ali e timoni sono gli stessi dell'AGO 18.
Il tratto centrale ha il solito profilo mix tra S4082 e AG25 fatto da Eugenio e l'estremità ha quel profilo che evolve in un S4082 puro, mentre la tip è tutta S4082

I motivi erano stati spiegati qui, nella vecchia topic dell'AGO18

Citazione:
Originalmente inviato da claudio v Visualizza messaggio
... la scelta del profilo delle ali dell'Ago 18.
Eugenio, che ha molto tempo da spendere essendo pensionato, ha fatto un buon numero di simulazioni e comparazioni di profili vari a partire da quelli un po' noti ed usati in modo da avere un riscontro pratico al calcolo puro delle polari di Profili2.

Siamo partiti campionando anche le ali "Ucraine" che hanno un profilo che somiglia un po' all'AG04 e un po' all' AG25, poi l'AG25 del Pulsar e l'AG24 suo parente prossimo e infine il SD7037, parente del 7080 del Hi aspect e infine il S4082, parente molto prossimo del 4083 che avevo usato sul mio lungo2002 ultralight

Ecco una prima scrematura

a Re 80000




a Re 140000



I risultati comparativi sono interessanti, specie se si guardano gli estremi alti della polare in cui certi profili "moderni" presentano alcune debolezze e/o cuspidi che precedono lo stallo, specie ai Re più bassi tipici delle estremità dell'ala alle basse velocità.

Peccato che sia una zona tipicamente usata girando stretti e/o lenti in termica con assetti vicini allo stallo, quindi al max CP sviluppabile dall'ala.

qui il raffronto diretto tra il profilo S4082 +AG25 "mixato" e quello S4082 Puro

Citazione:
Originalmente inviato da claudio v Visualizza messaggio
elaborando quanto visto nel post precedente,

Di conseguenza, partendo dal presupposto cheil range di volo dei modelli da Autonomy F5J richiede efficienza elevata ad alto CP più che a CP di 0,1 o 0,2, la scelta risulta risulta abbastanza facile.

Dopo un tot di simulazioni e profili più o meno moderni risulta che:
-l'AG25 mixato con l'S4082 pare promettere qualcosa di più al salire del Re
-l'S4082 pare avere più vantaggi specie a basso Re.





Date le polari dei profili scelti occorre anche ottimizzarli in base alla pianta dell'ala.

Questa prevede un tratto centrale rettangolare a corda 250 mm ed estremità a doppia rastremazione (250-170mm i primi 800 mm e 170-110 mm la tip di 200mm) con un grande alettone lungo 800 mm; il profilo mixato verrà utilizzato sul centrale, la prima rastremazione dell'estremità avrà il profilo che evolve dal mix al S4082 puro e la tip tutto S4082.

Le differenze non sono molto grandi, ma dovrebbe esserci una piccola ulteriore ottimizzazione dei vari tratti dell'ala.
Nella versione AGO20 ho quindi cambiato ben poco.
La geometria di centrale ed estremità è inalterata in modo da sfruttare le controsagome di estruso per incollare i Dbox alle centine: volevo dare 2 cm di corda in più all'estremità, ma poi la pigrizia ha prevalso.

La tip è cambiata, nel senso che sarà con una corda maggiore in estremità e anche con una lieve svergolatura negativa (l'ala del 18 è totalmente priva di svergolature) o con un Gurney flap a seconda di come andranno le prossime prove sull'AGO18.

La novità delle geometrie sarà nei diedri, che verranno leggermente ridotti e nella corda degli alettoni che verrà aumentata considerevolmente (circa 33%).
Gli alettoni continueranno ad avere funzione di freno con deflessione di 75 gradi verso l'alto.
In via sperimentale, sul tratto centrale verrà introdotto un flap al 33% della corda che non servirà da aerofreno, ma per lo più da profilo variabile da usare prevalentemente accoppiato con il profondità.
Ho fatto un po' di test con il riserva che è decisamente più carico e con un profilo meno curvo e ho visto che, affinando un po' il pilotaggio col flap, riuscivo a girare quasi come con l'AGO 18: quindi mi auguro che unendo le due cose possa termicare come i modelli ultralight che stanno arrivando, ma con un range di velocità utile più esteso e una migliore conservazione dell'energia nel "giro".

La motivazione di queste modifiche è quindi legata alla ricerca di una maggiore manovrabilità anche alle velocità più basse.
Daltronde la "caduta minima" registrata è attorno a 0,28 e non saprei bene cosa andare a cercare di meglio pur conservando un range di velocità esteso come l'attuale.

Il flap darà un aggravio di peso di almeno 35 grammi che spero di recuperare almeno in parte dai nuovi Dbox più leggeri che sto cercando di laminare e con un risparmio nella fusoliera.
Quindi l'obbiettivo finale rimane di fare un modello da meno di 950 grammi con 64,5 dm2 di superficie, cioè rimanere vicino a 14,5 gdm2 sull'ala ma con un modello dotato di flap.

Per far questo ci sono anche altre novità nella struttura, ma questo... alla prossima puntata.

p.s.
Che questa sia la soluzione migliore... per ora me lo auspico, ma talvolta subentrano dubbi atroci andando a volare con il buon Sergio che ultimanente ha montato la sua ala grande ultralight con profili da VL su una fuso altrettanto leggera e, con un carico ridicolo e quei profili, in planata nella calma dell'altra sera ... mi ha fatto "nero"

claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 19 marzo 20, 01:09   #5 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.486
Nonostante il periodo incasinato, finalmente sto mettendo mano alla prima nuova ala per l'AGO 20.
Questa volta, in autunno, ho provato a modernizzarmi e fare anche lo studio per conto mio sui profili e poi, magari, disegnarmela con devwing: peccato che qualcuno pensi che sia troppo un professionista e non me lo abbia permesso.

Allora ho fatto come al solito: disegnini sulla carta come amo tanto, ma poi mi sono rivolto ad un amico di fiducia che ha provveduto a fare il lavoro sporco di softwarizzazione per tagliarmi i pezzi con il suo banchetto laser casalingo.
L'amico di fiducia non è altri che il buon Rover Mersecchi, con cui già si collabora per la nuova Fuso dell'AGO 20 di cui, in cambio degli stampi, mi ha fornito qualche pod.
Anche questa volta ha fatto un lavoro veramente encomiabile fornendomi la miriade di pezzettini che gli avevo chiesto in un bel pacchettino.



In più mi ha realizzato un pdf perfetto della mia ala con le ultime modifiche partendo dallo schizzo in scala ridotta che gli avevo fornito e che il mese scorso ho provveduto a stampare in 1:1



in effetti... ho fornito a uno dei miei più agguerriti avversari il progetto completo del mio modello sarò stato incauto? bho, vedremo.

Nel frattempo ho preparato qualche rivestimento del Dbox con la stessa tecnica dell'AGO18 ma con nuovi materiali: questa volta il rivestimento è in biassiale a +/-45 gradi da 25 g*m2(carboline) + kevlar a 0/90 gradi da 65 g*m2 all'interno impregnati sottovuoto con la solita epoxi L285 di Sorvolando Compositi.





La rigidezza a torsione dovrebbe essere garantita dal biassiale +/-45 gardi esterno, mentre il kevlar sottostante servirà da irridimento (di parete) per evitare il buckling locale e, in caso di urti, a tenere assieme il tutto con la sua nota tenacità
Il peso va da 22 a 24 grammi per dei rivestimenti a L grezzi lunghi 1050 mm x 130 mm (sviluppati) per un peso di circa 1,7 g*dm2



qui 4 rivestimenti: quello più a dx è da 32 grammi e ha un vetro da 27 all'esterno e un carboline +/-30 gradi da 35 g*dm2


L'aspetto esterno è questo:




Ora che i pezzi principali sono più o meno tutti pronti, posso partire con l'assemblaggio



E quindi si incomincia, come per l'AGO18, a preparare le 2 centine centrali complete di attacco con la fusoliera e il piano di lavoro col disegno di costruzione

.

il seguito, alle prossime puntate
ciao ciaoo
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 20 marzo 20, 12:30   #6 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 10-10-2013
Residenza: Alessandria
Messaggi: 34
Ciao,
Per i miei Dbox ho utilizzato del carbonio biassiale da 90 gr/mq . Le dimensioni sono 1050 x 110 mm e pesano fra i 22 e i 25 grammi.
Ora devo incollarli ma ho qualche dubbio su come riuscire a dosare correttamente la poliuretanica su centine e longheroni.
Puoi darmi un consiglio su come fare in base alla tua esperienza? Non vorrei dover buttare tutto e ricominciare da capo......

Saluti
Carlo Bianchi
Icone allegate
AGO 20: una evoluzione del 18 per la stagione Autonomy F5J 2020-20200320_121706.jpg   AGO 20: una evoluzione del 18 per la stagione Autonomy F5J 2020-20200320_121755.jpg  
Victor57 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 20 marzo 20, 14:45   #7 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di pave 52
 
Data registr.: 07-09-2010
Residenza: Rovereto (Trento)
Messaggi: 773
Citazione:
Originalmente inviato da Victor57 Visualizza messaggio
Ciao,
Per i miei Dbox ho utilizzato del carbonio biassiale da 90 gr/mq . Le dimensioni sono 1050 x 110 mm e pesano fra i 22 e i 25 grammi.
Ora devo incollarli ma ho qualche dubbio su come riuscire a dosare correttamente la poliuretanica su centine e longheroni.
Puoi darmi un consiglio su come fare in base alla tua esperienza? Non vorrei dover buttare tutto e ricominciare da capo......

Saluti
Carlo Bianchi
Il problema con la poliuretanica è il ridotto tempo di utilizzo e la difficoltà di dosaggio, mi sentirei di proporre l’utilizzo di un rullino in gomma piuma, a struttura pronta, dopo aver mascherato la struttura oltre il longherone, verserei la colla in un piatto di plastica, bagnerei il rullo e lo passerei impregnando centine e longherone sulla superficie di taglio.
Dovebbe essere un procedimento rapido e che garantisce regolarità di impregnazione.
Inutile dire che poi dovrebbe già essere predisposto tutto quanto, controsagome, pesi, elastici ecc., per garantire il rapido posizionamento della pelle del D box.
__________________
pave 52
pave 52 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 20 marzo 20, 14:59   #8 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 18-08-2007
Residenza: Forlì
Messaggi: 707
Ciao Ragazzi, vi piacerebbe avere il progetto del nuovo modello di Claudio? Io ce l'ho nel mio Pc, e voi no..... Va bene, faccio il serio, il progetto è ovviamente di esclusiva proprietà di Claudio e quindi decide lui cosa farne, non io.

Io mi progetto i miei modelli e lui i suoi, e poi che vinca il migliore!

Bravo Claudio, continua con i tuoi splendidi building log che c'è sempre da imparare qualcosa!
rovermer non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 20 marzo 20, 15:40   #9 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di Indoor
 
Data registr.: 02-03-2007
Residenza: Molinella (bologna)
Messaggi: 3.011
una curiosità......premettendo che non ho necessità di incollare centine al Dbox: perché non usare microballoons addensate con resina e spargere la "pappetta" con una siringa sulle centine e chiudere?
Non ci sarebbe la corsa al poliuretano e noi si correrebbero rischi di mancata adesione ed anche che il poliuretano espandendosi poi vari la posizione del Dbox.
Grazie
Paolo
Indoor non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 20 marzo 20, 16:57   #10 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di pave 52
 
Data registr.: 07-09-2010
Residenza: Rovereto (Trento)
Messaggi: 773
Citazione:
Originalmente inviato da Indoor Visualizza messaggio
una curiosità......premettendo che non ho necessità di incollare centine al Dbox: perché non usare microballoons addensate con resina e spargere la "pappetta" con una siringa sulle centine e chiudere?
Non ci sarebbe la corsa al poliuretano e noi si correrebbero rischi di mancata adesione ed anche che il poliuretano espandendosi poi vari la posizione del Dbox.
Grazie
Paolo
Non credere che con epoxy addensata e siringa sia tanto più veloce e facile da dosare, la poliuretanica monocomponente ha una adesività di prim’ordine, un peso minore dell’epoxy e una capacità di espansione che le consente di riempire ogni irregolarità superficiale.
È sufficiente inserire il Dbox in una contro sagoma aperta, tagliata in estruso, per garantire il posizionamento, vista la ridotta superficie degli incollaggi la forza di espansione che esercita è assolutamente trascurabile
__________________
pave 52
pave 52 non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
AGO 2018-aliante per la prossima stagione di Autonomy-F5J claudio v Aeromodellismo Categorie 251 15 luglio 20 20:48
Autonomy F5J stagione 2020, news e aggiornamenti claudio v Aeromodellismo Categorie 51 05 giugno 20 12:53
Consuntivo stagione AUTONOMY-F5J 2018 claudio v Aeromodellismo Categorie 5 06 novembre 18 13:15
Autonomy F5J -ultima di stagione a Molinella il 14 novembre e programmi 2011 claudio v Aeromodellismo Categorie 129 20 novembre 10 18:51



Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 09:13.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002