Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Aeromodellismo > Aeromodellismo Categorie


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 25 marzo 10, 14:59   #1 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.536
AUTONOMY F5J: VOLO LIBERO- VOLO RC – punti d’incontro

Negli ultimi tempi abbiamo avuto modo di scambiare pareri con alcuni noti voloiberisti itaiani e allora abbiamo pensato, Eugenio ed io, di scrivere alcune considerazioni a riguardo degli interscambi culturali tra le varie discipiline di volo veleggiato e in particolare per quelle dei veleggiatori "elettroassistititi", quali quelli della FXJ con altimetro, dell'ultima 2M Electro J e in particolare della Autonomy di cui ci occupiamo direttamente da anni.

Buona lettura a tutti... e ai vololiberisti in particolare

************************************************** ***

AUTONOMY F5J: VOLO LIBERO- VOLO RC – punti d’incontro

Quando abbiamo pensato ad una nuova categoria di volo con alianti, lo abbiamo fatto per adeguare un regolamento alle esigenze del tempo che passa e tutto trasforma.
Il volo libero è una bellissima categoria, ma è necessario rassegnarsi a malincuore e capire che non è più praticabile a causa della mancanza di spazi adeguati. Pensiamo che non sia giusto e corretto gettare tutto il sapere acquisito in questi anni, ma piuttosto sarebbe utile trasformare ed adeguare i modelli “ F1” con le tecnologie attuali.
Oggi sono facilmente reperibili micro radiocomandi in 2,4 mhz che si possono quindi utilizzare senza pericolo di interferenze.
Con l’utilizzo di queste apparecchiature per riportare a “casa” i modelli al termine della missione di volo, si potrebbe dare nuova vita ai modelli da volo libero utilizzando campi di volo relativamente ristretti.
Ma quale è la vera differenza fra un modello veleggiatore da volo libero ed uno radiocomandato? Entrambi devono ottimizzare il tasso di caduta; se poi guardiamo bene, hanno dimensioni paragonabili, ma carichi alari e profili un po’ diversi: perché ?
Nel volo libero si aspetta che passi una termica per farsi trasportare (come un autostoppista) mentre nel volo radiocomandato è il pilota che guida il modello nel cielo alla caccia della termica. Nel secondo caso il modello, pur scendendo al minimo, deve essere molto efficiente, veloce e maneggevole per poter esplorare un grande terreno di caccia e ritornare alla base anche lottando contro venti contrari, turbolenze e discendenze.

Studiando la formula Autonomy, abbiamo pensato che potesse essere adatta sia ai modelli genere volo libero che ai cercatori di termiche.
Infatti, nel tempo operativo, il concorrente non è obbligato a lanciare su richiesta del direttore di gara, ma sceglie il momento che ritiene più favorevole per l’involo.
Non nascondiamo che da tempo aspettiamo qualche bravo concorrente del volo libero per imparare tecniche e tattiche che solo quella disciplina insegna, per integrarle nei modelli “più radiocomandati”. Molti modellisti di volo libero non amano “imbastardire” il loro tipo di volo anche perché hanno poca dimestichezza con il pilotaggio RC.
Però noi pensiamo che non serva essere campioni di acrobazia 3d per riportare a casa un veleggiatore al termine di un bel volo autonomo in termica: non è il caso di spaventarsi, è sufficiente un minimo allenamento e un modello che voli dritto da solo all’occorrenza… proprio come quello usato fino al giorno prima senza “radio-disturbo”.

Idem per la salita in termica: i modelli da volo libero sono”molto abili” a farlo da soli restandoci dentro. Sulle radio moderne si possono programmare varie fasi di volo collegate agli switch:
fase di salita dritta sotto motore, fase di salita in virata sotto motore, fase di planata a max efficienza (usabile anche in atterraggio per manovrare), fase di planata veloce per il rientro e, ciliegina sulla torta, fase di salita in termica con modello autocentrante della stessa.

Molti pensano che i modelli “F1” siano dei farfalloni che non avanzano, ma se guardiamo un motomodello F1C ci rendiamo conto che sale a più di 35m/s (quasi la fiondata di un F3J) e plana a circa 8 m/s (velocità in efficienza di un F3J).
Naturalmente i modelli avranno un margine di stabilità statica superiore agli RC attuali, che però, come si è visto negli ultimi anni stanno anche loro convergendo in questa direzione. Ad esempio molti dei Pike Perfect dei migliori piloti nazionali, volano ormai con timoni più grandi e baionette modificate per avere più diedro (8 gradi).
In altre parole, noi crediamo che ci possa essere un vantaggioso progresso con lo scambio di info fra le varie categorie.
Vololiberisti, veniteci a trovare; l’Autonomy e’ aperta a tutti e magari….ci si diverte.

E. Pagliano / C. Vigada

************************************************** *
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 30 marzo 10, 17:52   #2 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di lakelake
 
Data registr.: 01-11-2007
Residenza: novara
Messaggi: 59
ciao Claudio.

Innanzi tutto complimenti per aver "messo a fuoco" le effettive analogie che esistono fra l'f5j ed il volo libero.

Io sono nato vololiberista ( f1a prima ed f1c poi ) e mio malgrado credo che l'amore per questa dimenticata affascinante categoria non finirà mai; però è purtroppo vero che è una categoria in difficoltà.
I motivi sono tanti: il mancato ricambio generazionale, l'assenza ( o meglio dire la scomparsa ) di campi adeguatamente grandi, le prestazioni esasperate ed i costi intrinseci.
Credo, ma mi piacerebbe essere smentito da qualcuno, che per praticare il volo libero oggi si debba essere dei semi professionisti, e senza dubbio facoltosi.

Le similitudini tecniche sono molte fra le due categorie: stò già approntando il mio primo autonomy partendo dal mio ultimo f1c da 2,70 metri di apertura alare, presto lo porterò sui campi di gara.

Per concludere, mi si perdoni una piccola nota polemica: se il volo libero è destinato a morire è perchè troppa gente ha voluto ostentatamente tenere i paraocchi senza capire che si doveva mettere mano alle formule molti anni fà. E così perderemo tutto o buona parte del patrimonio tecnico modellistico che questa categoria ha ed ha regalato all'Italia del modellismo tramite i tanti allori internazionali.

Ps: noi due ci vediamo a Cremona il 25 aprile....ciao!

Stefano
Fai 11898
__________________
Ognuno di noi ha un paio di ali, ma solo chi sogna impara a volare (Jim Morrison)
lakelake non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 30 marzo 10, 20:32   #3 (permalink)  Top
UserPlus
 
L'avatar di Indoor
 
Data registr.: 02-03-2007
Residenza: Molinella (bologna)
Messaggi: 3.062
Citazione:
Originalmente inviato da claudio v Visualizza messaggio
Negli ultimi tempi abbiamo avuto modo di scambiare pareri con alcuni noti voloiberisti itaiani e allora abbiamo pensato, Eugenio ed io, di scrivere alcune considerazioni a riguardo degli interscambi culturali tra le varie discipiline di volo veleggiato e in particolare per quelle dei veleggiatori "elettroassistititi", quali quelli della FXJ con altimetro, dell'ultima 2M Electro J e in particolare della Autonomy di cui ci occupiamo direttamente da anni.

Buona lettura a tutti... e ai vololiberisti in particolare

************************************************** ***

AUTONOMY F5J: VOLO LIBERO- VOLO RC – punti d’incontro

Quando abbiamo pensato ad una nuova categoria di volo con alianti, lo abbiamo fatto per adeguare un regolamento alle esigenze del tempo che passa e tutto trasforma.
Il volo libero è una bellissima categoria, ma è necessario rassegnarsi a malincuore e capire che non è più praticabile a causa della mancanza di spazi adeguati. Pensiamo che non sia giusto e corretto gettare tutto il sapere acquisito in questi anni, ma piuttosto sarebbe utile trasformare ed adeguare i modelli “ F1” con le tecnologie attuali.
Oggi sono facilmente reperibili micro radiocomandi in 2,4 mhz che si possono quindi utilizzare senza pericolo di interferenze.
Con l’utilizzo di queste apparecchiature per riportare a “casa” i modelli al termine della missione di volo, si potrebbe dare nuova vita ai modelli da volo libero utilizzando campi di volo relativamente ristretti.
Ma quale è la vera differenza fra un modello veleggiatore da volo libero ed uno radiocomandato? Entrambi devono ottimizzare il tasso di caduta; se poi guardiamo bene, hanno dimensioni paragonabili, ma carichi alari e profili un po’ diversi: perché ?
Nel volo libero si aspetta che passi una termica per farsi trasportare (come un autostoppista) mentre nel volo radiocomandato è il pilota che guida il modello nel cielo alla caccia della termica. Nel secondo caso il modello, pur scendendo al minimo, deve essere molto efficiente, veloce e maneggevole per poter esplorare un grande terreno di caccia e ritornare alla base anche lottando contro venti contrari, turbolenze e discendenze.

Studiando la formula Autonomy, abbiamo pensato che potesse essere adatta sia ai modelli genere volo libero che ai cercatori di termiche.
Infatti, nel tempo operativo, il concorrente non è obbligato a lanciare su richiesta del direttore di gara, ma sceglie il momento che ritiene più favorevole per l’involo.
Non nascondiamo che da tempo aspettiamo qualche bravo concorrente del volo libero per imparare tecniche e tattiche che solo quella disciplina insegna, per integrarle nei modelli “più radiocomandati”. Molti modellisti di volo libero non amano “imbastardire” il loro tipo di volo anche perché hanno poca dimestichezza con il pilotaggio RC.
Però noi pensiamo che non serva essere campioni di acrobazia 3d per riportare a casa un veleggiatore al termine di un bel volo autonomo in termica: non è il caso di spaventarsi, è sufficiente un minimo allenamento e un modello che voli dritto da solo all’occorrenza… proprio come quello usato fino al giorno prima senza “radio-disturbo”.

Idem per la salita in termica: i modelli da volo libero sono”molto abili” a farlo da soli restandoci dentro. Sulle radio moderne si possono programmare varie fasi di volo collegate agli switch:
fase di salita dritta sotto motore, fase di salita in virata sotto motore, fase di planata a max efficienza (usabile anche in atterraggio per manovrare), fase di planata veloce per il rientro e, ciliegina sulla torta, fase di salita in termica con modello autocentrante della stessa.

Molti pensano che i modelli “F1” siano dei farfalloni che non avanzano, ma se guardiamo un motomodello F1C ci rendiamo conto che sale a più di 35m/s (quasi la fiondata di un F3J) e plana a circa 8 m/s (velocità in efficienza di un F3J).
Naturalmente i modelli avranno un margine di stabilità statica superiore agli RC attuali, che però, come si è visto negli ultimi anni stanno anche loro convergendo in questa direzione. Ad esempio molti dei Pike Perfect dei migliori piloti nazionali, volano ormai con timoni più grandi e baionette modificate per avere più diedro (8 gradi).
In altre parole, noi crediamo che ci possa essere un vantaggioso progresso con lo scambio di info fra le varie categorie.
Vololiberisti, veniteci a trovare; l’Autonomy e’ aperta a tutti e magari….ci si diverte.

E. Pagliano / C. Vigada

************************************************** *
leggendo questa mail mi viene in mente quando circa 25 anni, durante un Convegno nazionale che L'Ae.C. Bologna organizzava nella famosa sala Corticella, io, che allora ero il Peracchi della situazione, davanti alle lamentele da parte dei volo liberisti della cronica mancanza di campi di volo (già allora c'era il problema) feci la convinta proposta di dotare il modello semplicemente di una RX che azionasse via radio l'antitermica. Questo avrebbe permesso il recupero del modello integro azionandola quando il modello sorvolava spazi privi di ostacoli.

La reazione fu una sequela di insulti che mi ricordo ancora, dandomi dell'incompetente....ma dimenticando che io il volo libero lo avevo fatto per oltre 12 anni ed avevo anche fatto parte della nazionale di F1A che ha partecipato ai mondiali in Finlandia nel , credo, 1963 o 1964, giù di li, dovrei andare a vedere nei cassetti dove conservo i programmi.

Ora i tempi cambiano e mi sa che si stia già parlando di questa possibilità che se accettata rilancerebbe questa meravigliosa disciplina.
.....ho ancora in un cassone, gelosamente conservati, i modelli con cui partecipai a quel mondiale.

Paolo Dapporto
Indoor non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 30 marzo 10, 21:06   #4 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di milan
 
Data registr.: 11-01-2009
Residenza: bologna
Messaggi: 6.096
Alla fine, oggi un monocanale non graverebbe piu' di 10-15 gr e passerebbe la penuria di campi adeguati !

Benvenuto nell'Autonomy a Lakelake e al suo ex F1c , perchè non posti qualche foto e dati salienti del tuo modello ?

Ciao Umberto
milan non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 31 marzo 10, 08:51   #5 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di lakelake
 
Data registr.: 01-11-2007
Residenza: novara
Messaggi: 59
come immaginavo, gli ex vololiberisti presenti sul forum sono tanti.
E tutti, bene o male, hanno abbandonato la categoria per diversi motivi: esasperazione delle formule, mancanza di campi, difficoltà oggettive nel gestire prove e gare.

Il discorso relativo alla Rx per azionare l'antitermica c'è già: con l'avvento degli autoscatti elettronici si comanda da terra con un piccolo trasmettitore monocanale. Ma non è comunque sufficiente.

Gli stessi F1a moderni hanno delle prestazioni oggi che fino a ieri erano impensabili: l'avvento dell'elettronica ed il progressivo irrobustimento delle strutture ha portato a raggiungere dei carichi in fase di sgancio che solo 10 anni fà avrebbero fatto esplodere le ali. I migliori oggi sganciano in verticale ed iniziano a planare intorno ai 75 metri contro i 50 di cavo. Alcuni dicono che ai mondiali si sono visti sganci prossimi ai 90-100 metri.
E' ovvio che in queste condizioni basta una bava di vento per camminare lontano: ok, in caso di termica si può rischiare di far partire l'antitermica verso i due minuti e mezzo e sfruttare il tempo di discesa come tempo operativo, ma di strada se ne fà comunque.

Non parliamo poi dei motomodelli f1c: anni addietro, con 7 secondi di tempo motore, si considerava una buona salita intorno ai 150-160 metri. Oggi con i motori dotati di riduttore se ne fanno quasi 200 con 5 secondi di motore.
E' praticamente impossibile che non vi siano spareggiandi e mediamente la gara non si conclude prima dello spareggio a 6/7 minuti. Provate ad immaginare un f1c da 7 etti e mezzo in termica con un pò di vento quanta strada può fare in sette minuti.

La categoria del volo libero è bella, affascinante, molto tecnica e tecnologica, ma come ho scritto nella mia lettera post convegno volo libero del novembre 2009, è sostanzialmente morta. O si mette mano alla categoria in modo da ridurre drasticamente le prestazioni dei modelli rendendoli adatti ad un impiego anche in campi ristretti, o è finita.
Considerato che alle mie proposte vi è stato un seguito pressochè nullo farcito solo da qualche sporadica replica antagonista di chi non ha nemmeno capito di cosa si stesse parlando, mi aggiungo mestamente alla lista di quelli che ci hanno provato ed hanno sbattuto contro un muro di gomma.

L'autonomy è la categoria più vicina in assoluto al volo libero e per questo motivo ho deciso di buttarmici: per me è anche una sfida nella sfida dato che non ho mai preso in mano una radio prima d'ora e devo imparare tutto da zero.

Se conosco almeno un pochino i vololiberisti in attività credo che pochi siano interessati a convergere verso l'autonomy: purtroppo quando si parla di radiocomando ad alcuni viene l'orticaria, non capendo che una chiusura ideologica al progresso inevitabile ed al mutamento dello scenario comporta la (imminente) morte di una intera categoria.



Stefano Rossani
__________________
Ognuno di noi ha un paio di ali, ma solo chi sogna impara a volare (Jim Morrison)
lakelake non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 31 marzo 10, 09:03   #6 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di lakelake
 
Data registr.: 01-11-2007
Residenza: novara
Messaggi: 59
Citazione:
Originalmente inviato da milan Visualizza messaggio
Alla fine, oggi un monocanale non graverebbe piu' di 10-15 gr e passerebbe la penuria di campi adeguati !

Benvenuto nell'Autonomy a Lakelake e al suo ex F1c , perchè non posti qualche foto e dati salienti del tuo modello ?

Ciao Umberto
Grazie per il benvenuto!

Il modello in questione è il mio ultimo f1c: 2.70 metri di apertura alare, profilo VL51, ali in polistirene rivestito da fibra di vetro ed epossidica, fusoliera interamente in carbonio.
In ordine di volo pesava 800 grammi dato che per la formula degli f1c rispettava il carico di 20 gr/dmq ed essendo 40 dmq il conto è presto fatto. La cosa che mi lascia piacevolmente sorpreso è che per l'autonomy sono circa 150 grammi sotto peso: mi ero imposto di mantenere un peso finito di 750 grammi ma a quanto pare supero di pochissimo i 600. Stò rivedendo infatti l'accoppiata motore-batteria per decidere il da farsi.

Per quanto riguarda la radio ho appena preso una Hitec a 2,4 GHz, una optic6 se non ricordo male, e 4 micro servi da 8 grammi: ieri sera ho abbozzato la meccanica per intervenire sull'incidenza dell'ala e stò rivedendo i comandi di coda per poter amplificare la corsa del timone orizzontale in funzione di quella disponibile sul servo.....staremo a vedere al primo volo!!!!!

Il 25 Aprile dovrei ( sempre che non subentrino problemi dell'ultimo minuto ) raggiungervi a Cremona insieme a mio padre: se sono a buon punto porto anche il modello così inizio da subito a sfruttare i consigli dei più esperti.

Ciao, a presto!

Stefano
__________________
Ognuno di noi ha un paio di ali, ma solo chi sogna impara a volare (Jim Morrison)
lakelake non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 31 marzo 10, 09:04   #7 (permalink)  Top
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.536
Citazione:
Originalmente inviato da milan Visualizza messaggio
Alla fine, oggi un monocanale non graverebbe piu' di 10-15 gr e passerebbe la penuria di campi adeguati !

Benvenuto nell'Autonomy a Lakelake e al suo ex F1c , perchè non posti qualche foto e dati salienti del tuo modello ?

Ciao Umberto
Credo che un "monocanale" sull'antitermica ridurrebbe un po' il problema, ma data la modalita` di gara non penso sarebbe risolutivo del problema dei grandi spazi necessari.
Se ci immaginiamo una giornata ventosa, e` impossibile che per fare un pieno "standard" o peggio uno spareggio non serva molto spazio sottovento al punto di lancio: persino un balsetta lanciato a mano con un po' di vento e termica e` in grado di fare un casino di strada.
Anche un bicanale non sarebbe risolutivo: se il modello fa quota e penetra un minimo e` possibile usando il direzionale farlo rientrare e poi azionare l'antitermica con il secondo canale. Ma se il modello galleggia senza salire e il vento lo scarroccia 2 km sottovento a 20 metri da terra non c'e` molto da fare per riportarlo piu` o meno "in campo".

Invece un radio pilotaggio minimo + la elettro-assistenza per recuperare un po' di quota se necessario penso siano le minime cose indispensabili per il reimpiego misto vololibero + rc di molte delle prerogatitve dei modelli F1.

Spero di vedere presto il primo ibrido F1C Autonomizzato... sperando che sia il primo di una lunga serie.

Ciao

p.s.
se il modello fosse pronto per Cremona e non ve la sentiste ancora di pilotarlo in gara... credo che un copilota si potrebbe trovare facilmente.

Ultima modifica di claudio v : 31 marzo 10 alle ore 09:08
claudio v non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 31 marzo 10, 15:51   #8 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di lakelake
 
Data registr.: 01-11-2007
Residenza: novara
Messaggi: 59
Citazione:
Originalmente inviato da claudio v Visualizza messaggio
Spero di vedere presto il primo ibrido F1C Autonomizzato... sperando che sia il primo di una lunga serie.

Ciao

p.s.
se il modello fosse pronto per Cremona e non ve la sentiste ancora di pilotarlo in gara... credo che un copilota si potrebbe trovare facilmente.
Mah, guarda......in fondo è quello che spero!
Giusti giusto che se ho sbagliato qualche cosa e il modello si pianta rovinosamente ho qualcuno a cui dare la colpa!!!!!!

Scherzi a parte...che io sia un novizio della radio è cosa ormai nota quindi ogni consiglio, anche il più banale, è bene accetto!!!

ciao

Stefano
__________________
Ognuno di noi ha un paio di ali, ma solo chi sogna impara a volare (Jim Morrison)
lakelake non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 31 marzo 10, 18:12   #9 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di milan
 
Data registr.: 11-01-2009
Residenza: bologna
Messaggi: 6.096
Orrore !!!!

Citazione:
Originalmente inviato da claudio v Visualizza messaggio
Credo che un "monocanale" sull'antitermica ridurrebbe un po' il problema, ma data la modalita` di gara non penso sarebbe risolutivo del problema dei grandi spazi necessari.
Se ci immaginiamo una giornata ventosa, e` impossibile che per fare un pieno "standard" o peggio uno spareggio non serva molto spazio sottovento al punto di lancio: persino un balsetta lanciato a mano con un po' di vento e termica e` in grado di fare un casino di strada.
Anche un bicanale non sarebbe risolutivo: se il modello fa quota e penetra un minimo e` possibile usando il direzionale farlo rientrare e poi azionare l'antitermica con il secondo canale. Ma se il modello galleggia senza salire e il vento lo scarroccia 2 km sottovento a 20 metri da terra non c'e` molto da fare per riportarlo piu` o meno "in campo".

Invece un radio pilotaggio minimo + la elettro-assistenza per recuperare un po' di quota se necessario penso siano le minime cose indispensabili per il reimpiego misto vololibero + rc di molte delle prerogatitve dei modelli F1.

Spero di vedere presto il primo ibrido F1C Autonomizzato... sperando che sia il primo di una lunga serie.

Ciao

p.s.
se il modello fosse pronto per Cremona e non ve la sentiste ancora di pilotarlo in gara... credo che un copilota si potrebbe trovare facilmente.

Veramente per monocanale io vedevo solo un direzionale comandato, per mantenere il modello sopra al campo o nelle vicinanze, lasciando all'antitermica l'atterraggio; piu' comandi snaturerebbero assolutamente l' essenza di volo libero e non li vedrei giustificati, hanno ragione i vololiberisti di inorridire !!!!!!

Ciao Umberto
milan non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 09 maggio 10, 01:56   #10 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 06-05-2010
Residenza: Alessandria
Messaggi: 23
Citazione:
Originalmente inviato da milan Visualizza messaggio
Veramente per monocanale io vedevo solo un direzionale comandato, per mantenere il modello sopra al campo o nelle vicinanze, lasciando all'antitermica l'atterraggio; piu' comandi snaturerebbero assolutamente l' essenza di volo libero e non li vedrei giustificati, hanno ragione i vololiberisti di inorridire !!!!!!

Ciao Umberto
Ciao a tutti, scusate l'intromissione, ma avendo letto il Vostro dialogo, mi sorge spontanea una considerazione. Ossia non capisco il motivo di tanto inorridire. Certamente un modello da volo libero è fatto per volare bene da solo, ma come giustamente qualcuno ha detto, inserire la possibilità di poter utilizzare oggi queste "formula 1" del cielo, sarebbe stupendo, e poi dare la possibilità di comandare il modello per assicurarsene il ritorno è cosa buona e giusta. La presenza di un radiocomando, non implica "l'obbligo" di usarlo!!! si può ugualmente scegliere di far andare il modello...dove meglio crede...non vi pare?
Viktor61 non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Volo Libero? Pentium Modellismo 2 28 dicembre 09 14:15
incontro old time e volo libero a roma eros Incontri Modellistici 14 18 gennaio 08 16:55
AUTONOMY F5J per il 2008 e AUTONOMY by E-MAIL (postale) claudio v Aeromodellismo Categorie 17 17 dicembre 07 09:00
Modifica...Da volo libero a volo R/C??? MAD FORCE Aeromodellismo Progettazione e Costruzione 4 15 giugno 06 23:42
Primo incontro di prova F5J Autonomy claudio v Incontri Modellistici 0 09 giugno 06 12:08



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 13:49.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2019 - K-Bits P.I. 09395831002