Visualizza messaggio singolo
Vecchio 22 gennaio 18, 09:01   #22 (permalink)  Top
claudio v
Moderatore
 
L'avatar di claudio v
 
Data registr.: 18-05-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 4.318
Citazione:
Originalmente inviato da Indoor Visualizza messaggio
...

Dopo 24 ore avrete il balsa rivestito di vtr che potere piegare sul naso della centina lasciando esterna la superficie in vtr ed avrete il vostro bel DBox che esternamente non ha bisogno di essere trattato: è già pronto.

Se volete poi avere il Dbox colorato spargete sulla tavoletta la vernice e procedere poi con la VTR come descritto

Questo il mio contributo

Ciao

Paolo
Grazie Paolo,
Credo che quello che hai illustrato sia un ottimo sistema per placcare il balsa a peso minimo
In effetti anche quella può essere una soluzione, ed è "nel cassetto" qualora non riuscissimo a farlo come stiamo provando.
Quello che mi lascia un po' dubbioso sulla facilità del sistema è la raccordatura tra be riportato e balsa rivestito... che potrebbe generare qualche sorpresa.

Però noi il balsa non volevamo proprio metterlo. Ora ho finito di preparare i rivestimenti del Dbox per Euge e ho iniziato i miei. Ce n'è uno in carbonio+vetro da 34 grammi per il centrale e 2 in solo carbonio da 20 grammi per le estremità.
Una volta rifilati a misura dovrebbero venire 30 per il centrale e 15 per le estremità e dovrebbero essere sufficiemente rigidi per l'uso.

Credo che difficilmente qualunque soluzione in balsa +vetro possa dare risultati paragonabili in robustezza e rigidezza a pari peso perché il materiale più rigido sarebbe al max il 30-40% del peso totale del rivestimento. Il balsa da 1 "bello" che ho in casa pesa almeno 1 grammo a dm2.

Penso che una buona soluzione facile da fare possa essere anche un normale dbox rivestito in balsa e, una volta completato con il Be, rivestito in vetro da 25 o da 40. In questo modo il tessuto legherebbe assieme il rivestimento superiore, inferiore e il Be.

Per applicare il vetro abbiamo sempre usato la nostra solita tecnica di rivestimento con questa sequenza:
-turapori
-carteggiatina
-tessuto di vetro e resina diluita almeno al 50% e ben tirata con il pennello
-A resina polimerizzata, altra carteggiata leggera
-Seconda leggera mano di resina diluita al 100%.
-Lisciatura finale ed eventuali finiture

In questo modo, usando un po' di cura, si ottiene un rivestimento che pesa meno di 1gxdm2 aggiunto alla balsa che è abbastanza robusto, ma certamente con minore rigidezza di un carbonio da 100gm2 laminato per conto suo e attaccato "monolitico" alle centine.

Ora abbiamo anche tagliato le controsagome in espanso per incollarli in posizione.
A breve faremo un esperimento e posterò le foto.
Ciaooo
claudio v non è collegato   Rispondi citando