Visualizza messaggio singolo
Vecchio 23 novembre 11, 20:26   #43 (permalink)  Top
Tamanaco
User
 
L'avatar di Tamanaco
 
Data registr.: 08-05-2004
Residenza: Provincia Forlì-Cesena e volo dove si può...
Messaggi: 4.767
Citazione:
Originalmente inviato da greg89 Visualizza messaggio
Grazie del caloroso bentornato ragazzi
vorrei iniziare con la prima parte di una semplice guida teorica..
se scrivo caxxate, replicate senza problemi e se volete implementate, ogni nozione in più è ovviamente ben accetta


Parte 1
spesso il concetto più difficile da far capire a chi si avvicina a questa adrenalinica branca del modellismo è che se si vuole andare forte, le spese ci sono.
Negli ultimi tempi la realtà di HobbyKing.com (ma la Cina in genere) ci è venuta incontro, aiutando non poche persone ad iniziare o continuare questo hobby grazie ad una abbattimento drastico dei costi.. quindi molti si sono abituati a quei prezzi e sono diventati clienti fedeli, di conseguenza, qualsiasi modello abbiano in mente di farsi, lo vorrebbero costruire usando materiale lowcost.. è una giustissima politica se uno vede il modellismo come un passatempo rilassante e divertente.. ma purtroppo la velocità (anche "solo" 150km\h, figuriamoci oltre i 300) non è relax, anzi.. tutt'altro.. questo perchè la velocità è sempre stato, è e sarà sinonimo di pericolo:
pericolo di spaccare il modello in 15 secondi
pericolo di fare danni a cose od oggetti
pericolo di acchiappare qualche cristiano nelle vicinanze.

tralasciando quindi le intrinseche capacità del pilota (che è inutile negare, devono essere all'altezza), la qualità in questo campo conta, e se si vuole provare ed intraprendere questa via è da considerarsi quasi un "must".
Una frase che ben introduce l'argomento è:

Non è detto che ciò che costa caro sia di qualità, ma stai certo che ciò che è di qualità, costa caro.

Ora sta a noi, tramite le nostre esperienze ed i consigli che si ricevono in questo topic, capire e conoscere dove "investire" i nostri danari.
Una doverosa precisazione va fatta:
quando ci si riferisce a roba cinese, non si vuole tirare in ballo un discorso meramente geografico, (della serie "anche quella ditta famosa produce in Cina, quindi tutto viene dallo stesso posto), la roba cinese che si vuole intendere, è quella che viene messa sul mercato senza un controllo pre-commerce e senza una continuità nella qualità della produzione(alta o bassa che sia); questo perchè costa sicuramente di più che sostituire senza batter ciglio tutti quelli arrivano di nuovo al mittente... confidando quindi che il basso prezzo dell'oggetto dissuada il compratore a intraprendere tutto l'iter di sostituzione in garanzia.
Ciò spesso crea della confusione e degli attriti, perchè potrebbe capitare che il mio regolatore cinese funzioni alla perfezione e l'altro acquistato dal mio amico invece funzioni veramente male o addirittura fumi al primo contatto con le batterie, avendo quindi due persone con lo stesso oggetto a cui uno va benissimo e uno da pena..
a chi dare fiducia?

termino con il dire che anche in Cina, se il committente lo richiede (e chiaramente con un costo allineato) si produce materiale di alta qualità, vedi apple Iphone ecc..
quindi per "motore cinese" o "regolatore cinese" si intendono quelli che si meritano un 6 come voto globale, che però non sono consigliati/idonei sui nostri bolidi da velocità, in quanto si esige/necessita un voto almeno pari o superiore all' 8, non so se rendo l'idea

se poi una persona vuole un modellino più veloce del normale, se lo fa full China, ed è CONSAPEVOLE che al roba che ha potrebbe non essere all'altezza, all'ora va bene.. ma quella che manca è la consapevolezza che questa tipologia di modelli richiede qualche attenzione in più.
Oltre che bentornato/benvenuto/benritrovato poco da aggiungere, perle di saggezza da quotare in toto compreso la firma....
Magari si può aggiungere anche se sembra (e probabilmente lo è) una banalità, che è bene dedicarsi a categorie di modelli da velocità "estremi" essendo molto BEN consapevoli delle proprie capacità di pilotaggio (modelli che scompaiono alla vista in pochi decimi di secondo) e capacità costruttive adeguate, anche se di costruzione vera e propria non si può parlare (se non in particolari casi di autocostruzioni artigianali) ma di cura maniacale dell'allestimento si! Perciò, oltre che componentistica scarsa o di non comprovata qualità, evitare come la peste:
Incollaggi posticci magari all'ultimo minuto alla "secondo me ci sta", forcelline appena puntate alla "spero che tenga", tiranterie con micromorsettino alla "massì che tiene", servi incollati con la goccia di ciano perchè se mai devo toglierli almeno si staccano facilmente, eliche non bilanciate perchè "non ho il bilanciatore ma mi pare che non vibra" e tante altre cosucce viste e sentite purtroppo sui campi.... Ovviamente ogni punto può essere approfondito e se ne possono aggiungere tanti altri.
Tamanaco non è collegato   Rispondi citando