Torna indietro   BaroneRosso.it - Forum Modellismo > Categoria Aeromodellismo > Cultura aeronautica e aeromodellistica


Rispondi
 
Strumenti discussione Visualizzazione
Vecchio 10 aprile 17, 15:31   #1 (permalink)  Top
User
 
Data registr.: 18-06-2016
Residenza: Bologna
Messaggi: 67
Come leggere le carte aeronautiche: HowTo per aeromodellisti

Da quando l’Ente Nazionale Aviazione Civile, emettendo il primo regolamento per Aeromobili a Pilotaggio Remoto ha equiparato gli aeromodelli, a veri e propri aeromobili, si è resa necessaria una conoscenza delle carte aeronautiche.


Con l’evoluzione del regolamento per i SAPR che contiene un paio di paginette dedicate agli aeromodellisti, si rende necessario anche per loro la conoscenza e la dislocazione perlomeno degli ATZ e dei CTR essendo vietato il volo all’interno di queste aeree.

Abbiamo visto come sia possibile con un strumento gratuito, Italian Airspace Lite, vedere a grandi linee dove si trovano le zone interdette di cui sopra, ma per avere una certezza matematica della zona di volo, è molto meglio leggere le carte aeronautiche aggiornate emesse e mantenute da ENAV – Ente Nazionale Assistenza al Volo.

In rete si trovano decine di tutorial e guide sulla lettura delle Carte Aeronautiche, ma per molti modellisti questo è un mondo nuovo e possono essere necessarie le conoscenze di base almeno, per poter sapere con certezza dove svolgere la propria attività ludica nel pieno rispetto del regolamento emesso dall’Ente Nazionale Aviazione Civile.

Guida alla lettura semplificata delle carte aeronautiche

Per prima cosa è necessario chiarire che in questa guida si farà riferimento alle carte aeronautiche ufficiali disponibili sul sito di ENAV sez. AIP Italia.
Sono carte in formato PDF ad alta risoluzione e sono fruibili gratuitamente per il download, previa registrazione sul sito dell’Ente.
1) Ci si connette al sito dell’Ente Nazionale Assistenza al Volo e se non si possiede un account è necessario perdere qualche minuto per registrarsi, ottenere le credenziali di accesso e accedere alla apposita area dedicata.


2) Una volta entrati con il proprio username e password ci si recherà sul menu che recita Servizi Online poi ancora si cliccherà su AIP e infine su ENR. O in alternativa cliccare sul questo link diretto.
Ci si troverà di fronte a una pagina con il logo AIP che significa Aeronautical Information Publication ovvero la pubblicazione ufficiale contiene le informazioni per la navigazione aerea in uno Stato. Un documento previsto dalle normative di ICAO (Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile).

I link blu che ci interessano sono dal ENR 6.3.1 al ENR 6.3-15.

3) Cliccando su ENR.6.3.1 si aprirà la carta principale di unione dell’Italia che spiega come sono suddivise le macro aree del nostro paese, considerando che la nostra penisola è stato suddivisa in 6 settori e i codici delle carte riportano la lettera LI, sigla ICAO dell’Italia: LI1 Nord – LI2 Centro – LI3 Sud – LI4 isole ecc.


4) Ci recheremo quindi nella zona di nostro interesse, dove vorremo svolgere attività aeromodellistica, evitando gli ATZ e i CTR come prevede il regolamento ENAC e scaricheremo la mappa in formato PDF. Sono files abbastanza pesanti da visualizzare con il software gratuito Adobe Reader o similare, ma con le attuali connessioni internet in pochi secondi le avremo sul nostro dispositivo, sia esso un computer, un tablet o uno smarpthone. Ovviamente con schermi piccoli si potranno avere difficoltà dovute al continuo scrolling dello schermo.

5) Effettuiamo il download ad esempio di ENR-6.3-5. zona di Padova che comprende parte dell’Emilia Romagna, Lombardia ecc. Ingrandiremo la zona dove si si vorrà far volare il proprio aeromodello concentrandoci solo sui particolari che interessano il nostro volo., escludendo volutamente le informazioni sulle rotte standard VFR, – linee intere o tratteggiate marroni – o punti standard di riporto VFR – triangolini dello stesso colore -. Nulla vieta di volare sotto le linee o i triangolini marroni ma è più probabile che in quelle zone transitino velivoli della Aeronautica Militare dai 500 feet di altezza in su

Ecco fatto, ora siamo in possesso delle carte aeronautiche della zona nella quale ci interessa sapere se possiamo volare con il nostro aeromodello. Ma adesso inizia la fase di lavoro più impegnativa: come leggere e capire le carte di navigazione aerea.


Colori delle linee e simboli importanti

Nella letture delle AIP ad uso modellistico per gli aeromodelli, sono importanti gli aerodromi con le relative zone di competenza ATZ. – ndr Esistono anche aeroporti senza gli ATZ , esempio Vercelli e Alessandria – Altrettanto importanti sono i CTR che allo stesso modo non possono essere sorvolati se partono da SFC cioè da Surface ovvero dal suolo definiti come CTR zone 1.
Non sono da sottovalutare e nemmeno le zone P,D o R.
Se vogliamo proprio essere precisi, è necessario tenere bene a mente che l’aeromodellista deve dare la precedenza a tutti gli aeromobili, non deve volare vicino a strutture sensibili, carceri, zone militari, ferrovie, autostrade. Quindi nella lettura delle carte, prestare la massima attenzione a tutti i simboli o linee che attraversino o insistano nella zona nella quale si voglia svolgere attività ludica.

Evitare tutti i CTR o solo i CTR che partono dal suolo?
Per quanto riguarda le Controlled Zone i cosiddetti CTR, nel regolamento si parla di CTR al plurale, quindi potrebbero essere intesi tutti i CTR a tutte le quote. Il che di fatto vieterebbe tutte le attività modellistica praticamente in tutta Italia.
Ma in realtà se invece consideriamo a rigor di logica solo i CTR che partono da SFC, cioè semplificando da terra sino alla loro quota massima che solitamente è intorno ai 1500/2000 piedi, escludendo gli altri CTR che partono da quote ben più alte e non raggiungibili dai normali aeromodelli limitati ai 70 metri – salvo eccezione per i possessori di attestato di aeromodellista – gli spazi per volare aumentano un pochino. Frequentemente i CTR che partono dal suolo sono i CTR1, ma possono essere anche CTR2 come nel caso di Firenze dove viene specificato che la zone 2 parte da 2500 piedi o SFC, a seconda di cosa sia più alto. (il motivo è semplice in questo caso, parliamo di orografia montana)



Simboli e colori
Un cerchio di colore nero indica un aerodromo
Una linea marrone indica l’area di competenza di un ATZ
Una linea azzurra la area di competenza di un CTA o CTR
Una serie di linee oblique di colore viola zona P (Proibited)
Una serie di linee oblique di colore rosa zona R (Restricted)
Una serie di linee oblique di colore gialle zona D (Dangerous)
Una linea rossa con carro armato, area militare
Una linea azzurra con paracadutista, attività di lancio
Una linea verde con una aquila, zona di rispetto ambientale Parco
Una serie di linee oblique di colore fucsia, attività di volo/aeroclub o aviosuperfici in genere

Avvertenza: dato che i simboli e i colori possono variare nel tempo, è vivamente consigliato cominciare a leggere e a interpretare le carte, partendo dalla legenda e prestando attenzione ai simboli ivi riportati.



CTR e ATZ, ma attenzione ci sono anche altri divieti!

Da Evitare inoltre le aree
• P – Proibite
• D – Pericolose
• R – Riservate
• Le aree di interesse naturale
• Mantenere una distanza minima di 5 km dagli aeroporti
• Fare attenzione ai luoghi con attività di lancio Paracadutisti
• Le aree destinate all’Acrobazia aerea
• Le aree destinate ai poligoni Militari
• Le aree di lavoro e addestramenti (training)
aree-vietate-P


Nella carta di cui sopra notare i cerchi con linee oblique viola, area P con i numeri P145 e P144

Se andiamo a a verificare nella sezione ENR 5, possiamo trovare nella lista di fianco alla numerazione P144 e P145 alcune zone P, cioè vietate in maniera permanente al volo aereo civile quindi anche degli aeromodelli, in quanto zone sedi di edifici particolari, in questo caso carceri.



Approfondimento

Le spiegazione e l’elenco testuale delle zone vietate, regolamentate, pericolose militari ecc. si può ottenere osservando la sezione ENR 5 cliccando su questo link.
Approfondendo eventualmente cliccando sulle sottosezioni a fianco e aprendo i relativi documenti in PDF.


Compendio
Suddivisione dello spazio aereo italiano secondo i principi stabiliti da ICAO nelle classi A,B,C,D,E,F,G in base a principi altimetrici. In Italia le TMA sono Milano Roma e Brindisi, e le FIR: Milano, Roma, Brindisi e Padova.
Legenda e glossario dei termini
AIP Aeronautical Information Publication
ATZ (Aerodrome Trafic Zone, Zona di Traffico Aeroportuale)
ENR6 Carte aeronautiche di rotta
CTR (Control Zone), sono aree messe a protezione dei aeroporti di interesse maggiore o soggette ad intenso traffico
ICAO Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (in inglese International Civil Aviation Organization,
TMA (Terminal Control Area). La Terminal area è uno spazio aereo di classe alfa quindi vietata ai voli VFR

Conclusione
Se siete arrivati sino a questo punto, avrete forse appreso le principali cose da sapere per volare in sicurezza, rispettando il regolamento ENAC previsto per il volo ludico degli aeromodelli.
Vi sarete certamente accorti che lo spazio aereo italiano è complesso che in alcune zone d’Italia è particolarmente difficile svolgere una attività aero modellistica.
Al contrario, grazie alla consultazione delle carte AIP, si possono trovare zone che si pensavano vietate e che invece non lo sono. In caso di difficoltà nella consultazione, chiedete a chi è più esperto o del mestiere.


Link alla fonte originale con foto e formattazione.
__________________
DronEzine
www.dronezine.it
Stefano Orsi non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 11 aprile 17, 22:08   #2 (permalink)  Top
Padre della Teoria del bidet
 
L'avatar di sloper_marco
 
Data registr.: 18-01-2007
Residenza: Firenze
Messaggi: 3.411
sloper_marco non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 11 aprile 17, 23:02   #3 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di milan
 
Data registr.: 11-01-2009
Residenza: bologna
Messaggi: 5.424
Bel lavoro grazie,


Umberto
__________________
SONO DEI POLLI !
----------------
milan è collegato   Rispondi citando
Vecchio 12 aprile 17, 21:38   #4 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di MaxAgo
 
Data registr.: 17-03-2008
Residenza: Chiassaia, Lignano, Poti, Tegoleto (AR)
Messaggi: 416
Immagini: 14
Informazione preziosa, ed un "arma" che mancava nel mondo dell'aeromodellismo.
Grazie
Max
MaxAgo non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 14 aprile 17, 00:49   #5 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Mach .99
 
Data registr.: 20-03-2006
Messaggi: 5.084
Ottimo lavoro
Una precisazione relativa al compendio, verso la fine:
La suddivisione in classi ABCDEFG non è in base a principi altimetrici, ma bensì in base al servizio fornito nel relativo spazio.
Cosa che peraltro non interessa minimamente al modellista, se in uno spazio C é fornita la separazione tra traffici IFR e VFR, o se in Italia lo spazio B non esiste; se le TMA sono A, o se i CTR sono C o D.
Purtroppo per un modellista é limitante anche una semplice ATZ di classe G.

Ultima modifica di Mach .99 : 14 aprile 17 alle ore 00:57
Mach .99 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 14 aprile 17, 12:21   #6 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di MAXZANI
 
Data registr.: 18-12-2009
Residenza: biella
Messaggi: 2.980
Citazione:
Originalmente inviato da Mach .99 Visualizza messaggio
Ottimo lavoro
Una precisazione relativa al compendio, verso la fine:
La suddivisione in classi ABCDEFG non è in base a principi altimetrici, ma bensì in base al servizio fornito nel relativo spazio.
Cosa che peraltro non interessa minimamente al modellista, se in uno spazio C é fornita la separazione tra traffici IFR e VFR, o se in Italia lo spazio B non esiste; se le TMA sono A, o se i CTR sono C o D.
Purtroppo per un modellista é limitante anche una semplice ATZ di classe G.
Ma un'ATZ di spazio G.....non è un controsenso...?
__________________
Non e' mai troppo tardi per avere un'infanzia felice

www.gruppoaeromodellistibiellesi.com; www.aecbiella.com
MAXZANI non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 14 aprile 17, 16:14   #7 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Mach .99
 
Data registr.: 20-03-2006
Messaggi: 5.084
Citazione:
Originalmente inviato da MAXZANI Visualizza messaggio
Ma un'ATZ di spazio G.....non è un controsenso...?
Per definizione ICAO l'ATZ prende la classe dal CTR che la contiene; se l'ATZ é in uno spazio G?

In Italia sono poche, ne esistono mi pare 5 o 6 tra cui Roma Urbe e Viterbo, che essendo sotto la TMA di Roma (le TMA non toccano mai terra) non sono in nessun CTR.

Se avessero preso la classe dalla TMA sarebbero stati aeroporti deserti in quanto chiusi al traffico VFR.

Ultima modifica di Mach .99 : 14 aprile 17 alle ore 16:20
Mach .99 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 14 aprile 17, 20:43   #8 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di MAXZANI
 
Data registr.: 18-12-2009
Residenza: biella
Messaggi: 2.980
Citazione:
Originalmente inviato da Mach .99 Visualizza messaggio
Per definizione ICAO l'ATZ prende la classe dal CTR che la contiene; se l'ATZ é in uno spazio G?

In Italia sono poche, ne esistono mi pare 5 o 6 tra cui Roma Urbe e Viterbo, che essendo sotto la TMA di Roma (le TMA non toccano mai terra) non sono in nessun CTR.

Se avessero preso la classe dalla TMA sarebbero stati aeroporti deserti in quanto chiusi al traffico VFR.
Anche Biella......che non è in nessun CTR....e l'unico ente all'interno è un AFIS.......questa ATZ cosa protegge se nessuno è in grado di vietarmi l'ingresso..?....bho...?

.....e a cosa serve ancora se Enac ha sospeso la qualifica di scalo commerciale...?.... ( scalo commerciale per modo di dire......fino a 9 passeggeri e fino a 5400 kg.....)....
__________________
Non e' mai troppo tardi per avere un'infanzia felice

www.gruppoaeromodellistibiellesi.com; www.aecbiella.com
MAXZANI non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 15 aprile 17, 10:08   #9 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di Mach .99
 
Data registr.: 20-03-2006
Messaggi: 5.084
In effetti...
Ma per definizione l'ATZ può essere controllato o non controllato, a seconda del tipo di servizio che viene fornito.

Sono d'accordo, se il servizio non controlla nulla ma dá solo informazioni potrebbe pure non esserci un ATZ.
Biella credevo fosse in Torino CTR, poi credo che sia uno dei pochi ad avere un ATZ non circolare. Dobbiamo sempre distinguerci..
Mach .99 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 15 aprile 17, 13:09   #10 (permalink)  Top
User
 
L'avatar di MAXZANI
 
Data registr.: 18-12-2009
Residenza: biella
Messaggi: 2.980
Citazione:
Originalmente inviato da Mach .99 Visualizza messaggio
In effetti...
Ma per definizione l'ATZ può essere controllato o non controllato, a seconda del tipo di servizio che viene fornito.

Sono d'accordo, se il servizio non controlla nulla ma dá solo informazioni potrebbe pure non esserci un ATZ.
Biella credevo fosse in Torino CTR, poi credo che sia uno dei pochi ad avere un ATZ non circolare. Dobbiamo sempre distinguerci..
Verso est c'è una zona militare con tiri a fuoco...........non hanno voluto l'ATZ...........così l'hanno fatta semicircolare....
__________________
Non e' mai troppo tardi per avere un'infanzia felice

www.gruppoaeromodellistibiellesi.com; www.aecbiella.com
MAXZANI non è collegato   Rispondi citando
Rispondi

Bookmarks



Strumenti discussione
Visualizzazione

Regole di scrittura
Non puoi creare nuove discussioni
Non puoi rispondere alle discussioni
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks è Disattivato
Pingbacks è Disattivato
Refbacks è Disattivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Commenti Ultimo Commento
Riviste aeronautiche.. lalapa Cultura aeronautica e aeromodellistica 6 03 marzo 16 11:15
Costruzioni aeronautiche max_c26acro Cultura aeronautica e aeromodellistica 10 20 aprile 13 18:46
[REQ HOWTO] Vedere in una unica lista solo le discussioni in cui si è postato? elnegrozumbon Segnalazione Bug e consigli 3 15 settembre 12 19:15
HOWTO: HS55 con ingranaggi in metallo.... Skizzo Radiocomandi 2 14 ottobre 08 12:30



Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 12:28.


Basato su: vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica. Copyright 1998/2017 - K-Bits P.I. 09395831002